Anno 15 | 18 Ottobre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

PENSIERI E PAROLE > EDITORIALI

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

I supereroi dello sniffo non esistono. Occorre tornare alle origini, ricordando cosa ci hanno insegnato al corso, per andare oltre... Tutto il mondo olivicolo-oleario ne beneficerà

3

Alberto Grimelli

Periti Agrari, guardiani e tutori del territorio italiano

La fragilità del nostro territorio è certificata da cartografie diffuse di dettaglio, ma ancor di più dalle decine di migliaia di fenomeni distruttivi che annualmente colpiscono le persone e i territori dei nostri comuni. Come categoria sappiamo che le nostre inascoltate sollecitazioni potrebbero favorire soluzioni definitive. Le riflessioni del Presidente del Collegio nazionale dei Periti Agrari, Mario Braga

1

Mario Braga

Il Cibo, frutto della Terra e del Lavoro dell’Uomo

Possiamo trovare nella cristianità i molti valori del mondo rurale, un po' anche per ritrovare noi stessi e farci sarti, non per mettere delle pezze ma per creare un nuovo vestito che ha i colori dell’arcobaleno. Le riflessioni di Pasquale Di Lena

Degustatori tecnici di vino, avvicinatevi al consumatore

La ricerca motivazionale rileva, nel mondo del vino, un’importante attenzione del consumatore ai messaggi pubblicitari, alle mode, alla comunicazione social, alla diffusione di trend e stili. È in questo processo discrezionale che si inserisce l’apporto dei tecnici, degli enologi, dei Sommelier, degli assaggiatori Onav. Le riflessioni di Vito Intini, Presidente Onav

0

Vito Intini

La misura della sostenibilità è la sfida per l'agroalimentare italiano di domani

Il futuro è rappresentato da protocolli di sostenibilità che non guardino solo alla salvaguardia dell'ambiente e dell'energia, ma anche alla biodiversità, alle buone pratiche agricole, passando per dimensioni economiche e sociali. Da qui parte il bsiness di domani per l'agroalimentare italiano. L'analisi di Roberto Cariani di Ambiente Italia

0

Roberto Cariani

Origine riso e pasta, sede dello stabilimento: il governo boicotta i suoi decreti

Obbligatoria l'origine per pane, pasta e riso? Solo fumo negli occhi. Sede dello stabilimento in etichetta? Martina fa retromarcia. Il Ministero delle politiche agricole intralcia i percorsi europei, per fare in modo che sia la Commissione europea a fermare tutto. Il solito gioco di dare la colpa all'Europa. E invece... le storie e i retroscena raccontati da Dario Dongo di Great Italian Food Trade

0

Dario Dongo

Il potere di guardare al futuro

E' certo che viviamo una fase di passaggio e che saremo giudicati. Sull'incertezza di oggi si costruirà il futuro di domani e tutti noi siamo chiamati a esserne attori, non solo spettatori. Una responsabilità che spaventa ma in fondo incuriosisce

1

Alberto Grimelli

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

L'olio migliore viene fuori dalla frangitura con le molazze, dopo che le olive sono lasciate riposare qualche giorno. Oppure l'olio già a 5-6 euro ali litro non si vende, per cui meglio impiantare oliveti superintensivi. Questa la rabbia per un'Italia che non comprende il suo potenziale mentre gli stranieri non si scompongono per prezzi "alti". L'esperienza di Fausto Borella

11

Fausto Borella

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

La globalizzazione sta consumando il globo. Non solo le risorse, pur indispensabili, ma soprattutto i nostri sogni, le nostre speranze, il domani. La globalizzazione rischia di portarci via quanto abbiamo di più prezioso: ambiente, salute e lavoro. Tutto, compreso i pilastri fondanti delle nostre società. Le riflessioni di Pasquale Di Lena

Rassegnarsi al declino dell'olio di oliva italiano? No!

Ancora una campagna olearia negativa attende l'Italia. Occorrono nuovi impianti e una politica di vera valorizzazione del prodotto finito. Diversamente saremo destinati a utilizzare sulle nostre tavole oli di oliva prodotti all'estero. L'opinione di Piero Gonnelli, presidente Aifo

1

Piero Gonnelli

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione

Ma col passare del tempo il termine Sommelier ha subito una contaminazione culturale con la nascita dei Sommelier dell’Olio, del Caffè, del Tè, del Sakè… e persino dell’Acqua minerale!
Le considerazioni sulla professione da parte di Nicola Ferrazzano, Presidente della Scuola Italiana Sommelier

2

Nicola Ferrazzano

Unione europea e Canada: la parola all'agricoltura

Il  Canada uno dei principali esportatori di prodotti agricoli: circa metà della produzione totale è diretta all'esportazione. Il prodotto canadese più importato in Italia è il grano. Attualmente il nostro export in Canada si concentra per il 40% in vino, per il 14% in olio di oliva e per l'8% in prodotti da forno. Analisi ragionata di agricolture molto diverse, in attesa dei voti dei parlamenti nazionali e regionali

1

Francesco Presti

L'olivicoltura italiana è in ginocchio, ma non vinta

Come Paese siamo straordinari nel gestire le emergenze, ma il più delle volte ci fermiamo lì, incapaci di programmazione e di un’azione sinergica tra istituzioni, imprese, cittadini. Ora incombe sull'Italia lo spettro degli incendi negli oliveti abbandonati e la siccità sta decimando la produzione. L'appello del Presidente di Unasco, Luigi Canino

1

Luigi Canino

Il Sommelier, una professione per il futuro

Dopo il fasto del debutto, allo svilimento della professione, fino a una nuova primavera per il Sommelier. Se non fosse per gli "imbecilli" ovvero "quelli che scimmiottano tutto e tutti perché il mestiere che hanno deciso fare è quello di organizzare eventi". Le riflessioni sul futuro della professione da parte di Franco Maria Ricci, Presidente Fondazione Italiana Sommelier

1

Franco Maria Ricci

Il potere di immaginare il futuro dell'olio di oliva italiano

La lunga notte della recessione è finita e tornano i segni di una vitalità mai sopita. L’olio estratto dalle olive è associato alla nascita dei liberi comuni, quindi l’olio d’oliva trae la sua affermazione sui mercati e nei consumi in un passaggio epocale che va dalla prospettiva della rivoluzione industriale alla nascita di una nuova forma di governo, la democrazia. Il pensiero di Giampaolo Sodano

0

Giampaolo Sodano

Come ti frego il consumatore, a sua insaputa

Le informazioni viaggiano veloci su internet: informazione e controinformazione, solo per fare confusione. Le lobby si nascondono dietro innocenti siti web, che vogliono diffondere il verbo, la verità. Ecco il gioco dei lobbisti 3.0 svelato da Dario Dongo di Great Italian Food Trade

1

Dario Dongo

Il FOOI non è la fabbrica di Harry Potter

La volontà di voler fare qualcosa di diverso in questo settore esiste ed è concreta, afferma il presidente della Filiera Olivicolo Olearia Italiana, David Granieri. Truffe, contraffazioni? "Al tavolo del FOOI non vi è alcuno che non condanni azioni e pratiche commerciali scorrette a danno del vero made in Italy."

0

David Granieri

L'olio di oliva ha bisogno di una nuova verginità

Non occorrono sempre grandi risorse, anche piccoli passi possono cambiare le sorti di un comparto. Un'idea e un suggerimento, per dare un segnale chiaro e limpido al mondo dell'olio di oliva italiano

2

Alberto Grimelli

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva