Gastronomia 01/02/2019

Il vino di Bruno Vespa alla bouvette di Montecitorio, con giallo

Il vino di Bruno Vespa alla bouvette di Montecitorio, con giallo

Dopo aver ospitato per anni deputati, senatori e ministri, ora si aprono le porte di Montecitorio per Bruno Vespa. La produzione enoica pugliese dell'ex direttore del Tg1 arriva alla bouvette ma scoppia la polemica sul prezzo


Bruno Vespa, già direttore del Tg1 e, con Porta a Porta, terza camera dello Stato, è entrato a Montecitorio.

Sugli scaffali in stile Liberty della buvette di Montecitorio è spuntata, infatti, una bottiglia della vigna di proprietà della famiglia Vespa, in Manduria. Si tratta del Puglia Rosso Igp, primitivo 100%, annata 2015. Sull'etichetta in primo piano c'è la 'firma di famiglia', una 'V', con sotto la scritta in nero su sfondo bianco, 'il Bruno dei Vespa'.

"Il Bruno dei Vespa è un primitivo Salento che può accompagnare elegantemente pasti quotidiani di ogni genere", si legge sul sito della cantina (vespavignaioli.it). In genere i produttori danno il proprio nome al vino più importante della casa, ma Vespa, spiega la scheda di presentazione, ''ha fatto la scelta opposta: ha battezzato il vino di minore costo perché la sua sfida è di far accostare il maggior numero di consumatori a un prodotto con un eccellente rapporto tra qualità e prezzo di vendita". Secondo il listino pubblicato on line, la bottiglia viene venduta a 8,90 euro.

Sugli scaffali della bouvette di Montecitorio il costo di acquisto è però di 15 euro, fatto che ha scatenato le ire del Codacons. Bruno Vespa "vignaiolo" diventa un caso alla Camera dei Deputati
"Vogliamo capire come sia stato fissato il listino di vendita del vino presso la Camera dei Deputati e se corrisponda al vero quanto riportato dalla stampa, ossia che il prezzo di una bottiglia alla buvette del rosso di Bruno Vespa è pari a 15 euro – spiega il Codacons – Per tale motivo presentiamo una istanza al Presidente della Camera, Roberto Fico, affinché fornisca i dovuti chiarimenti sul caso."

Alla polemica ha prontamente risposto proprio Bruno Vespa: Bruno Vespa "vignaiolo" diventa un caso alla Camera dei Deputati
''Posso assicurare che il prezzo di vendita alla buvette di Montecitorio (15 euro) è nettamente inferiore al prezzo più basso riscontrabile in qualunque ristorante".

In attesa di chiarezza la bottiglia è stata ritirata dagli scaffali.

Nel“

Il“

di T N