L'arca olearia 17/06/2024

L’inerbimento con leguminose dell’olivo: effetto ammendante e protezione del suolo

L’inerbimento con leguminose dell’olivo: effetto ammendante e protezione del suolo

Confrontate due gestioni del suolo: sfalcio e sfalcio con lavorazione. Le leguminose utilizzate come inerbimento migliorano i nitrati del terreno


L'oliveto biologico rappresenta un'opportunità economica per alcune aree rurali poco produttive dal punto di vista agricolo. Si tratta solitamente di aree montane, con pendenze elevate e suoli acidi e poco profondi con poca sostanza organica.

L'implementazione di una coltura di copertura di leguminose negli oliveti biologici ridurrebbe i processi erosivi e aumenterebbe la quantità di azoto nel suolo.

Uno studio spagnolo ha studiato, durante tre stagioni colturali (2010-2013), le possibilità di impianto e il comportamento di diverse specie di leguminose come inerbimento nell'oliveto biologico, stimando la loro capacità di proteggere il suolo, aumentando la quantità di azoto nel terreno quando l'olivo ne ha più bisogno e determinando la corretta gestione dei residui vegetali di queste coperture durante il processo di decomposizione che massimizza questo contributo.

L’inerbimento con leguminose dell’olivo: effetto ammendante e protezione del suolo

I risultati ottenuti indicano che Vicia ervilia è stata la leguminosa che ha presentato il miglior comportamento nell'aumento del contenuto di nitrati nel suolo.

Per quanto riguarda il sistema di gestione del suolo, l'uso dei residui ottenuti dal processo di sfalcio dei campi ha aumentato il contenuto di nitrati nel suolo sia con il sistema di solo sfalcio che con quello di sfalcio seguito da lavorazione del terreno.

Tuttavia, il contenuto di nitrati è risultato più elevato nei terreni lavorati rispetto a quelli in cui le coperture sono state lasciate solo in superficie. Nel mese di maggio della seconda stagione, la V. ervilia ha accumulato 85 kg/ha di nitrati nei primi 20 cm di suolo con la lavorazione del terreno, mentre 40 kg/ha con il sistema senza lavorazione del terreno.

Per quanto riguarda la protezione del suolo dagli agenti erosivi, nessuna delle specie studiate è stata efficace nel proteggere il suolo fino alla semina successiva.

di R. T.