L'arca olearia 05/07/2024

Caolino e rame per controllare stress idrico e la mosca dell’olivo

Caolino e rame per controllare stress idrico e la mosca dell’olivo

Limiti e potenzialità del caolino e del rame nel controllo della mosca dell’olivo: l’efficacia dipende dalle condizioni meteo-climatiche. Livelli di infestazione al 20% a raccolta


Composti alternativi agli insetticidi chimici di sintesi sono utilizzati per il controllo della mosca dell’olivo (Bactrocera oleae), sfruttando la loro natura repellente o le loro qualità anti-ovideposizionali.

Tra questi ultimi composti, il rame e il caolino hanno attirato l'interesse di molti olivicoltori grazie alla loro efficacia, dimostrata in diverse prove in campo, e alla loro relativa semplicità d'uso.

Il rame è universalmente conosciuto come fungicida e battericida ed è anche elencato nel regolamento del Regolamento del Consiglio Europeo (2092/91) che regola l'agricoltura biologica in tutti gli Stati membri dell'UE, anche se il suo utilizzo è in fase di revisione a causa di preoccupazioni ambientali, come il possibile accumulo nel nel suolo.

Il caolino è un minerale bianco, non poroso, non rigonfiabile e non abrasivo, a grana fine, di alluminosolicato platinato. che si disperde facilmente in acqua ed è chimicamente inerte in un ampio intervallo di pH. Può essere spruzzato sulle colture in un impasto a base d'acqua che si attacca alle foglie e ai frutti delle piante formando una pellicola polverosa bianca. In tutto il mondo, il film di caolino ha controllato oltre una dozzina di specie di insetti e acari. Non interferisce con la fotosintesi e sembra essere in grado di ridurre lo stress da calore e di abbassare la temperatura della chioma degli alberi. Grazie al suo colore bianco, il caolino ha proprietà di proprietà di riflessione della luce che rendono la pianta visivamente o tattilmente irriconoscibile come ospite.

Caolino e rame per controllare la mosca dell’olivo

In uno studio in Sicilia è stato valutato l'effetto del trattamento con caolino e rame sulle infestazioni di mosca dell'olivo e valutato le proprietà chimiche e sensoriali del prodotto.

Durante un anno con temperatura estiva estremamente elevata la presenza della mosca dell’olivo è stato basso. Solo il 3 novembre è stata rilevata un'infestazione attiva del 3%. Le piante trattate con caolino e rame hanno mostrato un livello di infestazione più basso di quella non trattata.

In un’annata con un clima meno arido, le percentuali di attacco sono state molto più elevate e le percentuali di infestazione a raccolta sono arrivate all’86% negli olivi non trattati, al 21% negli olivi trattati con caolino e al 48% negli olivi trattati con rame.

In un’annata, viceversa, con clima piovoso in settembre e ottobre, i trattamenti con caolino e rame non sono stati in grado di proteggere le olive da Bactrocera oleae.

I dati raccolti nel corso di tre anni di prove condotte in diverse aziende agricole e con diverse cultivar sembrano mostrare un'evidente efficacia dei due composti testati.

Un diverso controllo della mosca dell'olivo è stato rilevato solo dopo piogge che hanno lavato via il rame più della pellicola-particella di caolino.

La qualità degli oli di oliva ottenuti da ciascun campione conferma che una strategia di controllo della mosca delle olive basata sull'uso di questi due prodotti potrebbe essere adottata con risultati interessanti, soprattutto se abbinata a una raccolta precoce.

Bibliografia

Pennino, G.; Pane, G.; Raiti, G.; Perri, E.; Carovita, M.A.; Macchione, B.; Tucci, P.; Socievole, P.; Pellegrino, M.; Cartabellotta, D. and Di Martino, V. (2006) Three years field trials to assess the effect of kaolin made particles and copper on olive-fruit fly (B.oleae Gmelin) infestations in Sicily. In: Proceedings, DCA - UNiversità di Palermo; Regione Siciliana - Assessorato Agricoltura e Foreste, II, pp. 303-306.

di R. T.