Anno 15 | 26 Aprile 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > AMBIENTE

Agricoltura industriale: prezzi bassi ma quanto inquinamento!

Quasi la metà delle emissioni di anidride carbonica per produrre il pane sono dovute alla fertilizzazione del grano, pratica indispensabile per aumentare le rese ad ettaro

R. T.

Per salvare il mondo serve più agricoltura biologica e biodinamica

Le emissioni di gas serra nell'Unione europea potrebbero scendere del 7% se il 20% della superficie agricola fosse coltivata col metodo biologico o biodinamico. Nel dettaglio emerge che la bioagricoltura può contribuire a ridurre l'accumulo di gas ad effetto serra attraverso una varietà di strumenti

C. S.

L'olivo e l'olio d'oliva contro il riscaldamento globale

Con l'adozione di pratiche agronomiche sostenibili, dall'emissione in atmosfera di 1,5 kg di anidride carbonica per ogni bottiglia d'olio d'oliva si potrebbe persino arrivare a un saldo positivo di 10 kg di anidride carbonica. L'olivo è la risposta al riscaldamento globale

C. S.

Habitat naturali a rischio a causa di specie aliene

Il caso dei boschi di San Rossore, tenuta protetta patrimonio dell'umanità, sono emblematici delle nuove sfide che ci attendono. Talune specie aliene dopo essersi insediate definitivamente nei nostri territori hanno progressivamente invaso la penisola e le principali isole senza risparmiare nessun ecosistema

Filiberto Loreti

I camini inquinano di più se c'è la nebbia

Uno studio dall’Isac-Cnr individua ora nei processi chimici che avvengono nelle particelle umide dell’atmosfera a partire dalla combustione della legna un fattore di formazione dell’aerosol organico secondario. Questo elemento incide nella produzione delle polveri sottili, inquinanti atmosferici dannosi per la salute umana

C. S.

Quando l'ambientalismo rischia di divenire una setta

La tutela dell'ambiente è interesse di tutti. L'azione di gruppi organizzati è quindi meritevole, purchè non sfoci in un settarismo dogmatico. Un ambientalista dovrebbe sempre poter replicare con scienza e cultura

1

Mimmo Ciccarese

La plastica finisce nella nostra catena alimentare, avvelenandoci

Cresce in maniera esponenziale la presenza di frammenti di plastica negli oceani. Una volta in mare, gli oggetti di plastica possono frammentarsi in pezzi molto più piccoli, e diventare microplastica, assorbendo e cedendo sostanze tossiche

C. S.

I laghi italiani non sono sicuri, troppi scarichi non depurati

Legambiente ha analizzato le acque di dodici laghi. Su 101 punti campionati il 50% è fuori dai limiti di legge. Situazioni critiche riguardanti la presenza di scarichi e d’inquinamento, ma non solo. Problemi anche con microplastiche

C. S.

Scoperti nuovi microinquinanti delle acque

Uno studio del Gruppo di ecologia microbica dell’Ise-Cnr dimostra la presenza nelle acque reflue urbane di geni di resistenza ai metalli pesanti e agli antibiotici che i sistemi di depurazione non riescono a rimuovere, con il rischio che si diffondano nell’ambiente. Il risultato potrà permettere di progettare sistemi di trattamento più efficaci.

C. S.

Oasi del respiro, un progetto per combattere inquinamento e malattie respiratorie

Indiuviduate, grazie a un monitoraggio del Crea, alcune aree "pulite" particolarmente preziose per gli asmatici, gli allergici e gli sportivi. Ne è derivata una sorta di certificazione ambientale

C. S.

La subsidenza della laguna di Venezia e del delta del Po

L’Istituto di scienze marine del Cnr in un recente studio evidenzia una significativa eterogeneità nella perdita di altimetria del suolo rispetto al livello del mare in questi vulnerabili ecosistemi. La laguna e la città sono stabili, il fenomeno aumenta nel sistema deltizio fino a 20 mm all’anno. Le bocche di porto della laguna, relative al progetto MoSE sperimentano cedimenti di oltre 30 mm/anno, la centrale elettrica di Porto Tolle di oltre 15 mm/anno

C. S.

Troppi rifiuti sulle spiagge italiane, plastica e polistirolo inquinano le vacanze

L'indagine Beach Litter 2016 svela come vi sino troppi rifiuti sulle spiagge italiane, in media 714 rifiuti ogni 100 metri. A guidare la top ten dei rifiuti spiaggiati più trovati: pezzi di plastica e polistirolo,cotton fioc e mozziconi di sigaretta

C. S.

Troppi pesticidi nelle acque profonde e superficiali. Cresce l'inquinamento agricolo

Una ricierca dell'Istituto superiore per la protezione e per la ricerca ambientale ha rinvenuto 224 sostanze diverse nelle falde, indice di maggiori controlli. Nelle acque superficiali, il glifosate tra le sostanze che superano più spesso i limiti

C. S.

Cresce il riciclo in Italia, soprattutto nel settore degli imballaggi

L’industria del riciclo continua a crescere, soprattutto nel settore degli imballaggi, dei RAEE e della frazione organica. Il settore del riciclo in Italia è un pilastro importante della crescita dell’economia circolare

C. S.

Il 31% dei patrimoni ambientali dell'umanità minaccia di scomparire

Le esplorazioni per la ricerca di petrolio, gas e minerali mettono a rischio un terzo dei siti naturali tutelati dall'Unesco. Le situazioni più gravi in Africa e in Asia. In occidente a rischio "solo" il 10% di queste riserve di biodiversità

C. S.

E' emergenza acqua per l'agricoltura mondiale

Una gestione che tenga conto del nesso ‘acqua-cibo-energia-ecosistemi’ è la chiave per far fronte all’emergenza idrica che potrebbe profilarsi nel futuro dell'agricoltura, con una previsione per il 2050 di un incremento del 55% del fabbisogno di acqua e del 60% di cibo

C. S.

Il delitto quotidiano contro il bene comune: la nostra storia, le nostre radici

La Dieta Mediterranea e gli stili di vita a cui eravamo abituati diventano le vittime sacrificali sulla via di un progresso e di uno sviluppo su cui, dopo la crisi del 2008, pesano importanti interrogativi. Ecco allora la necessità e l’urgenza di ridare all’agricoltura quel suo ruolo di centralità

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

C'erano una volta gli olivicoltori

L'autogol dell'olivicoltura italiana