Anno 15 | 29 Marzo 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Xylella Fastidiosa, perché seccano gli olivi nel Salento?

Gli agricoltori brancolano nel buio, come ci scrive Giorgio Greco. L’unico tentativo per contenere l’avanzata della malattia e mitigarne gli effetti, tentativo che trova d’accordo un po’ tutta la torre, rimane quello del ripristino delle buone pratiche agricole di una volta

Perché seccano gli ulivi nel Salento?

A 3 anni dal misterioso morbo è questa la domanda che molti continuano a porsi, alla quale, finora, non è stata data una risposta univoca, certa, condivisa e definitiva.

Sono tanti gli agricoltori e i proprietari che non sanno ancora cosa accade tra gli ulivi, non sanno perché seccano, se, ad esempio, le proprie piante sono positive o negative al batterio Xylella oppure è qualcos’altro a farle seccare; essi brancolano nel buio. E’ una situazione paradossale, alquanto singolare, che non credo abbia precedenti nel mondo agricolo-ambientale, una situazione intricata che genera confusione su confusione, una torre di Babele più caotica del solito.

L’unico tentativo per contenere l’avanzata della malattia e mitigarne gli effetti, tentativo che trova d’accordo un po’ tutta la torre, rimane quello del ripristino delle buone pratiche agricole di una volta, anche se, di fatto, risulta debole, isolato e quindi poco incisivo.

Personalmente è da gennaio 2014 che sto provando quella che, oggi, rappresenta una semplice sperimentazione empirica. Fino a qualche giorno fa non conoscevo neanche le varietà presenti nel mio campo: sono due, Cellina di Nardò e Ogliarola Leccese, e mi sono state indicate da un anziano contadino del paese, uno tra i pochi che le sa distinguere.

Il disseccamento si è manifestato sui miei alberi negli ultimi mesi del 2013 e non so quanto tempo può vivere una pianta una volta attaccata. Quello che so è che sono trascorsi 3 anni, durante i quali sono state scattate altre foto, l’ultima il 22 ottobre 2016, ad aggiornare la situazione. C’è ancora vita nel mio oliveto, nonostante i ripetuti attacchi con alberi visibilmente più sofferenti rispetto ad altri, per cui la sperimentazione empirica va avanti fino al prossimo aggiornamento previsto ad aprile 2017.

Giorgio Greco

di T N
pubblicato il 16 dicembre 2016 in Pensieri e Parole > La voce dei lettori

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Qual'è il giusto prezzo per un quintale di olive?

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

C'erano una volta gli olivicoltori