L'arca olearia 07/06/2024

Il diverso fabbisogno di azoto dell’olivo tra agricoltura biologica e convenzionale

Il diverso fabbisogno di azoto dell’olivo tra agricoltura biologica e convenzionale

Nell'ottica di un risparmio dei costi e di sostenibilità ambientale è utile chiudere il ciclo dell'azoto con le minore perdite possibili. L'erosione ha un effetto significativo sulle perdite d'azoto in un'azienda olivicola. Ecco il modello vincente


Nell'ambito dell'azione Zero sull'inquinamento, c'è una forte enfasi sulla promozione di pratiche di gestione che migliorano il ciclo dell'azoto (N) per ridurre la dipendenza dai fertilizzanti inorganici e mitigare i potenziali impatti ambientali.

Gli oliveti (Olea europaea L.) costituiscono il paesaggio dominante di molte aree del Mediterraneo meridionale.

Diversi modelli di agricoltura convivono nel settore olivicolo, ma non sono stati studiati nel contesto del ciclo dell’azoto.

Integrando i dati sul campo e sul modello, ricercatori dell’Università di Jaen hanno analizzato i flussi azotati, l'equilibrio di azoto, i livelli di chiusura del ciclismo azotato e le impronte azotate negli oliveti che impiegano vari modelli di coltivazione.

Le aziende agricole sono state classificate così: Org (concimazione esterna biologica, alto livello di riciclaggio della biomassa, colture di copertura spontanea temporanea), Tra (concimazione esterna organica, basso riciclaggio, terreno nudo), Int (concimazione esterna inorganica, basso riciclaggio, terreno nudo) e IPr (concimazione esterna inorganica o organica, basso riciclaggio, colture di copertura spontanea temporanea).

La domanda azotata ad olivo, con una media di 55 kg di azoto/ha/anno correlata alla produzione di olive e alla chioma, rende la coltura adatta al calcolo della domanda di azoto senza campionamento esaustivo.

Relazione tra l'assorbimento di azoto da parte degli ulivi (albero intero), la raccolta e l'area della chioma

Il saldo di azoto è stato positivo per tutti i modelli agricoli, con il modello Org che mostra un bilancio più neutro (+7,4 kg N/ha/anno) e le olive agricole IPr che mostrano eccedenze (+40,2 kg N/ha/anno).

Nelle aziende agricole Org, gli input azotati annuali sono i più bassi e si basano su voci naturali come la fissazione azotato, mentre l'indice di ciclismo era significativamente più alto di quelli di altri gruppi (tra 1,45 e 1,81 volte). Ciò è stato attribuito a meccanismi di ricircolo di azoto come le colture di copertura, la triturazione dei residui di potatura e la restituzione di azoto attraverso la sansa compostata.

L'erosione del suolo, spesso trascurata, è emersa come un importante deflusso di azoto, specialmente nelle fattorie Org con il più alto contenuto di azoto del suolo, con il risultato delle più alte perdite azoto per litro di olio.

Per litro di oli d'oliva, le fattorie Trad, Ipr e Int utilizzano tra 1,9 e 2,2 volte più input azotati esterni rispetto alle aziende agricole Org.

In effetti, il contenuto totale di azoto del suolo nelle aziende agricole Org è tra il 50% e il 100% superiore rispetto a quei gruppi con terreno nudo durante tutto l'anno attraverso la lavorazione intensiva o quelli in cui le colture coprono parzialmente l'azienda. La capacità dell'inerbimento di catturare nutrienti altamente mobili nella sua biomassa e rilasciarli gradualmente a tassi più allineati con le esigenze degli ulivi contribuisce a un ciclo di nutrienti più efficiente.

Il livello di chiusura del ciclismo dell’azoto in olivicoltura è relativamente alto poiché la maggior parte dell’azoto assorbito dagli alberi (rami e foglie) torna nel terreno come sarmenti di potatura. Rimane tuttavia un notevole margine di miglioramento attraverso una migliore integrazione del ciclo del carbonio e dell'azoto. L'implementazione di colture di copertura spontanea temporanea, che aiutano a ridurre le scorte di azoto inclini a essere perdute per lisciviazione, convertendo l'azoto minerale del suolo in forme organiche e l'applicazione di sansa compostata, sono strategie scalabili con molteplici benefici.

Le olive agricole biologiche, che hanno mostrato i saldi positivi più bassi, hanno dimostrato un rapporto tra azoto e produzione significativamente più basso e un tempo di turnover più lungo del 54% per l’azoto rispetto ad altre aziende, indicando livelli più elevati di autosufficienza e una durata della vita più lunga per l’azoto all’interno dell’azienda.

I cambiamenti nella gestione legati all'erosione (soprattutto inerbimento) hanno avuto effetti pronunciati sul bilancio dell'azoto, sottolineando l'importanza di includere questo flusso nella valutazione dei saldi di azoto, in particolare nelle situazioni in cui gli saldi sono più stretti, come spesso accade per le aziende olivicole biologiche.

Bibliografia

Domouso, Pablo, et al. "Nitrogen recycling across a spectrum of fertilization strategies: an assessment in olive groves." Agriculture, Ecosystems & Environment 372 (2024): 109096.

di R. T.