Anno 15 | 27 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > BIO E NATURA

Simbiosi con microrganismi per migliorare l’assorbimento di fosforo nelle piante

L’uso di fertilizzanti a base di fosforo è aumentato da 5 a 20 milioni di tonnellate dal 1961 al 2013. Lo studio dei ricercatori delle Università di Pisa e Copenhagen ha scoperto il meccanismo per incrementare la crescita e l’assorbimento di fosforo già presente nel suolo

C S

Dal fiore al vasetto, cos'è il miele e come viene lavorato dalle api

Il miele è l'unico zucchero naturale non lavorato dall'uomo. E' una concentrazione di nettare, ottenuta per evaporazione controllata, che le api eseguono all'interno dell'alveare che viene mantenuto a temperatura costante. Ma cosa c'è nel miele?

Elisabetta De Blasi

La sapienza contadina alla base di programmi di genomica avanzata

Una ricerca scientifica internazionale condotta in Etiopia ha dimostrato che l’antica sapienza contadina può servire per identificare fattori genetici utili al miglioramento delle colture di grano. Nuovi strumenti e strategie innovative per contrastare gli effetti negativi del cambiamento climatico

C. S.

La diversità salverà le aree marginali e rurali del nostro Paese

I territori marginali sono il 60% della superficie nazionale e vi vive tra il 20 e il 30% della popolazione complessiva. Vivono un momento drammatico, per trend demografico, ma possono rinascere se si investe sul capitale naturale, culturale e dei sistemi agro-alimentari

0

Maurizio Pescari

Aceto contro la siccità: una nuova arma naturale per difendere le piante

Ricercatori giapponesi hanno scoperto che le piante, anche quelle coltivate, possono produrre energia attraverso l'acetato, non solo grazie allo zucchero. Molta più resistenza alla siccità, anche per mais, riso e grano, dopo un trattamento a base di acido acetico

C. S.

I biosolfati in agricoltura, sfruttare i fanghi per migliorare i suoli

Oggi è necessario utilizzare al meglio e fino in fondo ogni risorsa per garantire la sostenibilità ambientale e economica degli agroecosistemi del futuro. L'esempio del biosolfato

0

Emiliano Racca

Scoperti i geni responsabili dello sviluppo del frutto nel melo

La ricerca, realizzata grazie a tecnologie molecolari di ultimissima generazione da un gruppo di ricercatori francesi, italiani, olandesi, tedeschi e sudafricani, consentirà al mondo scientifico di perfezionare e velocizzare le attività di miglioramento genetico

C. S.

Contaminanti e composti tossici, un laser li può scoprire

Il nuovo apparrecchio Enena permette di scoprire, per esempio, l’adulterazione del latte in polvere con composti utilizzati generalmente per colle e plastiche come la melammina. In futuro sistemi miniaturizzati e app per smartphone

C. S.

Le varietà di mele antiche sono più nutrienti di qualle moderne

Ricercatori dell’Università di Pisa e della Scuola Superiore Sant’Anna hanno paragonato le proprietà nutraceutiche di sei varietà di mele antiche: Mantovana, Mora, Nesta, Cipolla, Ruggina, Sassola con una varietà commerciale: Golden Delicious

C. S.

Olio di neem per una lotta realmente biologica

L’olio neem è ideale se utilizzato come insetticida nella lotta integrata con agenti di controllo biologico, dato che risulta nocivo per le specie dannose, quali zanzare e acari, ma ha una ridotta tossicità verso alcuni loro predatori, come ad esempio anfibi e pesci

C. S.

Monitorare l'olivo e la vite in volo: un esempio concreto di utilizzo dei droni

Come emerso dalla tesi di laurea che ha meritato il premio Prosperitati Publicae Augendae dei Georgofili, i dati ottenuti dai droni possono dare informazioni di tipo geometrico, utili nell’impostazione delle operazioni di gestione della chioma, o dei filari, oltre alle operazioni irrigue, fitosanitarie e di concimazione

0

Giacomo Palai

La dolcezza di una mela non sta tutta nello zucchero

La quantità di zuccheri nella mela determina meno del 60% della dolcezza percepita. Un ruolo fondamentale è giocato anche dall'aroma. I composti volatili, molecole responsabili di odori e aromi, sono fondamentali

C. S.

L'innovazione che viene dal passato per battere la celiachia

La selezione varietale per il grano nel passato si è basata unicamente sullo sviluppo di caratteri agronomici e tecnologici, senza tenere in dovuto conto fattori ambientali e salutistici. Oggi con il breeding evolutivo si compie un passo in avanti, partendo dal passato e guardando al futuro. Ne abbiamo parlato con Stefano Benedettelli dell'Università di Firenze

Graziano Alderighi

Tutto quello che avreste voluto sapere sul noce

Uno studio dell’Ibaf-Cnr e Ibam-Cnr identifica origine e modalità di diffusione del noce comune, evidenziando l’influenza dell’uomo. Il lavoro, pubblicato su Plos One, ha incrociato i dati genetici della pianta con l’analisi glottologica della parola ‘noce’ e con i dati archeologici, topografici e storici relativi alla distribuzione geografica della specie

 

C. S.

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva