L'arca olearia22/05/2020

Il controllo biologico della tignola dell'olivo grazie al predatore Anthocoris nemoralis

Il controllo biologico della tignola dell'olivo grazie al predatore Anthocoris nemoralis

A. nemoralis ha un grande potenziale di controllo biologicoa costo zero per l'olivicoltore. L'importante è studiare adeguatamente i rapporti esistenti tra tre specie di insetti che vivono nell'oliveto ma anche nella vegetazione spontanea adiacente

di R. T.
L'arca olearia22/05/2020

Ecco come la concentrazione fenolica modifica la percezione dei difetti di un olio d'oliva

Ecco come la concentrazione fenolica modifica la percezione dei difetti di un olio d'oliva

I composti fenolici, influenzando il rilascio dei composti aromatici dell'extra vergine durante il suo consumo, possono influenzare i punteggi degli attributi sensoriali percepiti, fino al 733%

di R. T.
L'arca olearia22/05/2020

Un nuovo metodo analitico contro l'olio deodorato: l'analisi dell'ergosterolo

Un nuovo metodo analitico contro l'olio deodorato: l'analisi dell'ergosterolo

Olive degradate da fenomeni fermentativi lasciano tracce anche nell'olio, oltre eventuali sgradevoli odori che possono venir illegalmente eliminati tramite deodorazione. Oltre gli etil esteri, ecco un nuovo potenziale parametro per scoprire le truffe olearie

di R. T.

L'arca olearia21/05/2020

GeOlive: un supporto alla gestione quotidiana dell'oliveto

GeOlive: un supporto alla gestione quotidiana dell'oliveto

Lo strumento DSS, applicato ad un'area di 20.000 ettari nel Sud Italia, è stato progettato per assistere la pianificazione e la gestione degli oliveti e fornire un supporto operativo agli agricoltori, associazioni e consulenti

di C. S.
L'arca olearia15/05/2020

Boro, azoto, fosforo e potassio: quali di questi elementi è più importante per la fioritura e l'allegagione dell'olivo?

Boro, azoto, fosforo e potassio: quali di questi elementi è più importante per la fioritura e l'allegagione dell'olivo?

Ciascuno dei macronutrienti svolge un ruolo fondamentale nei processi che influenzano la produttività dell'olivo mentre gli effetti dei trattamenti con boro dipendono molto dalla varietà e influenzano soprattutto la germinazione del polline

di R. T.
L'arca olearia15/05/2020

Stop alle analisi dell'olio d'oliva non validate ISO/IEC 17025

Stop alle analisi dell'olio d'oliva non validate ISO/IEC 17025

La Decisione del Coi DEC-III.1/111-VI/2020 indica le nuove linee guida per la verifica di conformità. Sebbene non siano vincolanti, indicano la via di una progressiva standardizzazione di procedure e metodi, senza più aperture a sistemi innovativi

di T N

L'arca olearia15/05/2020

Quando l'improvviso declassamento di un olio di oliva è dovuto alle caratteristiche iniziali del prodotto

Quando l'improvviso declassamento di un olio di oliva è dovuto alle caratteristiche iniziali del prodotto

Come può un olio venir declassato da extra vergine a vergine nel volgere di poche settimane? Analisi chimiche e panel test, insieme, spiegano una dinamica di degradazione del prodotto che può avvenire anche in luogo “fresco e asciutto”

di R. T.
L'arca olearia15/05/2020

La resistenza della mosca dell'olivo allo spinosad, principio attivo dello Spintor Fly

La resistenza della mosca dell'olivo allo spinosad, principio attivo dello Spintor Fly

Il grado di resistenza delle popolazioni di mosca delle olive in California, dove l'insetticida viene utilizzato maggiormente, è aumentato di 9-13 volte rispetto ad altre aree. Esiste una correlazione lineare tra tolleranza all'insetticida e numero di trattamenti

di R. T.
L'arca olearia08/05/2020

L'oleuropeina dell'olio extra vergine di oliva è una vera e propria molecola anti-cancro

L'oleuropeina dell'olio extra vergine di oliva è una vera e propria molecola anti-cancro

Numerosi studi confermano l'attività antitumorale dell'oleuropeina, con osservazioni su linee cellulari di cancro umano, con anche un potenziale terapeutico dimostrato per il tumore al seno e altre patologie neoplastiche come il cancro della tiroide, il neuroblastoma, il carcinoma cervicale e nel tumore del pancreas


L'arca olearia08/05/2020

Il vero effetto dei biostimolanti sulla produttività dell'olivo e la qualità dell'olio

Il vero effetto dei biostimolanti sulla produttività dell'olivo e la qualità dell'olio

L'utilizzo di biostimolanti a base di alghe ed estratti vegetali sta diventando sempre più comune in olivicoltura senza però molti dati scientifici che ne testimoniano l'efficacia. Sono davvero utili? Quando è più opportuno darli e a quali concentrazione?

di R. T.
L'arca olearia07/05/2020

Nello stomaco l'olio extra vergine di oliva vede migliorare le sue proprietà salutistiche

Nello stomaco l'olio extra vergine di oliva vede migliorare le sue proprietà salutistiche

Grazie alle condizioni gastriche gli acidi grassi insaturi possono trasformarsi in acidi nitro-grassi, mediatori che aiutano e tenere sotto controllo la pressione sanguigna e anche molte reazioni pro-infiammatorie

di R. T.
L'arca olearia01/05/2020

Come aumentare la concentrazione fenolica di un olio extra vergine di oliva con la fertilizzazione fogliare

Come aumentare la concentrazione fenolica di un olio extra vergine di oliva con la fertilizzazione fogliare

Studiati gli effetti di quattro fertilizzanti fogliari basati su alcuni nutrienti che hanno un ruolo essenziale per crescita dell'olivo in rapporto ai loro effetti sul profilo antiossidante dell'olio d'oliva, in particolare sui suoi principali composti antiossidanti: fenoli, ortodifenoli, tocoferoli, clorofille e carotenoidi

di R. T.

L'arca olearia01/05/2020

Come cambia la composizione degli acidi grassi e il contenuto di antiossidanti nelle olive a seguito dell'applicazione di fitoregulatori

Come cambia la composizione degli acidi grassi e il contenuto di antiossidanti nelle olive a seguito dell'applicazione di fitoregulatori

Validata una nuova procedura di pre-raccolta basata sull'applicazione di acido abscissico e jasmonato di metile all'olivo utile quando si verifica un ritardo nella lavorazione in frantoio e le olive devono essere conservate

di R. T.
L'arca olearia01/05/2020

Il miglior parametro per stimare il termine minimo di conservazione da dare all'olio extra vergine di oliva

Il miglior parametro per stimare il termine minimo di conservazione da dare all'olio extra vergine di oliva

Perossidi, K232, K270, polifenoli, tocoferoli ed esanale ma anche trieni coniugati e pirofeofitine a. Da quale parametro partire per dare una corretta shelf life all'olio in etichetta senza incorrere in sanzioni

di R. T.
L'arca olearia24/04/2020

Oltre i polifenoli c'è di più: lo squalene e altri composti dimenticati dell'olio extra vergine di oliva

Oltre i polifenoli c'è di più: lo squalene e altri composti dimenticati dell'olio extra vergine di oliva

L'olio è una materia molto complessa, simile a una grande famiglia dove i composti si proteggono l'un l'altro. Occorre iniziare a valorizzare anche componenti che possono essere facilmente rilevate da analisi chimiche e che possono conferire valore aggiunto al prodotto


L'arca olearia24/04/2020

L'olio extra vergine di oliva biologico più ricco di polifenoli utili al nostro benessere

L'olio extra vergine di oliva biologico più ricco di polifenoli utili al nostro benessere

Si comincia a comprendere l'influenza della fertilizzazione sulla qualità organolettica e nutrizionale dell'olio extra vergine di oliva, a partire da un confronto da sistemi di coltivazione convenzionale e biologica. Sono i secoiridoidi, ovvero i fenoli biologicamente più attivi, ad essere fortemente influenzati dall'apporto di nutrienti

di R. T.
L'arca olearia24/04/2020

I giusti biostimolanti per aumentare la concentrazione di fenoli nelle foglie dell'olivo e nell'olio extra vergine d'oliva

I giusti biostimolanti per aumentare la concentrazione di fenoli nelle foglie dell'olivo e nell'olio extra vergine d'oliva

I ceppi di Trichoderma, e anche alcuni loro metaboliti, possono migliorare le concentrazioni fenoliche, aumentando il meccanismo di assorbimento dei nutrienti vegetali e migliorando l'efficienza dell'uso di azoto vegetale

di R. T.
L'arca olearia22/04/2020

Trattamento tardivo con rame sull'olivo: i problemi di fitotossicità

Trattamento tardivo con rame sull'olivo: i problemi di fitotossicità

Si vedono già le mignole sui rami, è ancora possibile trattare con rame? Occorre valutare lo stato vegetativo complessivo della pianta ma soprattutto occorre utilizzare alcune accortezze, a partire dal formulato rameico, fino al momento ideale per effettuare il trattamento

di R. T.