Anno 16 | 20 Gennaio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

In memoria di Denari, il duca che fece grande la Lombardia del vino

Si è spento nell'Oltrepò a 87 anni. E' stato tra i primi a intuire la grande potenzialità del Pinot nero per la base spumantistica

Lo scorso 9 ottobre, a 87 anni, si è spento nel suo Oltrepò il duca Antonio Giuseppe Denari. Una figura preziosa per il mondo del vino lombardo. Fu fra i primi ad intuire la grande potenzialità del Pinot nero, in particolare per la base spumantistica. Accadeva quarant’anni fa, quando l’Oltrepò era ancora soprattutto il luogo dove in tanti si approvvigionavano di uve Pinot per portarle altrove perché diventassero spumante.

Denari, invece, comprese che era necessario cambiare rotta e valorizzare l’Oltrepò, la sua straordinaria vocazione al Pinot nero, le sue uve, trasformale in vino che raccontasse la vocazionalità dell’ Oltrepò. Mise in pratica una serie di azioni per tradurre in fatti (oggi parliamo di promozione e marketing) la sua intuizione. Lo fece a La Versa, di cui era socio dagli anni ’50, membro del CdA dal ’58, presidente dagli anni ’70.

In breve La Versa divenne il marchio sinonimo di spumante (e Pinot nero) dell’Oltrepò, che oggi ha meritato il riconoscimento per la Docg Metodo Classico a base Pinot nero. Oltrepò Pavese, il nome che Denari ha difeso e valorizzato per 40 anni.


di Cinzia Montagna
pubblicato il 18 ottobre 2008 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione

Aceto di oliva: un possibile nuovo prodotto dalle acque di vegetazione