Anno 16 | 20 Febbraio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > ECONOMIA

La corsa inarrestabile dello spumante italiano

La spumantistica italiana vale 2,5 miliardi di euro di export. Il Prosecco domina in volumi, con l'80% del mercato. L' esportazione si concentra in tre paesi: il 34% nel Regno Unito, il 19% negli Stati Uniti, il 18% in Germania

C. S.

Meglio la birra che il vino sulle tavole degli italiani. Ecco tutti i numeri della sfida

Crescita record per la birra in Italia, con i consumi sono aumentati del 10,6% nel 2017 a fronte del magro 2,3% di incremento per il settore vitivinicolo. A salvare il nettare di Bacco nazionale sono gli spumanti, in crescita del 7%. Tra le birre è boom di quelle speciali, che crescono del 20%

T N

Il maggior export fa bene solo all'industria alimentare nazionale

In pochi anni ridotto il grado di autoapprovvigionamento della produzione agricola nazionale. L’ulteriore espansione dell’export del “Made in Italy” alimentare dovrà essere sostenuta in misura crescente da materie prime agricole d’importazione

C. S.

Cambiano le abitudini di consumo degli italiani per l'ortofrutta

Gli italiani non hanno proprio digerito la spesa dsi 1-2 centesimo a sacchetto per comprare la frutta al supermercato. Oltre a un calo delle vendite, dovute anche al periodo, cambiano le abitudini: il 21% torna dal fruttivendolo e il 12% la compra già confezionata

C. S.

Veggie e bio dominano gli scaffali dei supermercati

L'Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy parla espressamente di una “crescita a ritmo sostenuto per i prodotti "identitari" con le vendite che ammontano a un valore di oltre 1,8 miliardi di euro e sono in aumento del 9,6%

T N

L'agricoltura biologica è la più giovane e acculturata d'Italia

Giovane età e scolarizzazione più elevata si traducono in una maggiore propensione all’innovazione e alla tecnologia: già nel 2010 il 15,6% delle aziende biologiche era informatizzato, il 10,7% aveva un sito internet e il 5,2% praticava e-commerce

C. S.

Il 2017 è stato l'anno nero dell'agricoltura italiana

Il comparto primario ha visto una diminuzione del proprio PIL a fronte della crescita nazionale. Bene l'industria alimentare mentre il valore aggiunto del settore agricolo tornerà al di sotto di quello registrato nel 2012 e in forte calo anche l'export

C. S.

Le cooperative trascinano l'agroalimentare italiano

Le cooperative agroalimentari nazionali generano un fatturato di quasi 35 miliardi di euro, pari al 23% del giro d'affari dell’alimentare italiano. Spicca la crescita a tre cifre del fatturato delle top25 nel vino e quella, sempre molto alta, registrata dalle cooperative dell’ortofrutta

C. S.

Il vino francese allunga il passo su quello italiano negli Usa

Il vino italiano cresce troppo poco rispetto alla concorrenza. L’Italia rimane in testa nel segmento dei vini fermi, ma è proprio qui, dove tradizionalmente siamo più forti, che scontiamo di più il recupero francese

C. S.

Salgono gli stock di cereali, scende l'indice dei prezzi alimentari della FAO

La flessione di novembre è stata determinata da un calo del 4,9% nell'Indice FAO dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, poiché le quotazioni del burro, del formaggio, del latte intero, scremato e in polvere sono diminuite

C. S.

Il biologico traina le vendite nella Grande Distribuzione

Il biologico è diventata una presenza importante nel carrello degli italiani, arrivando a pesare il 3,4% delle vendite totali dell’alimentare. Anche le promozioni sembrano giocare un ruolo sempre più importante, con un aumento dell’intensità da 21,0% a 22,2%, contro il 31% dell’alimentare

C. S.

L'export agroalimentare italiano raggiunge i 29,8 miliardi nei primi sette mesi dell'anno

Secondo il Ministro Martina i 50 miliardi di export nel 2020 sono un risultato alla portata e per aiutare le piccole e medie imprese occorre un mix di protezione e promozione

C. S.

Mozzarella di bufala Dop, in 10 anni raddoppiato l'export

In valore assoluto il dato è ancora più significativo: si è passati infatti dalle 5.280 tonnellate esportate nel 2006 alle 14.190 del 2016, il che vuol dire +168,7%. La Francia resta il primo Paese di destinazione 

C. S.

Vino, salumi e formaggi sono il fulcro dell'export agroalimentare italiano

L’export agroalimentare italiano si appresta quest’anno ad oltrepassare i 40 miliardi di euro secondo Nomisma. Sono soprattutto i paesi extra-Ue ad evidenziare i tassi di crescita più elevati

C. S.

Biologico, non si torna più indietro: è un cambiamento strutturale dello stile di vita

Aumentano le vendite ma soprattutto il numero di referenze dei prodotti biologici nella Grande Distribuzione. Non esiste più catena o insegna che non abbia una sua linea a marchio bio

C. S.

Il prezzo dei terreni agricoli italiani rimane fermo

Nel 2016 il prezzo medio si è attestato poco sotto i 20.000 euro per ettaro. In rialzo, pur se moderato, le zone altimetriche di collina e, in qualche misura, le circoscrizioni Nord ovest e Isole

C. S.

Numeri positivi per il vino italiano, ma non c'è ottimismo

Il vino italiano sempre trainato dagli spumanti con un +13% a volume e un +15% a valore nei primi sette mesi dell'anno. L'export raggiunge i 3,3 miliardi di euro ma l'Italia perde quote di mercato. La spiegazione di questa apparente contraddizione

C. S.

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Aceto di oliva: un possibile nuovo prodotto dalle acque di vegetazione

Lavorare gratis per la pubblica amministrazione e pagare le tasse. E' questo il destino dei professionisti italiani?