Pasquale Di Lena

Pasquale Di Lena attualmente collabora con Fidal Servizi, con seminari e degustazioni di prodotti italiani certificati (DOP, IGP, STG) in Italia e nel mondo. Lavora per la realizzazione dei progetti “Olivoteca d’Italia” e Associazione “I Produttori del Tempo”.

Segretario Generale, dal 1982 al 2004, dell’Ente Mostra Vini - Enoteca Italiana di Siena. In questa veste progetta e promuove iniziative in Italia ed all’estero, produce pubblicazioni e il periodico “Enoteca” e “Enoteca News” che dirige.

Socio onorario dell’Assocoazione Stampa Estera e dell’AIS, Associazione Italiana Sommelier. Accademico della Vite e Vino e dell’Olivo e Olio.
Poeta e scrittore, pubblica, nel 2011, Carolina dice: da qui si vede il mondo!, raccolta di poesie in italiano; la ristampa di Là dove la Terra dona e 2011- Andar per olio ne Molise, due libri dedicati all’Olio del Molise, prodotti anche nel 2010 ed esauriti; Molise, Il Piacere di una Scoperta, in doppia lingua, italiano e tedesco (2009), inglese (2010) spagnolo (2010); in spagnolo, Marcas (2010) e Maraton de las Belezas de Italia (2010); in inglese, Italian Sport Food (2010) e The Italy that still runs! Genuine Passion (2010); U penziere (1988), una raccolta di poesie in dialetto della città di Larino.
Vincitore del premio giornalistico “Vini di Toscana”.


Pasquale Di Lena. Currently working whit Fidal Servizi, organizing seminars and tasting of the certified Italian product (PDO, PGI, STG) in Italy and abroad. He works for the project “Olivoteca of Italy” and Association “Produttori nel Tempo”.

From 1982 to 2004 was General Secretary for the institution of Ente Mostra Vini – Enoteca Italiana of Siena. In this capacity develops and promotes a number of initiatives in Italy and abroad, publications and the periodical “Enoteca” and “Enoteca News”, of which he is director.

Founder of the “National Association of the Oil City”, of which he is Honorary President. Honorary Member of the Foreign Press Association in Italy and AIS, Italian Sommelier Association. Academic of the Vine and Wine and of the Olive and Oil.

Poet and Writer, he released, in Italian, “Carolina says: from here you see the world” (2011), a collection of poems; the reprints of “Là dove la terra dona” (2011) e “2011 – Andar per olio nel Molise” (2011), two books devoted to Olive Oil Molise, published also in 2010 and spent; “Molise, the Pleasure of Discovery”, in both Italian, German (2009), English (2010) and Spanish (2010); in Spanish, “Marcas” and “Maraton de las Belezas de Italia” (2010); in English, “Italian Sport Food” (2010) and “The Italy that still runs! Genuine Passion” (2010); “U penziere” (1988), a collection of poems in the dialect of Larino.
Prize-winning journalist “Vini di Toscana”.


Tutti gli articoli di Pasquale Di Lena

Editoriali02/10/2020

Sono agricoltore, non servo delle banche, delle multinazionali, della Grande Distribuzione

Sono agricoltore, non servo delle banche, delle multinazionali, della Grande Distribuzione

Continuare a ragionare di ripresa senza porre al centro un nuovo tipo di sviluppo che ha nell’agricoltura il perno intorno al quale può girare, vuol dire dare continuità a un sistema ormai logoro

Editoriali04/09/2020

Dalla sovranità alla sicurezza alimentare il passo è più breve di quanto si pensi

Dalla sovranità alla sicurezza alimentare il passo è più breve di quanto si pensi

Per la transizione e affermazione ecologica dell’agricoltura c’è bisogno di territorio, come pure di programmi, progetti, strategie. Produttori e consumatori insieme non solo per dialogare, ma, anche, per essere protagonisti 

Editoriali24/07/2020

Ora Giuseppe Conte deve pensare a ripopolare le campagne italiane: i territori al centro della ripresa

Ora Giuseppe Conte deve pensare a ripopolare le campagne italiane: i territori al centro della ripresa

Il territorio, l’origine della qualità del nostro cibo, ha trovato il suo nemico nella classe politica e dirigenziale che, ai vari livelli e a partire dagli anni ’90, ha governato questa nostra Italia


Editoriali19/06/2020

Cambiando il luogo di osservazione si modifica il punto di vista

Cambiando il luogo di osservazione si modifica il punto di vista

Il superintensivo quale ricerca della massima quantità mal si concilia con la qualità e, soprattutto, con la salute dell’ambiente, del clima e degli stessi esseri viventi

Editoriali05/06/2020

Bosco Monini: millenni di storia che vengono imbrattati da una sola motivazione, il dio denaro

Bosco Monini: millenni di storia che vengono imbrattati da una sola motivazione, il dio denaro

La cultura neoliberista, caratterizzata dallo spreco enorme di risorse per l’indole propria di un sistema predatorio e distruttivo, torna nella scelta del superintensivo. Un sistema che azzera il tempo, sprecandolo, e, azzera il territorio, distruggendolo

Editoriali24/04/2020

Salute e agricoltura, un binomio molto più stretto di quanto si osa immaginare

Salute e agricoltura, un binomio molto più stretto di quanto si osa immaginare

Si tratta di pensare e lavorare per un progetto possibile da realizzare come coniugare due politiche di grande attualità: la sanità e l’agricoltura, comprese zootecnia e forestazione


Editoriali13/03/2020

Sarà la paura a farci ragionare, sarà il territorio, il grande bene comune

Sarà la paura a farci ragionare, sarà il territorio, il grande bene comune

Sarà la consapevolezza della nostra fragilità a mettere in luce i nostri limiti; a farci capire i bisogni primari, essenziali e, anche, a sentire il vuoto dei valori, a partire dall’abbraccio, il bacio, la carezza, la stretta di mano, lo sguardo, la parola, il dialogo

Italia31/01/2020

Il Molise punta a un'olivicoltura tutta biologica

Il Molise punta a un'olivicoltura tutta biologica

L'obiettivo è fare dell’olio biologico il simbolo di un rapporto virtuoso tra la tutela della biodiversità, l’utilizzo di pratiche produttive sapienti e sostenibili, la certificazione dell’elevata qualità salutistica del prodotto. Il Molise si conferma laboratorio di idee e progetti

Mondo Enoico17/01/2020

Il mondo del vino italiano ha bisogno di una scossa per poter galoppare

Il mondo del vino italiano ha bisogno di una scossa per poter galoppare

Un mondo sempre più instabile anche per le notizie sul clima davvero preoccupanti, sia per la coltivazione della vite che per il mercato del vino


Italia10/01/2020

Grazie Paolo Benvenuti per il tuo impegno per il mondo del vino

Grazie Paolo Benvenuti per il tuo impegno per il mondo del vino

Scomparso il direttore dell'Associazione Città del Vino, motore di tante iniziative per la valorizzazione del Nettare di Bacco italiano

Editoriali20/12/2019

L’olio, come il vino: testimoni principi dei territori

L’olio, come il vino: testimoni principi dei territori

Negli ultimi 60anni, si son persi 10 milioni di ettari di territorio e, con l’avvio dell’agricoltura industrializzata. Oggi occorre un'altra rivoluzione che, come venticinque anni fa, nei cervelli degli uomini

Editoriali01/11/2019

Il mondo nuovo degli oliveti superintensivi, che viene da lontano

Il mondo nuovo degli oliveti superintensivi, che viene da lontano

L'agricoltura inustrializzata, massima produttività al minor costo, è una concenzione del Dopoguerra. Oggi la crisi strutturale del sistema obbliga a un cambio di paradigma