Mondo 12/11/2021

Allarme in Spagna: i prezzi dell'olio e delle olive sotto i costi di produzione

Allarme in Spagna: i prezzi dell'olio e delle olive sotto i costi di produzione

La raccolta delle olive verdi è stato “un fiasco” per gli olivicoltori dell'entroterra iberico e allora si raccomanda di vendere il prodotto solo dopo un'analisi della resa


La Comunità di agricoltori e allevatori di Almendralejo chiede al governo della regione dell'Extremadura e all'Agenzia di informazione e controllo alimentare (AICA) di garantire il rispetto della legge sulla catena alimentare, in modo che durante la campagna di raccolta dei frantoi nella Tierra de Barros le olive non siano vendute in perdita e non cadano vittime della frode di cui sono stati vittime gli agricoltori durante la recente stagione verde, essendo pagati il 20 % in meno dei costi di produzione.

Il presidente della CLGA, Juan Jesús Rama, ritiene che il prezzo equo all'ingrosso per le olive non dovrebbe scendere sotto i 50-55 euro/quintale, con una resa media del 18-20%, "perché altrimenti ci troveremmo di nuovo a vendere in perdita, e trasformeremmo l'agricoltura tradizionale di questa zona in un'attività totalmente insostenibile".

La Comunità degli agricoltori avverte che "l'extra vergine nuovo a Jaén uota già 3,63 euro alla fonte, quindi i prezzi che considera adeguati per le olive nere non sono affatto irragionevoli, soprattutto se teniamo conto che la raccolta di olive verdi è stato un vero fiasco senza alcuna giustificazione".

Di fronte a questa situazione, la CLGA raccomanda agli agricoltori di vendere le loro olive da frantoio con un'analisi della resa.

Juan Jesús Rama sostiene che "se l'agricoltura non è redditizia da sola - e con l'aumento di più del 25% dei costi di prodotti fitosanitari, fertilizzanti, macchinari, diesel, ecc. che stiamo vedendo quest'anno, è impossibile che lo sia - molti produttori considereranno la possibilità di sostituire le colture tradizionali, abbandonandole o ristrutturandole per la meccanizzazione, con la perdita della notevole quantità di lavoro che questo comporta, in una regione già duramente colpita dalla disoccupazione".

di C. S.