Anno 15 | 20 Novembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > BIO E NATURA

L'agricoltura biologica può sfamare tutti, a patto di cambiare il nostro stile di vita

L'Unione europea è in prima linea nel processo di cambiamento del comparto primario, con due milioni di ettari in più tra 2012 e 2016. Un mondo completamente organico richiederebbe il 33% di terreni agricoli in più, se si mantenesse lo stesso consumo di carne e tasso di spreco alimentare

T N

Virus negli abissi marini è il motore della catena alimentare

Una ricerca italo-spagnola che coinvolge l’Ismar-Cnr, pubblicata su Science Advances dimostra che negli oceani profondi le infezioni virali del plancton rilasciano ogni anno 140 gigatonnellate di carbonio organico fresco per la catena alimentare dell’ecosistema. I risultati aiuteranno a migliorare le stime del ciclo globale del carbonio sulla terra, utili per la comprensione dei cambiamenti climatici

 

C. S.

Il glifosato ha fatto il suo tempo. E' ora di cambiare strada

Cosa è possibile fare per un'azienda agricola che voglia rinunciare all'erbicida più famoso ed economico al mondo? Molti altri principi attivi sono pronti a sostituire quello che oggi è finito nell’occhio del ciclone. E poi vale sempre quello che è scritto nei vecchi libri di agronomia

Francesco Presti

Una patata altamente nutritiva, ricca di vitamina A ed E

La patata è la terza coltura di ampio consumo ad essere biofortificata. Tramite il miglioramento genetico classico è stata arricchita di luteina e zeaxantina, di vitamina A ed E. Centocinquanta grammi della nuova patata bollita può fornire il 42% della dose giornaliera di vitamina A e il 34% di vitamina E di un bambino

C. S.

Svelato il genoma dell'aspargo, più semplice il miglioramento genetico

L’asparago presenta piante maschili e piante femminili distinte, che, per formare il frutto e il seme, necessitano di essere impollinate da un’ape. La scoperta del Crea consentirà di ridurre i tempi individuando il sesso nelle piantine senza aspettare la fioritura

C. S.

Più fertilizzanti organici nel futuro dell'Unione europea

Il Parlamento europeo sta discutendo un regolamento per aumentare l’uso di materiali riciclati per produrre fertilizzanti ma con  limiti per le sostanze contaminanti, come il cadmio, a tutela di salute e ambiente

T N

Un piatto di spaghetti diventa un alimento probiotico

Grazie a un attento processo molitorio è stato realizzato uno sfarinato funzionale di grano duro, più ricco di vitamine, acidi fenolici e proteine di alta qualità. Poi sono state aggiunte direttamente agli impasti spore di batteri probiotici

C. S.

Con la bioedilizia il ruolo dell'agricoltura torna in primo piano

Le case ecosostenibili in futuro sono caratterizzate da ottimi risparmi energetici, ambienti puliti e elementi riciclabili e naturali. In questo contesto, la canapa ha enormi potenzialità e infinite possibilità

Marcello Ortenzi

Olio d'oliva e vino, la sfida ai cambiamenti climatici non è solo colturale ma anche culturale e comunicazionale

L'annata eccezionale potrebbe rappresentare uno spartiacque tra modi diversi di intendere il futuro. Muterà l'agronomia ma anche i profili sensoriali di vino e olio extra vergine d'oliva, imponendo cambiamenti repentini anche nel modo di comunicare

0

Sebastiano Di Maria

Il mondo del biologico si spacca per il decreto controlli

Il Concorzio il Biologico esce da Federbio e la posizione del Ccpb è molto critica. Il decreto legislativo sul settore del biologico fa molto discutere, per l'incisività sugli organismi di controllo

C. S.

Meccanizzazione agraria sempre più affidata a computer e reti clouding

Nel futuro ogni mezzo meccanico sarà governato da sistemi satellitari, informatici e sensoristici, e integrabile con le informazioni ricavate dall'impiego di droni, così da offrire una rappresentazione completa di quella che viene definita l'agricoltura 4.0

Marcello Ortenzi

Il DNA è la chiave di volta contro le truffe alimentari

Ad aver scommesso sull'impronta genetica nel cibo anche l'Istituto Italiano di Tecnologia con un test rapido ed economico per la tracciabilità genetica del cibo. Il NanoTracer è in grado di fornire una risposta in meno di due ore ed è utilizzabile anche da parte di personale non specializzato

C. S.

Quando l'irrigazione non basta: cambiare il modello produttivo

Gli obiettivi restano immutati: garantire gli stessi standard qualitativi e ambientali; il loro sviluppo non può che derivare dall’analisi propria delle scienze agronomiche dei biosistemi, attraverso tecnologie innovative, quali quelle, per esempio, legate all’agricoltura di precisione

C. S.

La siccità in Italia vista dal satellite

Un dataset di umidità del suolo satellitare, disponibile dal 1978 a livello mondiale, consente all'Istituto di ricerca per la protezione idrogeologica del Cnr di monitorare da vicino e prevedere l'impatto della siccità. Negli ultimi dieci giorni in Italia i suoli sono molto più asciutti del normale

C. S.

Simbiosi con microrganismi per migliorare l’assorbimento di fosforo nelle piante

L’uso di fertilizzanti a base di fosforo è aumentato da 5 a 20 milioni di tonnellate dal 1961 al 2013. Lo studio dei ricercatori delle Università di Pisa e Copenhagen ha scoperto il meccanismo per incrementare la crescita e l’assorbimento di fosforo già presente nel suolo

C S

Dal fiore al vasetto, cos'è il miele e come viene lavorato dalle api

Il miele è l'unico zucchero naturale non lavorato dall'uomo. E' una concentrazione di nettare, ottenuta per evaporazione controllata, che le api eseguono all'interno dell'alveare che viene mantenuto a temperatura costante. Ma cosa c'è nel miele?

Elisabetta De Blasi

La sapienza contadina alla base di programmi di genomica avanzata

Una ricerca scientifica internazionale condotta in Etiopia ha dimostrato che l’antica sapienza contadina può servire per identificare fattori genetici utili al miglioramento delle colture di grano. Nuovi strumenti e strategie innovative per contrastare gli effetti negativi del cambiamento climatico

C. S.

La diversità salverà le aree marginali e rurali del nostro Paese

I territori marginali sono il 60% della superficie nazionale e vi vive tra il 20 e il 30% della popolazione complessiva. Vivono un momento drammatico, per trend demografico, ma possono rinascere se si investe sul capitale naturale, culturale e dei sistemi agro-alimentari

0

Maurizio Pescari

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Nuovi oliveti, scatta il totocultivar. Quale scegliere per rispondere alle richieste del mercato?