Mondo 29/12/2023

Più mandorli che olivi nel futuro dell’agricoltura spagnola

Più mandorli che olivi nel futuro dell’agricoltura spagnola

Il ritmo di crescita dei mandorleti è triplo o quadruplo rispetto a quello degli oliveti. Il mandorlo infatti resisterebbe meglio in asciutta dell’olivo, anche in coltura intensiva o superintensiva


Secondo i dati dell'Indagine delle superfici e delle rese agrarie (ESYRE) del Ministero dell'Agricoltura, nell'ultimo decennio le piantagioni di olivi hanno aggiunto complessivamente 240.000 nuovi ettari, passando da 2,52 milioni nel 2012 a 2,76 milioni di ettari l'anno scorso.

Oltre l'80% dei nuovi impianti di olivi nell'ultimo decennio sono stati destinati ad oliveti per frantoi.

A fronte di ciò, le nuove piantagioni di mandorli sono aumentate nello stesso periodo di 178.000 ettari, passando da 578.000 ettari nel 2012 a 756.694 ettari l'anno scorso.

Secondo i dati ESYRE del 2022, solo il 22,5% dei mandorli coltivati ​​in Spagna è irrigato (circa 170.000 ettari).

Intanto l'oliveto occupa già il 31,3% della sua superficie dotata di sistemi di irrigazione (circa 867.000 ettari).Tuttavia, se l’analisi si concentra sugli ultimi due anni con dati completi (2020 e 2021), nel pieno della pandemia di Covid, la crescita delle nuove piantagioni di mandorli è stata molto superiore a quella dell’oliveto.

Nel 2020, secondo i dati ESYTE, in Spagna sono stati piantati circa 23.000 nuovi ettari di mandorli, rispetto a circa 2.500 ettari di olivi.

E nel 2021 è proseguita con forza la piantagione di mandorle, intorno ai 12.000 ettari a fronte di circa 2.000/2.500 ettari di oliveti.

Nonostante la forte crescita della coltivazione del mandorlo negli ultimi anni, la differenza totale della superficie di entrambe le colture continua ad essere molto favorevole all'oliveto, che ammonta a oltre due milioni di ettari in più rispetto al mandorlo.

di C. S.