Anno 15 | 21 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > ECONOMIA

Sulle imprese agricole italiane pesano volatilità mercati e meteo

Nonostante le criticità, nei primi due trimestri del 2017 migliorano i dati dell'occupazione, degli investimenti, degli scambi internazionali e aumenta il numero delle imprese agricole condotte da giovani

C. S.

Si polarizza il mercato del vino e le strategie delle aziende vitivinicole

Di fronte a consumi stagnanti, continua la crescita del mercato americano che guarda da una parte al vino sfuso australiano a basso costo, dall'altra parte a Prosecco, rosè provenzale e Sauvignon blanc della Nuova Zelanda

C. S.

Etichette alimentari: il richiamo all'Italia vale 5,5 miliardi di euro

La bandiera italiana o espressioni che richiamano all'italianità del prodotto è presente in un alimento su quattro, secondo un'indagine GS1 Italy e Nielsen. Il tricolore unisce le tavole degli italiani in maniera intergenerazionale, conquistando tutte le fasce di consumatori

T N

La sostenibilità chiave del mercato del vino del futuro

Negli Stati Uniti 2 consumatori di vino su 10 acquistano vini sostenibili certificati ma la platea dei potenziali interessati è almeno il doppio. La difficoltà ad identificarli figura tra i principali ostacoli ad una maggior diffusione di questi vini

C. S.

Il boom dei cibi "senza" sugli scaffali dei supermercati

Il prodotto dell'anno, tra i form free, è certamente quello "senza olio di palma" che rappresenta ormai una quota del 5,7% sul totale. L'indicazione più diffusa è però "senza conservanti" presente sull’8,5% dei 36 mila prodotti alimentari monitorati per una quota complessiva del 12,7%

T N

Cresce l'export di vino italiano, ma non il prezzo

Dopo la frenata del 2016, i primi mesi del 2017 sembrano aver portato buone notizie per i vini in bottiglia fermi, che crescono del 3%, meno però della crescita media del comparto vitivinicolo che registra un aumento in volume del 7,6%

C. S.

Continua il boom di vendite di biologico nella Grande Distribuzione

Le vendite di cibo bio, nel 2016, hanno raggiunto i 3 miliardi di euro in Italia. La parte del leone viene fatta dalla GDO ma aumentano anche il numero dei siti per l’ecommerce, i ristoranti e le mense che si dedicano al biologico

C. S.

Grano, la peggiore campagna degli ultimi anni

Il prezzo del grano duro è sceso ai minimi dalla campagna 2009/10. Situazione negativa anche per il tenero, che ha registrato una flessione del 3,4% rispetto alla scorsa campagna. Di fronte a un raccolto in chiaroscuro, le quotazioni non decollano

C. S.

Continua il calo dei consumi di oli e grassi vegetali in Italia

Dopo una serie di segni meno nel 2016, la spesa delle famiglie per gli acquisti agroalimentari registra un’inversione di tendenza nel primo trimestre 2017: a fare da traino i prodotti confezionati. Maglia nera per gli oli e grassi vegetali

C. S.

Gli Stati Uniti partner commerciale strategico per l'agroalimentare italiano

Nei primi mesi del 2017 la bilancia commerciale con gli Usa vede una crescita del surplus di 24 milioni di euro, grazie all’aumento delle esportazioni e alla stabilità delle importazioni

C. S.

Diminuisce il valore aggiunto in agricoltura, cresce quello dell'industria alimentare

Nonostante l'agricoltura abbia sofferto della negativa congiuntura climatica e agronomica, l'Italia con oltre 30 miliardi di euro, nel 2016, è il primo paese europeo per livello di valore aggiunto in agricoltura

C. S.

Dopo il sereno, l'agricoltura italiana vede una nuova recessione in arrivo

Una fotografia dell'agricoltura italiana nell'ultimo decennio. Dopo una fase negativa fra il 2007 e il 2010, nel triennio successivo vi è stata una sostanziosa ripresa ma negli ultimi anni (2014-2016) sono tornati a manifestarsi consistenti fenomeni regressivi

C. S.

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva