Anno 16 | 22 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Nasce il Coordinamento regionale delle Strade del vino e dei prodotti tipici del Veneto

Obiettivo della neo associazione, fare squadra per avere più forza nella promozione e valorizzazione di un comparto, quello enoturistico, strategico per l'economia veneta. La Città del Vino di Soave ha tenuto a battesimo lo storico avvenimento

Complice il caldo di questi giorni, non poteva avvenire che nelle fresche sale di una cantina il battesimo del Coordinamento regionale delle Strade del vino e dei prodotti tipici del Veneto. Atto costitutivo e statuto della neonata associazione sono stati firmati lo scorso 12 giugno, presso la cantina Monte Tondo a Soave, dai rappresentanti di 12 Strade. A far da padrino all'evento, Francesco Antoniolli, vice presidente del Coordinamento nazionale delle Strade del vino, dell’olio e dei sapori italiane, nonché presidente della Strada del vino e dei sapori del Trentino. Presidente e Vicepresidente dell'associazione, in carica per tre anni, sono stati nominati rispettivamente Paolo Menapace, Presidente della Strada del vino Soave e Isidoro Rebuli, Presidente della Strada del Prosecco e vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene.

Le 12 Strade aderenti. Del Coordinamento regionale fanno parte: Strada del vino Arcole Doc, Strada del vino Colli Berici, Strada del vino Colli Euganei, Strada del vino Lessini Durello, Strada vini Doc Lison Pramaggiore, Strada del Prosecco e vini dei Colli Conegliano Valdobbiadene, Strada del Radicchio Rosso di Treviso, Strada del Recioto e dei vini Gambellara Doc, Strada del Riso Vialone Nano Veronese Igp, Strada del vino Soave, Strada del Torcolato e dei vini di Breganze, Strada del vino Valpolicella. Il Comitato di Gestione del Coordinamento regionale è formato, oltre che da Menapace e Rebuli, anche da Franco Zanovello (Presidente Strada del vino Colli Euganei), Rino Polacco (Presidente Strada del vino Colli Berici), Cristian Zulianello (Presidente Strada vini Doc Lison Pramaggiore). Il Coordinamento regionale avrà sede per i prossimi tre anni a Soave, in quanto è la località della Strada che ne esprime la presidenza.

Obiettivi. “Le 12 strade che fanno parte del Coordinamento regionale rappresentano centinaia di aziende agricole e cantine, imprese dell’accoglienza e della ristorazione, dell’artigianato tradizionale, oltre a tanti Enti locali e territori che, nel loro insieme, danno vita a percorsi enogastronomici considerati oggi in Veneto una delle più importanti forme di turismo emergente. Il nostro intento è quello di operare, in stretta collaborazione con la Regione, per promuovere e valorizzare questi percorsi attraverso un'offerta turistica integrata, senza dimenticare l'importanza della formazione degli addetti ai lavori nonché il recupero delle risorse per attuare i diversi programmi", afferma il Presidente del Coordinamento regionale Paolo Menapace, assertore delle prima ora dell'unitarietà di intenti delle Strade del vino e dei prodotti tipici veneti. "La saggezza popolare insegna che l'unione fa la forza, avere quindi una voce univoca nel confronti delle Istituzioni e degli altri interlocutori regionali sarà importante per riuscire a realizzare progetti comuni di ampio respiro", conferma il Vicepresidente Isidoro Rebuli. Una delle prime azioni di promozione attuate dal Coordinamento regionale riguarda i social network, con la creazione della pagina Facebook Strade del vino, dell'olio e dei Sapori del Veneto in cui saranno inserite tutte le iniziative create per il pubblico dalle 12 Strade.

di C. S.
pubblicato il 14 giugno 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!