Anno 16 | 14 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Dai benedettini a oggi, la Liguria leader della qualità olearia

Paolo Cassini con il suo olio Extremum , vincitore del premio speciale per la categoria fruttato leggero del Gambero Rosso, conferma che la Taggiasca è una varietà da non sottovalutare se trattata con cura

Un’annata difficile, una guida assolutamente non facile da realizzare: la stagione quest’anno ha fatto segnare una campagna olearia molto variegata – come in realtà da anni sta avvenendo – che ha richiesto mille sforzi e attenzioni da parte degli olivicoltori, sia nel campo che in frantoio.

Le realtà più solide – vere e proprie avanguardie nella ricerca della qualità – si sono confermate a livelli molto alti.

Quello di Paolo Cassini è un piccolo angolo di paradiso caratterizzato da 1.300 alberi di taggiasca distribuiti su poco più di 7 ettari.

Furono i monaci benedettini a piantare, già nel XIII secolo, i primi alberi dei quali ancora ne è rimasto qualcuno in vita. Dal 1962 la famiglia diventa uno dei produttori di riferimento per l'extravergine ligure di qualità e dal 1993, con l'avvento del nuovo impianto a ciclo continuo, si è confermata questa filosofia.

Il miglior fruttato leggero torna in quella che è sempre stata la sua casa storica e in questa annata il figliol prodigo si chiama Extremum, un incredibile extravergine dalla trama aromatica delicata e complessa caratterizzata da una lieve balsamicità, la camomilla, la salvia e maggiorana nel finale.

Al palato emergono note come tè verde e salvia che lasciano in bocca una stupenda sensazione vegetale.

Abbinamenti: crudi di pesce

Extremum Monocultivar Taggiasca di Paolo Cassini a Isolabona (IM)

di Stefano Polacchi
pubblicato il 18 aprile 2014 in Racconti > Emozioni di gusto

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!