Anno 15 | 28 Aprile 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > MONDO ENOICO

La fine del dirigismo del Ministero delle politiche agricole sulla filiera vino

I rappresentanti delle organizzazioni vitivinicole hanno ottenuto una maggiore concertazione su decreti applicativi del Testo Univo del Vino e sulla prossima Ocm promozione. Confermato stop a sanzioni su registro telematico fino al 30 giugno

C. S.

La sfida del cambiamento climativo per i vini dell'Alto Adige

Lo sviluppo della qualità e le sfide del mutamento climatico in viticoltura sono stati temi dell’incontro con enologi di Trentino e Piemonte al Centro Laimburg. Diventa decisiva la garanzia di un apporto sufficiente di acqua alla vite

C. S.

Il quarto di nobiltà sull'etichetta del vino cattura sempre l'attenzione

Non è solo il nome, più o meno famoso, a influenzare la scelta. L'occhio spesso cade sugli stemmi della famiglia o della tenuta. Più dei punteggi sulle guide, un'immagine che rievoca una lunga storia rassicura. Ecco i dieci vini con gli stemmi più accattivanti secondo una ricerca di Spot and Web

T N

La difesa del vino italiano passa dalla tutela dei marchi

Tutelare il proprio marchio è una necessità che va oltre le già riconosciute denominazioni di origine controllata, soprattutto in un contesto, quale è quello vitivinicolo, in costante movimento dove vengono riscoperti antichi vitigni e nascono nuovi vini

C. S.

A rischio i terroir vitivinicoli con i cambiamenti climatici

In Australia stanno importando vitigni come il Montepulciano, il Nero d’Avola, il Sagrantino, l’Aglianico. Siamo di fronte a una rivoluzione culturale della viticoltura europea che interroga la ricerca ma anche, e soprattutto, i produttori

C. S.

L'Italia vitivinicola fa poca qualità e tanta quantità

L'Italia è il terzo Paese dell'Unione Europea per superficie coltivata a vigneto. Le maggiori superfici a vite in Spagna e Francia. L'Italia dedica alla produzione di vino di qualità il 52,1% dell'uva che coltiva, contro la media Ue del 78%

C. S.

Cosa amano, cercano e comprano i Millenial in un vino

Il consumo di vino è percepito dai Millennial come un'occasione di socializzazione, un elemento di cultura e rappresentativo di uno stile di vita. Poco fedeli ad un solo brand, ma guidati da valori di sostenibilità

C. S.

Il vino vegano, un'ultranicchia che cresce

Richieste di certificazione in aumento del 35% e giro d'affari da 6 milioni di euro. Divieto d’uso di prodotti di origine animale per la chiarificazione, stabilizzazione o il confezionamento

C. S.

La tracciabilità genetica della filiera enologica. Prevenire le frodi è possibile?

Alcuni disciplinari di produzione prevedono la purezza varietale o l’impiego di vitigni in proporzioni definite. E' possibile accertarlo grazie a un campionamento a scaffale? Oggi esistono tecniche diverse e complementari basate su analisi degli isotopi stabili, genomica e metabolomica, che possono fornire importanti informazioni 

C. S.

Una legge per l'enoturismo, risorsa per il futuro italiano

Le cantine hanno diritto di poter accogliere i turisti e sono esse stesse una risorsa turistica per l'Italia. Vanno dunque valorizzate e inquadrate in una normativa che permetta loro di diffondere la cultura enoica, senza snaturale la loro natura imprenditoriale

Marcello Ortenzi

Ripensare la potatura, per allungare la vita del vigneto

Con la riduzione dei margini, nelle cantine si fanno i conti anche sulla durata dei vigneti. Attualizzare metodi del passato è la nuova parola d'ordine d'oggi. La chiave di tutto è la prevenzione delle malattie del legno, senza rinunciare alla qualità dell'uva e al giusto equilibrio vegeto-produttivo

T N

Sempre più donne scelgono il vino al ristorante

La scelta del vino non è più prerogativa maschile. Le donne si orientano prevalentemente verso le tipologie bianco, spumanti compresi, con un occhio di riguardo alle produzioni biologiche e biodinamiche

C. S.

Sarà un software a gestire la fermentazione del vino per ottenere più aromi

Nel futuro la tecnologia e l'informatica entreranno sempre più prepotentemente in cantina per ottimizzare il processo e ottenere gli aromi desiderati. Temperatura e concentrazione di azoto, durante la fermentazione secondaria, sono determinanti per l'aromaticità di un vino

R. T.

Il binomio giusto per il vino del futuro è gusto e sostenibilità

Gusto, piacevolezza ed edonismo, benessere, con salubrità e sostanze antiossidanti, e sostenibilità, con tracciabilità e basso impatto ambientali, sono le chiavi per comprendere lo sviluppo del comparto vitivinicolo dei prossimi anni

C. S.

La peronospora sempre più insidiosa per i vigneti italiani

A San Michele il tradizionale incontro per viticoltori, tecnici ed enologi. Si è parlato di peronospora, che ha colpito quest'anno soprattutto il Merlot, ma grazie alla difesa preventiva la malattia è risultata contenuta. I vini, sia bianchi che rossi, risultano di ottima qualità

C. S.

Le onde elettromagnetiche pulsanti entrano in cantina

Trasferire, attraverso i campi elettromagnetici pulsanti, le caratteristiche organolettiche di un'annata, che magari ha riscontrato successo sul mercato, per trasferirli ad altre bottiglie, purchè dello stesso vitigno. E' una sfida tecnologica tutta italiana

R. T.

Una vendemmia di qualità per la Toscana vitivinicola

La tipogia del vigneto, e le condizioni climatiche che caratterizzano un’ annata e la interazione tra i fattori genetici, ambientali e geopedologici del sito, determinano ogni anno una potenzialità qualitativa che è sitospecifica

Sostenibilità e produzione integrata, binomio vincente per la viticoltura di montagna

Il Mipaaf e gli assessorati all’agricoltura di regioni e province autonome, hanno dato vita al sistema di qualità nazionale di produzione integrata. Un sistema a cui potranno accedere i vigneti di montagna, patrimonio di biodiversità

C. S.

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

L'autogol dell'olivicoltura italiana

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano