L'arca olearia19/01/2018

La qualità, mito e chimera dell'olio d'oliva dei giorni nostri

La qualità, mito e chimera dell'olio d'oliva dei giorni nostri

La qualità non è un concetto assoluto nè fideistico ma è relativo, va cioè rapportato a parametri o percezioni, e si può anche misurare. Un olio rancido è di qualità? “Normalmente” la risposta è: no. Ma occorre andare oltre, aprendo un mondo inesplorato

L'arca olearia19/01/2018

Tiriamo le somme sulla qualità dell'olio in questa campagna olearia

Tiriamo le somme sulla qualità dell'olio in questa campagna olearia

A livello qualitativo invece è sicuramente stata un’ottima annata. Come previsto all’inizio della stagione, la maggior parte dei campioni sono risultati di qualità alta o molto alta: la media dei polifenoli/biofenoli determinati è risultata molto alta

L'arca olearia18/01/2018

Una macchina meglio degli assaggiatori per riconoscere i difetti dell'olio d'oliva

Una ricerca portoghese ha messo a punto un sensore potenziometrico-chemiometrico, una lingua elettronica, in grado di rilevare livelli di avvinato e rancido che normalmente un panel non sarebbe in grado di individuare

di R. T.

L'arca olearia12/01/2018

La corsa verso l'olio extra vergine di oliva a 2,99 euro al litro

La corsa verso l'olio extra vergine di oliva a 2,99 euro al litro

Dalle offerte a 3,99 euro/litro a quelle a 2,99 euro/litro il passo rischia di essere fin troppo breve. La carrellata delle promozioni e offerte speciali nel mezzo della campagna olearia è impressionante. Con prezzi all'ingrosso che difficilmente sono scesi sotto i 3,7 euro/kg, è guerra all'ultimo centesimo di euro

di Alberto Grimelli
L'arca olearia12/01/2018

L'olio extra vergine di oliva nutraceutico: occorre contaminare per arrivare al successo

L'olio extra vergine di oliva nutraceutico: occorre contaminare per arrivare al successo

L’approccio scelto per la risoluzione delle problematiche complesse che caratterizzano il settore olivicolo oleario è la transdisciplinarità. A Napoli la prima riunione del progetto che vuole incentivare il consumo di olio extravergine di oliva italiano attraverso l’uso dei claim salutistici approvati dall’Efsa

di Maria Lisa Clodoveo
L'arca olearia10/01/2018

L'attuale classificazione degli oli di oliva inganna il consumatore

L'attuale classificazione degli oli di oliva inganna il consumatore

Olio di oliva è la denominazione giusta per l’intero mondo legato all’olivicoltura e all’olio, quella che può ridare a questo principe di tutti i grassi la sua dignità, e, con essa, la possibilità di tornare a vivere un rapporto diretto con il consumatore


L'arca olearia10/01/2018

La crisi dell'industria olearia italiana nel 2017

La crisi dell'industria olearia italiana nel 2017

Nel 2017 le esportazioni dell'industria olearia italiana sono calate del 17% in volume e del 4% in valore. Frutto di una riduzione reale delle vendite o della delocalizzazione dei marchi, anche medio piccoli, verso Spagna e altre sponde del Mediterraneo?

di C. S.
L'arca olearia21/12/2017

La Xylella descritta dall'Accademia dei Georgofili

Le prime segnalazioni sul disseccamento degli olivi risalgono al 2009, ma solo nel 2013 si è riuscito a identificare il batterio. L’infezione ha già interessato una superficie di migliaia di ettari, che insieme al notevole danno economico può stravolgere il tradizionale paesaggio agricolo della Puglia

di C. S.
L'arca olearia20/12/2017

Il recupero del patrimonio olivicolo Toscano: il progetto CATChCO2-live

La Toscana ha un grande patrimonio olivicolo, recuperarlo significa un'azione di contrasto ai cambiamenti climatici tramile lo stoccaggio di CO2 con una gestione innovativa, cooperativa e sostenibile del territorio

di Andrea Triossi

L'arca olearia15/12/2017

L'impatto dei cambiamenti climatici sulla qualità dell'olio extra vergine di oliva, anche italiano

L'impatto dei cambiamenti climatici sulla qualità dell'olio extra vergine di oliva, anche italiano

Quando la temperatura media giornaliera, nel periodo dalla fioritura all'inolizione, supera i 25 gradi si ha una diminuzione lineare del contenuto in olio e uno sbilanciamento nella proporzione tra gli acidi grassi, con una diminuzione del tenore in acido oleico

di R. T.
L'arca olearia15/12/2017

Quali sono le varietà di olivo che vanno per la maggiore?

Quali sono le varietà di olivo che vanno per la maggiore?

Nei vivai per la prossima stagione la produzione avrà un incremento medio del 15-20%, con punte più consistenti, ovviamente, per quelle varietà che segnano un maggiore interesse. Il Leccino vince su tutta la linea ma ottimo interesse anche per Leccio del Corno, Maurino ma anche cultivar meno note come il Piantone di Mogliano

di Giuliano Incerpi
L'arca olearia08/12/2017

Intervista a un imbottigliatore d'olio di oliva pentito

Intervista a un imbottigliatore d'olio di oliva pentito

Appesi provetta e pallottoriere al chiodo, il nostro Mister O si gode il frutto di tanto lavoro e senza peli sulla lingua svela trucchi e segreti per far profitti nella filiera olearia, impunemente o quasi. In esclusiva ci racconta: “la pace tra imbottigliatori e olivicoltori? Ci credono solo le anime belle.” Dagli scandali oleari alla guerra all'ultimo centesimo sul prezzo

di Gelso Lo Scimmione

L'arca olearia08/12/2017

Se dopo quattro mesi dal confezionamento l'olio di Arbequina non è più extra vergine d'oliva

Se dopo quattro mesi dal confezionamento l'olio di Arbequina non è più extra vergine d'oliva

Una ricerca dell'Università dell'Extremadura ha analizzato i principali parametri chimici di un extra vergine di Arbequina dopo quattro mesi dal confezionamento, in bottiglie in PET o in vetro ambrato. Il risultato è sorprendente, con shelf life assai limitate e valori chimici completamente sballati

di R. T.
L'arca olearia08/12/2017

I fenoli dell'olio di oliva non sono tutti uguali o ugualmente influenzati dal campo e dal frantoio

I fenoli dell'olio di oliva non sono tutti uguali o ugualmente influenzati dal campo e dal frantoio

E' sempre più importante capire l'influenza delle variabili agronomiche e durante il processo di estrazione sul contenuto dei singoli fenoli, per creare oli che siano buoni al palato ma anche per la nostra salute

di R. T.
L'arca olearia01/12/2017

Non bastano le carte a posto per dimostrare che un olio d'oliva è 100% italiano

E' possibile eludere la piena rintracciabilità del registro Sian, secondo i giudici del Tribunale del Riesame di Bari. Ecco perchè l'esame di DNA può essere prova indiziaria sufficiente per approfondimenti delle indagini. Cosa può accadere con la piena applicazione dei principi della sentenza del 21 gennaio 2016?

di Alberto Grimelli

L'arca olearia01/12/2017

Dalla potatura alle concimazioni. Ecco cosa non  fare in inverno nell'oliveto

Dalla potatura alle concimazioni. Ecco cosa non  fare in inverno nell'oliveto

Eseguire la potatura troppo presto, per non parlare di quella durante la raccolta, espone agli sbalzi termici. La condizione di sempreverde rende l'olivo molto sensibile a trattamenti con prodotti fitosanitari in epoche troppo fredde. Gli apporti di azoto devono essere molto oculati e spesso evitati

di Angelo Bo
L'arca olearia01/12/2017

Superare l'alternanza di produzione dell'olivo attraverso i Contratti di Rete

Superare l'alternanza di produzione dell'olivo attraverso i Contratti di Rete

Nel Contratto di Rete il trasferimento di prodotto tra le aziende che ne fanno parte, consente di mantenere l’origine propria del prodotto. Condivisione della forza lavoro, vantaggi della prevalenza e gestione delle macchine, si possono concentrare in un’unica rete a beneficio delle singole aziende che mantengono la propria identità

di Edoardo Pescari
L'arca olearia01/12/2017

Olio d'oliva con Spirulina per migliorare stabilità ossidativa e conservabilità

Olio d'oliva con Spirulina per migliorare stabilità ossidativa e conservabilità

L'olio d'oliva è un prodotto con una vita media piuttosto breve ed aumentarla attraverso composti naturali già utilizzati nell'industria alimentare è una via considerata praticabile e potenzialmente redditizia

di R. T.