Anno 16 | 12 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Allarme per piante di olivo infette provenienti dalla Spagna

L'allerta del Servizio fitopatologico della Regione Toscana sull'intercettazione di olivi infetti, provenienti da vivai di Alicante e di Almeria. Alcune delle piante intercettate in Belgio non presentavano nessun sintomo della malattia

Nel mese di settembre 2018 in Belgio sono state intercettate diverse piante di olivo di origine spagnola infette da Xylella fastidiosa.

Gli olivi provenivano da due vivai di Alicante e di Almeria, situati in zona indenne, dove Xylella fastidiosa non era stata mai segnalata. Alcune piante di olivo non presentavano nessun sintomo della malattia: erano piante asintomatiche.

In considerazione della diffusione dei rapporti commerciali intercorrenti fra vivaisti toscani e spagnoli, in particolare quelli di Alicante e Almeria (es. zona di Elche), con la presente si vuole sensibilizzare tutti i vivaisti toscani sulle transazioni commerciali dalla Spagna all'Italia di piante sensibili alla Xylella fastidiosa (es. olivi, Citrus spp., Mirtus spp, ect...) avvenute negli ultimi tempi.

Il Servizio Fitosanitario si rende disponibile ad effettuare analisi specifiche per Xylella fastidiosa su piante sensibili alla Xylella fastidiosa (es. olivi, Citrus spp., Mirtus spp, ect...) acquistate in Spagna nelle zone di Alicante e Almeria negli ultimi 6 mesi.

Il pericolo della Xylella fastidiosa per il vivaismo toscano è da considerarsi elevatissimo, per cui la Regione Toscana invita i vivaisti ad usufruire del servizio.

Si ricorda che la malattia, in particolare nei primi stadi di sviluppo, può non dare sulle piante nessuna sintomatologia (piante perfettamente sane come in Belgio): in questa fase solo le analisi possono evidenziare l'infezione.

di C. S.
pubblicato il 22 novembre 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!