Mondo 04/11/2020

Il Covid può influenzare il mercato dell'olio di oliva spagnolo

Il Covid può influenzare il mercato dell'olio di oliva spagnolo

Se la pandemia dovesse rallentare la raccolta si modificherebbe la proporzione tra olio extra vergine d'oliva e olio lampante, con un impatto notevole sui conti


La Spagna sta affrontando una campagna che va da 1,55 a 1,70 milioni di tonnellate, il tutto in funzione del tempo, delle piogge e di altre circostanze, con una produzione mondiale di circa 3,1 milioni di tonnellate, dovuta principalmente al calo della produzione in Italia, Grecia, Portogallo e Tunisia, il tutto con un consumo che comincia a rimbalzare e che per la prima volta nella storia supererebbe la produzione con oltre 3 milioni di tonnellate.

Oltre a questi elementi, e tipici del settore, ci sono altri fattori come le tariffe degli Stati Uniti, la riforma della legge sulla catena del valore, le disposizioni del Delinquency Act, la riforma della Pac e il Covid, tra gli altri.

Se ci atteniamo all'ultimo di questi punti, il Covid, l'olivicoltura ha già una certa esperienza in questo campo, in quanto la campagna dell'Emisfero Sud si è sviluppata in questo campo, e non l'ha influenzata eccessivamente, il tutto perché l'olivicoltura che caratterizza questo emisfero si basa su grandi tenute isolate dalle zone rurali, che possono essere completamente autonome.

Tuttavia, l'emisfero settentrionale è caratterizzato da possedimenti più piccoli, che coesistono nelle aree urbane, e con un'interazione molto maggiore tra le persone, e quindi un rischio di contagio molto più elevato rispetto all'emisfero meridionale.

Attualmente, l'assenza di grandi quantità di olio extravergine di oliva in tutto il mondo ha portato ad un aumento dei prezzi, che ha portato gli agricoltori ad anticipare la raccolta per ottenere questa categoria all'inizio della stagione; ciò ha portato anche ad un aumento del prezzo del lampante, dovuto alla domanda di questo prodotto per le raffinerie, e alla potenziale assenza di tale categoria in questa stagione, almeno fino a metà gennaio, se tutto andrà come previsto.

Se il Covid dovesse avere un effetto, l'efficienza del raccolto verrebbe posticipata a causa della mancanza di risorse, che farebbe aumentare ancora di più il prezzo dell'olio extravergine, e il prezzo dell'olio lampante a causa di una potenziale carenza di offerta, che finirebbe per portare ad un maggiore apprezzamento dell'olio extravergine e ad un calo dell'olio lampante, in quanto la campagna si orienterebbe verso una maggiore proporzione di olio lampante, il tutto con un impatto sui prezzi, senza alcuna valutazione degli effetti dannosi sulla società, sul reddito, ecc.

di Vilar Juan