Anno 15 | 20 Novembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

La Puglia stanzia 5,1 milioni di euro per aiutare gli agricoltori contro Xylella fastidiosa

La Regione Puglia stanzia 5 milioni e 100 mila euro per l'istituzione di un fondo per l'erogazione di contributi in favore delle imprese agricole danneggiate da Xylella fastidiosa

Il Fondo, dapprima di 100mila euro per interventi finanziari in favore delle aziende agricole colpite dal fitopatogeno, è stato inserito nell'ultima legge regionale di assestamento e variazione di bilancio per l'esercizio finanziario 2017 e pluriennale 2017-2019, è integratocon una ulteriore dotazione di 5 milioni di euro, con l'obiettivo di incentivare l'allungamento del periodo dei piano di ammortamento, per un periodo pari al 100 per cento della durata residua dei mutui accesi, con il fine di ridurre gli interessi passivi nell'arco di tre esercizi finanziari.

Quest'ultima somma è una parte delle risorse previste dal Patto della Puglia, siglato tra Governo nazionale e regionale, con il quale sono stati assegnati 2,07 miliardi di euro, a valere sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC), per interventi, tra gli altri, dedicati allo sviluppo e competitività delle imprese e dei sistemi produttivi.

La delibera detta criteri e condizioni per la concessione dell'aiuto pubblico.

"Un ulteriore e significativo aiuto alle imprese agricole provate dalla batteriosi nel territorio salentino - dichiarano il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e l'assessore
regionale alle Risorse agroalimentari, Leonardo di Gioia, all'indomani dell'approvazione della delibera di Giunta -Si tratta di un importante risultato raggiunto con l'impegno di
tutti i colleghi assessori, in particolare Loredana Capone e Michele Mazzarano".

di C. S.
pubblicato il 09 novembre 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Nuovi oliveti, scatta il totocultivar. Quale scegliere per rispondere alle richieste del mercato?