Anno 15 | 25 Maggio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > ECONOMIA

Gli Stati Uniti partner commerciale strategico per l'agroalimentare italiano

Nei primi mesi del 2017 la bilancia commerciale con gli Usa vede una crescita del surplus di 24 milioni di euro, grazie all’aumento delle esportazioni e alla stabilità delle importazioni

C. S.

Diminuisce il valore aggiunto in agricoltura, cresce quello dell'industria alimentare

Nonostante l'agricoltura abbia sofferto della negativa congiuntura climatica e agronomica, l'Italia con oltre 30 miliardi di euro, nel 2016, è il primo paese europeo per livello di valore aggiunto in agricoltura

C. S.

Dopo il sereno, l'agricoltura italiana vede una nuova recessione in arrivo

Una fotografia dell'agricoltura italiana nell'ultimo decennio. Dopo una fase negativa fra il 2007 e il 2010, nel triennio successivo vi è stata una sostanziosa ripresa ma negli ultimi anni (2014-2016) sono tornati a manifestarsi consistenti fenomeni regressivi

C. S.

L'export dell'agroalimentare italiano cresce del 3,5% all'anno

Non sono le tipicità della Dieta Mediterranea gli alimenti più esportati all'estero. Sono invece cioccolato, tè, caffè, spezie e piatti pronti. I maggiori centri italiani votati all'export sono Verona con 2,9 miliardi di euro, Cuneo con 2,5 miliardi e Parma con 1,6 miliardi

C. S.

Italia leader mondiale nel mercato degli spumanti

Quasi una bottiglia su cinque esportata nel mondo è una bollicina nostrana. E' il Prosecco a dominare la scena, seguito da Asti spumante e Franciacorta. I volumi crescono ma occorre far di più sul fronte del valore aggiunto

C. S.

Il mercato internazionale dell'olio di oliva vale 7 miliardi di dollari

L’Italia si conferma il secondo paese esportatore di olio d’oliva dopo la Spagna, precedendo con ampio margine gli altri principali esportatori, Grecia, Portogallo e Tunisia. Nel triennio 2014-2016 però il prezzo italiano è cresciuto meno di quello di Grecia e Tunisia e dalla Spagna

C. S.

L'Italia vitivinicola può galoppare nei prossimi quattro anni, specie in Usa, Germania e Svizzera

Tra i Paesi produttori, è l’Italia a crescere di più, con un aumento delle vendite in valore del 10% nel prossimo quadriennio, meglio di Francia e Cile (+6,1%), Usa (+4,3%) e Spagna (+3,6%). Attenti però alle performance francesi nel Regno Unito, Canada e soprattutto Cin

C. S.

Boom dei consumi di cibo bio e a Km0

Solo in Italia i prodotti alimentari organici e locali valgono orami un miliardo di euro. La Grande distribuzione organizzata tiene conto di questo e sta allargando gli spazi dedicati. Negli Usa il 70% dei consumatori ha provato cibo bio o a Km0

C. S.

Occorrono più investimenti del vino italiano nei nuovi mercati

Diciannove mercati emergenti nel 2016 hanno acquistato vino per 4,25 miliardi di euro, aumentando la loro domanda del 298% sui valori del 2006. Qui l'Italia è solo quarta con l'11% del mercato, contro il 33% dei cugini francesi

C. S.

Il vino biologico conquista il consumatore italiano

U’indagine Nomisma-Ice ha rilevato che il 25% della popolazione 18-65 anni ha avuto almeno un’occasione di consumo di vino biologico nell’ultimo anno. Un trend di consumo che ha fatto crescere del 300% la viticoltura bio europea

C. S.

Sempre più spazi per il vino di qualità nella GDO: le voci dei protagonisti

Aumento del 4,9% nel primo bimestre di quest'anno per i vini doc, secondo la ricerca Iri per Vinitaly. C'è ottimismo nelle parole degli operatori della Grande Distribuzione. Robusta crescita soprattutto degli spumanti

C. S.

Le aziende vitivinicole italiane sono a basso rischio finanziario

Il livello di rischiosità del comparto continua a ridursi nel 2016 come testimonia il calo dei default Basilea dal 3,9% del 2015 al 2,8% del 2016, un livello molto più contenuto rispetto agli standard pre-crisi

C. S.

Bioeconomia, un business da 250 miliardi di euro nel Vecchio Continente

Italia seconda, dietro la Spagna, ma con maggiore diversificazione. In particolare è significativa nel nostro Paese la presenza nelle componenti high-tech della chimica biobased e della farmaceutica biotech

Marcello Ortenzi

Molto attenti a sostenibilità e provenienza del vino: ecco cosa cercano i giovani digitali

I giovani Millenial sono ormai la generazione più popolosa sulla faccia della Terra. Pensare che abbiano esigenze simili è però un errore. Negli Usa un consumatore di vino su due è donna. In Giappone, i Millennial hanno ereditato il culto della qualità, ma vivono con poco e devono scegliere attraverso il rapporto qualità/prezzo

C. S.

Export vitivinicolo nazionale oltre i 5 miliardi di euro

Nel 2016 cresce ancora del 4,3% rispetto all'anno precedente il valore del vino italiano venduto nel mondo. A guidare il trend di nuovo i vini spumanti, con un valore di quasi 1,2 miliardi di euro 

C. S.

La Grande Distribuzione a caccia di vini a denominazione d'origine

E' la tipicità a premiare a scaffale. Tutti i vini emergenti, infatti, spiccano per un'identità territoriale ben definita. Le migliori performance per Ribolla Gialla (Friuli Venezia Giulia), Passerina (Marche) e Valpolicella Ripasso (Veneto)

C. S.

L'olio d'oliva spagnolo si prende il 41% del mercato americano

Confermato lo storico sorpasso nel mercato statunitense dell'olio d'oliva iberico, anche se per sole 2000 tonnellate. Al nostro Paese resta ancora il primato dell'ìexport in valore ma la Spagna ormai è a un'incollatura, segno che anche sul valore aggiunto le distanze si sono assottigliate

T N

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

L'autogol dell'olivicoltura italiana

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano