Massime e memorie 01/10/2011

In vigna e in cantina. Tutto continua e continuerà per sempre

In vigna e in cantina. Tutto continua e continuerà per sempre

Un concerto per lieviti, zuccheri e carbonica. Il piacere della vendemmia, nell'intenso racconto di Nicoletta Bocca. E' un momento che dura pochi giorni, quello della pienezza


In questo numero di Teatro Naturale abbiamo il piacere di ospitare un breve testo della viticoltrice Nicoletta Bocca, anima dell'azienda San Fereolo a Dogliani. E' una testimonianza che ha pubblicato sul proprio profilo  facebook e che gentilmente ci ha concesso di riportare su queste pagine, a beneficio di noi tutti. (L. C.)

 

PURA BEATITUDINE

Ad un certo punto della vendemmia arrivano serate come questa in cui, quando tutto il lavoro è finito, i rimontaggi fatti, mastelli, secchi e pompe sciacquate, decidi di rimanere lì, di fermarti in cantina per goderti la soddisfazione dell'annata che ti sei portato a casa. Gli altri se ne vanno e dopo un po' quello che credevi fosse silenzio si riempie di un brusio profondo e sacrale. E' la fermentazione.

Ogni vasca dice la sua e non serve più nemmeno metterci l'orecchio contro. E come un grande e stupefacente suono che si espande ovunque, spingendo sulla volta della cantina. E' la forza della vita che trasforma, che ti sembra di non poter percepire preso nelle tue inutili cose e che invece procede inarrestabile.

E' un momento che dura pochi giorni, quello della pienezza di questo suono, in cui capisci che, che tu ci sia o non ci sia, tutto continua e continuerà per sempre. Ma invece di darti tristezza o senso di vuoto, questa cosa ti rassicura, perchè capisci che in questo giro della vita eterna devi esserci dentro per forza anche tu in qualche modo.

Allora torni a casa, perché il pensiero dell'eternità ti ha fatto venire appetito, ti cucini cinese come puoi con i pesci eccelsi del siciliano, e ti apri una bottiglia di Heimbourg di Zind Humbrecht del 1998. In fondo te lo meriti: tu, il concerto per lieviti zuccheri e carbonica, l'annata in cantina, le persone a cui stai pensando e a cui stai perdonando tutto, e che stanno, sfuocate, anche loro in questa beatitudine.

Nicoletta Bocca

di T N

Commenta la notizia

Per commentare gli articoli è necessaria la registrazione.
Se ancora non l'hai fatto puoi registrati cliccando qui oppure accedi al tuo account cliccando qui

Commenti 0