L'arca olearia 18/01/2019

Arricchire l'olio d'oliva con gli omega 3 è inutile

Arricchire l'olio d'oliva con gli omega 3 è inutile

Nonostante vi siano vari condimenti a base di olio d'oliva arricchiti con omega 3 la loro utilità per la nostra salute è molto scarsa come emerge da uno studio dell'Inra francese. Pinoresinolo e polifenoli, infatti, diminuiscono l'assorbimento della vitamina D


L'arricchimento degli oli, come l'olio d'oliva, potrebbe essere una soluzione per affrontare l'epidemia mondiale di carenza di vitamina D e per meglio rispondere alle raccomandazioni riguardanti l'assunzione di omega 3 (DHA).

Tuttavia, i dati relativi alle interazioni a livello intestinale tra la vitamina D e i fenoli dell'olio d'oliva sono scarsi.

Una ricerca francese ha determinato l'effetto dei polifenoli di un olio di oliva vergine e di un olio di oliva vergine arricchito con omega 3, sull'assorbimento della vitamina D nei ratti.

Sono stati studiati gli effetti di tre fenoli principali dell'olio d'oliva (oleuropeina, idrossitirosolo e pinoresinolo) sull'assorbimento di vitamina D da parte delle cellule Caco-2.

La presenza di polifenoli nell'olio d'oliva integrato con omega 3 ha inibito l'assorbimento post-prandiale della vitamina D nei ratti (-25%, p < 0,05). Risultati simili sono stati ottenuti con una miscela dei tre polifenoli consegnati alle cellule di Caco-2. Tuttavia, questo effetto inibitorio era dovuto solo alla presenza di pinoresinolo.

Poiché il contenuto di pinoresinolo può variare molto da un olio d'oliva all'altro, i risultati attuali dovrebbero essere presi in considerazione per formulare un olio arricchito con vitamina D.

Bibliografia

Aurélie Goncalves, Marielle Margier, Camille Tagliaferri, Patrice Lebecque, Stéphane Georgé, Yohann Wittrant, Véronique Coxam, Marie-Josèphe Amiot, Emmanuelle Reboul, Pinoresinol of olive oil decreases vitamin D intestinal absorption, Food Chemistry, Volume 206, 2016, Pages 234-238, ISSN 0308-8146

di R. T.