Anno 15 | 11 Dicembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Il futuro del vino passerà da sostenibilità e informazione

Dibattito ricco e articolato sul futuro della viticoltura quello svoltosi nell’ambito del Merano Wine Festival ma tutti concordi sull’obiettivo: la produzione dovrà essere sempre più sostenibile e il consumatore sempre più informato

Sono state le nuove tendenze del vino le protagoniste di Naturae ET Purae, prologo della 26a edizione del Merano Wine Festival, andata in scena il 9 Novembre nella splendida sala Deuster di Castel Trauttmannsdorff.

Il futuro del vino sarà sempre più rispettoso dell’ambiente e libero dalla chimica di sintesi, questo è ciò che è emerso nel convegno Naturae ET purae all’interno della rassegna “Bio&Dynamica”. I dati Nielsen mostrano un’Italia sempre più green con gli ettari vitati che nel 2016 hanno toccato i 103.545 ettari con una crescita del +23,8% rispetto al 2015.

“Quo Vadis, The Future is Natural?” recitava in maniera provocatoria il titolo del convegno, curato dal giornalista enogastronomico Angelo Carrillo in collaborazione con il patron del Merano Wine Festival Helmuth Köcher, che ha registrato il tutto esaurito, ma come ci si arriva a questo futuro? A Merano si sono confrontate posizioni e visioni diverse riguardanti il futuro della viticoltura e dell’enologia, e tanti sono stati i riferimenti alla scalata di quote di mercato da parte dei vini biologici che nella GDO, come dimostrano i dati Nielsen, hanno visto un aumento significativo delle vendite di +19,7%.

Il convegno è stato ricco di spunti di riflessione offrendo un confronto tra ricerca scientifica e sensibilità ambientaliste, con la scienza e la cisgenetica da una parte e i vini naturali dall’altra; su queste tematiche si sono espressi 7 esperti del settore.

Da una parte c’è stato il punto di vista dei cosiddetti "vignaioli naturali", sostenuto da Angiolino Maule, fondatore dell’interessante realtà “VinNatur” formata da 180 produttori, dall’altra parte il punto di vista scientifico caldeggiato dal professor Attilio Scienza. Tra i primi coloro che guardano all’approccio tecnico-scientifico con parziale diffidenza, mentre, al contrario le posizioni scientifiche, più avanzate, dopo aver superato le ricerche transgenetiche ritiene che sia la cisgenetica la chiave di volta per risolvere i problemi attuali e per rendere le viti più resistenti, agendo sul genoma della vite stessa, sempre però con il massimo rispetto del territorio e della natura.

"L'ostacolo principale alla diffusione dei vitigni resistenti è di natura culturale. Le stesse varietà attuali sono il risultato di incroci spontanei che l'uomo ha selezionato in funzione degli ambienti di coltivazione e della sua cultura” ha detto Attilio Scienza.

L’ago della bilancia è stato probabilmente il noto winemaker Giorgio Grai che si è espresso dichiarando che le posizioni non devono essere estremiste, né dal lato della ricerca scienza né da quello della natura: “Cambiamenti climatici, inquinamento delle città, mari e oceani con isole di plastica e terreni che ormai sono asfittici e morti, per il tipo di conduzione. Dobbiamo provare a migliorare le cose. Ci sono stati pionieri che hanno cominciato tempo fa e molti sono oggi quelli che tentano di porre rimedio a questo modo sconsiderato di coltivare, ma che non diventino talebani” ha detto Grai.

“Le strategie sono diverse ma la finalità è la stessa”, con queste parole Angello Carrillo, ha concluso l’appassionato e a tratti teso convegno.

Il Merano Wine festival ha assunto un ruolo pionieristico su queste tematiche iniziando a parlarne già dal 2005 proprio attraverso il salone “Bio&Dynamica”.
La giornata è stata chiusa dall’esperto di cibi fermentati Carlo Nesler, che ha stemperato gli animi e ha introdotto l’argomento che si sarebbe sviluppato in maniera approfondita il giorno successivo.

Sono stati proprio i cibi fermentati, infatti, i protagonisti della prima giornata della rassegna Wild Cooking; attraverso un’affascinante serie di interventi e show cooking realizzati da Chef famosi come il neo tre stelle Michelin Norbert Niederfolker, Alessandro Gilmozzi, Burkhard Bacher e Alessandro Bellingeri, con il denominatore comune della fermentazione dei cibi seguendo le varie tecniche, dalle più antiche alle più recenti. Alla fine del convegno relatori e partecipanti hanno potuto ammirare le bellezze dei giardini di Castel Trautmannsdorf con una visita guidata dal responsabile Marketing e Strategia d'impresa. Dr.ssa Heike Platter. Una conclusione in do maggiore per affascinante convegno a più voci.

di C. S.
pubblicato il 21 novembre 2017 in Strettamente Tecnico > Mondo Enoico

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione