Bio e Natura10/05/2016

Il pastazzo di agrumi diventa una risorsa per produrre tessuti e fertilizzanti

E' lo scarto degli agrumi, di arance e limoni. Qualcuno lo definirebbe un rifiuto e invece è un'opportunità. Ogni anno l'industria agrumicola produce oltre 700 mila tonnellate di scarti, 340 mila solo in Sicilia

di T N
Bio e Natura28/04/2016

Una nuova frontiera per il gluten free grazie a due ricercatrici italiane

Grazie a due proteine, zelina e glutelina, anche i celiaci potranno mangiare pane fragrante e pasta al dente. Grazie a questa scoperta Virna Cerne e Ombretta Polenghi sono in finale all'European Inventor Award 2016

di C. S.
Bio e Natura28/04/2016

Per controllare il Parmigiano Reggiano basterà un battito di ciglia

Il Crea ha messo a punto un piccolo spettrometro NIR che permette di raccogliere dati come l’umidità, il grasso, le proteine e il coefficiente di maturazione sulle forme di formaggio senza intaccarle. Un utile strumento di monitoraggio per distinguere  lotti e qualità

di C. S.

Bio e Natura22/04/2016

Le colture OGM cominciano a segnare il passo

Anche negli Stati Uniti, patria che ha visto nascere gli organismi geneticamente modificati, si comincia a metterne in dubbio l'utilità economica. La superficie coltivata a OGM, per la prima volta da vent'anni, è diminuita dell'1%

di C. S.
Bio e Natura25/03/2016

Un piano strategico per rafforzare la leadership italiana nell'agricoltura biologica

Un piano strategico per rafforzare la leadership italiana nell'agricoltura biologica

Oltre 1.3 milioni ettari di superficie, più di 55.000 operatori, con un fatturato di quasi 4 miliardi di euro. Nell’ultimo anno i consumi interni di prodotti biologici hanno registrato un incremento del 20%. Ora dieci azioni per guardare al 2020 e oltre

di T N
Bio e Natura22/03/2016

L'espansione incontrollata dei boschi italiani è un pericolo?

La superficie a bosco in Italia cresce di 28 mila ettari all'anno, soltanto 1.700 ettari dovuti a rimboschimento ad opera dell’uomo. L'espansione incontrollata può portare a problemi di incendi, attacchi di parassiti ma anche per l’assetto idrogeologico del territorio, per l’incolumità pubblica nonché per la conservazione del paesaggio e della biodiversità

di C. S.

Bio e Natura18/03/2016

OGM sì, OGM no: lasciamo parlare la scienza

Le nuove frontiere per il miglioramento delle colture agrarie sono la cisgenetica e il gene editing. Attardarsi sugli OGM è ormai anacronistico. Occorre guardare oltre, pensando anche alla salvaguardia del nostro Made in Italy

di Emiliano Racca
Bio e Natura10/03/2016

Mettere in sicurezza gli alberi nei nostri parchi e nelle nostre città

Gli eventi meteorici sempre più intesi ripropongono il tema della cura e della gestione del nostro patrimonio verde nei centri urbani. E' assurdo che la soluzione possa essere solo l'eliminazione delle alberature di una certa imponenza e valenza vegetativa. Occorrono metodi strumentali di indagine razionali ed oggettivi

di Giovanni Perri
Bio e Natura04/03/2016

Cresce il mercato, crescono i prezzi e cresce la voglia di biologico in Italia

Cresce il mercato, crescono i prezzi e cresce la voglia di biologico in Italia

Il mercato italiano dei prodotti bio ha superato i 2 miliardi di euro. Nella Grande Distribuzione conquista sempre più spazi e nel settore dell'ortofrutta vale ormai il 10% del fatturato complessivo. Se la GDO è ancora il player distributivo principale, i canali specializzati stanno recuperando terreno

di T N

Bio e Natura15/02/2016

Vicini al traguardo dei 50 milioni di ettari a biologico nel mondo

Aumenta ancora la crescita delle coltivazioni biologiche, spinte dall'incremento del mercato americano. Ormai il giro d'affari del settore è arrivato a 60 miliardi di euro all'anno

di C. S.
Bio e Natura12/02/2016

Il biologico piace sempre di più ma alcune regioni lo boicottano

Il biologico piace sempre di più ma alcune regioni lo boicottano

Nel 2014 l'export del biologico ha raggiunto gli 1,4 miliardi di euro, il 4% dell'intero settore agroalimentare italiano. Alcune aree del Paese, dalla Val d'Aosta alla Campania, continuano però a non credere nel bio, dedicandovi risorse molto limitate

di T N
Bio e Natura10/02/2016

La nuova frontiera degli orti urbani è una serra autosufficiente

Realizzata con materiali di recupero vuole essere la nuova frontiera della produzione di cibo in città. Secondo lo studio che l'ha progettata e realizzata potrebbe produrre fino a 3 tonnellate di ortaggi e verdure all'anno

di T N

Bio e Natura03/02/2016

Un nuovo drone per risparmiare su acqua e fitofarmaci

Il prototipo di drone, realizzato dall’Area di ricerca di Pisa del Cnr, sarà impiegato nell’agricoltura di precisione e in viticoltura per ridurre al minimo gli impatti ambientali dei sistemi produttivi

di C. S.
Bio e Natura28/01/2016

Un futuro oltre il rame per il biologico

Un nuovo progetto del Crea per trovare nuove strategie volte alla limitazione o all'eliminazione totale del rame, in vista delle nuove regole europee che dovrebbero entrare in vigore 31 dicembre 2018

di C. S.
Bio e Natura26/01/2016

Il carciofo senza più segreti, prossima tappa il grano duro

L’Italia è il primo produttore mondiale di carciofi. Questa coltura tipica, con le sue peculiari caratteristiche organolettiche, è al centro di tanti piatti e ricette della nostra cultura alimentare, dal Piemonte alla Sicilia

di C. S.

Bio e Natura08/01/2016

Se il castagno tornasse a dominare le colline del centro Italia. Ipotesi di un nuovo business

Un convegno a Rocca di Papa ha commentato un Piano di gestione forestale nel territorio della Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini nel quale il castagno ha un posto di rilievo

di Marcello Ortenzi
Bio e Natura17/12/2015

L'accordo per salvare il pianeta è una cambiale in bianco che nessuno vuole firmare

L'accordo per salvare il pianeta è una cambiale in bianco che nessuno vuole firmare

Secondo gli scettici COP 21 è stata solo una mirabolante operazione di marketing climatico. Per gli ottimisti è il preludio a una svolta green dell'economia globale. Le scadenze nell'applicazione dell'accordo hanno lasciato insoddisfatti tutti

di T N
Bio e Natura17/12/2015

Quali azioni concrete sono possibili per tutelare la risorsa suolo?

In occasione del World Soil Day 2015, che si è svolto a Torino, sono emersi limiti e criticità della pianificazione territoriale: troppo spesso si è dato priorità ad esigenze di ampliamento infrastrutturale

di Emiliano Racca