Anno 16 | 19 Febbraio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Da acque di vegetazione dell'olivo e vinacce un fertilizzante organico e funzionale

Con processi semplici, basati su evaporazione e compostaggio, è possibile ottenere un fertilizzante naturale in grado di competere con gli omologhi chimici. I sottoprodotti sempre più al centro dell'economia agricola del futuro

Utilizzare acque di vegetazione e vinacce, attraverso un sistema semplice e poco oneroso, per produrre un fertilizzante organico ricco di azoto e soprattutto potassio, oltre che di sostanza organica.

E' la promessa della ricerca dell'Università di Aegean in Grecia.

I ricercatori, nella prima fase, hanno essiccato le acque reflue di frantoio in una camera all'interno di una serra solare utilizzando il letame di maiale come agente ingrossante. Il tasso medio di evaporazione è risultato pari a 5,2 kg acqua/m2/giorno per un periodo di essiccazione di 6 mesi (febbraio-agosto).

Al termine del processo di essiccazione solare sono state registrate perdite elevate di fenolo (75%) e di azoto (15%) e carbonio (15%).

Il prodotto finale dopo l' essiccazione solare era ricco di nutrienti (N-azoto: 27,8 g/kg, P-fosforo: 7,3 g/kg, K-potassio: 81,6 g/kg) ma conteneva ancora notevoli quantità di fenoli (18,4 g/kg).

Al fine di eliminare i fenoli in eccesso, che possono avere un effetto fitotossico, alle acque di vegetazione così trattate è stato applicato un processo di compostaggio con o senza l'uso di vinacce come agente ingombrante.

I risultati hanno dimostrato che l'uso della vinaccia come agente di carica con un rapporto volumetrico di 1:1 ha consentito di ottenere un profilo di temperatura del compost (60 °C) ideale per il compostaggio.

Il prodotto finale, dopo la combinazione di essiccazione solare e compostaggio, presentava le caratteristiche di un concime organico (carbone organico al 57%) ricco di nutrienti (3,5% N, 1% P, 6,5% K) con un contenuto di fenolo abbastanza basso (2,9 g/kg).

Questo fertilizzante organico è stato utilizzato come nutriente per una coltura di peperoni, con risultati del tutto confrontabili a quella dei fertilizzanti commerciali NPK.

Bibliografia

F. Galliou, N. Markakis, M.S. Fountoulakis, N. Nikolaidis, T. Manios, Production of organic fertilizer from olive mill wastewater by combining solar greenhouse drying and composting, Waste Management, Available online 1 February 2018, ISSN 0956-053X

di R. T.
pubblicato il 08 febbraio 2018 in Strettamente Tecnico > L'arca olearia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Aceto di oliva: un possibile nuovo prodotto dalle acque di vegetazione

Lavorare gratis per la pubblica amministrazione e pagare le tasse. E' questo il destino dei professionisti italiani?