Anno 15 | 26 Aprile 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > L'ARCA OLEARIA

Siccità e gelo rischiano di compromettere la fioritura dell'olivo

La siccità degli ultimi mesi può essere una fonte di stress, riducendo il numero di fiori per infiorescenza. Il gelo di questi giorni, in particolare sulla fascia adriatica, può compromettere lo sviluppo e la funzionalità dell'ovario. Attenzione a una corretta nutrizione dell'olivo

0

R. T.

Sfruttare la tecnologia per migliorare i conti dei frantoi

Nel corso della due giorni dell'Accademia Nazionale dell’Olivo e dell’Olio a Spoleto molti spunti per comprendere il presente e il futuro della tecnologia olearia. Dal miglioramento della qualità, all'aumento dell'efficienza fino all'utilizzo dei sottoprodotti

R. T.

Fs17 e Leccino sono tolleranti a Xylella fastidiosa

Ricercatori dell'Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr, assieme a colleghi dell'Università di Bari e del Centro di ricerca Basile Caramia, hanno scoperto fenomeni di resistenza nella varietà di olivo Favolosa, oltre che nel Leccino

C. S.

Il potassio per l'olivo, meglio concimazione al suolo o fertilizzazione fogliare?

Il potassio gioca un ruolo strategico per la fisiologia dell'olivo e delle olive tanto che per ogni cento chili di olive l'asportazione è calcolata in un chilogrammo. L'apporto di questo elemento è quindi molto utile ma sotto quale forma distribuirlo? Cloruro o solfato?

R. T.

Un ricordo del Prof. Montedoro, non solo un insegnante ma il creatore di una Scuola

Gianfrancesco Montedoro, già Presidente dell'Accademia Nazionale dell'Olivo e dell'Olio, ha guidato il team di ricerca che ha portato alla scoperta dei composti fenolici bioattivi nell'olio, dando il via a un filone di ricerca che continua tutt'oggi

0

Maurizio Servili

La subirrigazione per l'olivo contro la siccità imperante

L'irrigazione a goccia è stata un primo importante passo. Con la subirrigazione si può limitare l'evaporazione, a tutto beneficio dell'olivo. La fertirrigazione con impianto di subirrigazione permette un miglior apporto nutrizionale

1

Alberto Puggioni

Etichette elettroniche per salvare il vero olio d'oliva italiano

Questo sistema serve per contrastare la contraffazione e il fenomeno del mercato parallelo sui prodotti quali bottiglie di olio. Il consumatore avvicina lo smartphone all’etichetta, si aprirà la App di Autentico NFC che leggerà il Tag e fornirà il responso di autenticità

C. S.

L'azoto è il macro nutriente più dinamico nella pianta d'olivo

Le curve di evoluzione di micro e macro nutrienti mostrano stabilità nei mesi invernali, quando l'attività dell'olivo si riduce al minimo, anche per gli oliveti irrigati. Non è così per l'azoto che si stabilizza maggiormente nei mesi estivi. Capire la dinamica degli elementi minerali nelle foglie ci aiuta a capire i reali fabbisogni della pianta e a effettuare la diagnostica fogliare nel momento più opportuno

0

R. T.

Olio d'oliva in quantità, purchè abbia una precisa identità territoriale

La tracciabilità non è utile solo a fini di legalità ma per legare un prodotto al suo territorio. Le criticità del sistema olivicolo-oleario non devono fermare il processo virtuoso avviato in Calabria

0

Rosario Franco

Un oliveto inerbito fa bene all'ambiente e combatte i cambiamenti climatici

L'inerbimento dell'oliveto permette di raddoppiare la quantità di carbonio assorbita dal suolo, rispetto a un'ordinaria gestione con lavorazione o diserbo. L'assorbimento è più efficace da dicembre ad aprile, periodo di crescita delle erbe spontanee

R. T.

Analisi precoce per combattere Xylella fastidiosa

La scienza è impegnata a studiare e scoprire strumenti innovativi che sappiano fornire soluzioni utili: sensori sulle piante, previsioni climatiche, analisi del contagio dalla foglia fino a intere aree geografiche

C. S.

Le tre cecidomie che attaccano l'olivo e le olive

Vengono attaccati giovani germogli e rametti, foglie e persino le drupe. Si tratta di tre differenti moscerini, ormai tutti diffusi anche negli areali olivicolo italiani che, occasionalmente, possono produrre significativi danni. Il più famoso? Resseliella oleisuga. Il più pericoloso? Prolasioptera berlsiana. L'intruso? Dasineura oleae

R. T.

Casaliva e Alto Garda, il binomio cultivar-territorio funziona per l'olio d'oliva

Un progetto per rafforzare la filiera di produzione dell’olio extra vergine dell’Alto Garda, documentandone le caratteristiche identitarie e definendo standard di produzione di eccellenza al fine di aumentarne il valore commerciale e le possibilità di azioni innovative di marketing

C. S.

L'intensificazione colturale degli oliveti s'ha da fare con scienza e coscienza

Sono molte le varietà nazionali che, in alcuni areali, possono produrre bene in sesti fino a 1000 piante ad ettaro e produzioni, anche in asciutta, assolutamente competitive rispetto ad altri modelli colturali. Mantenere il valore aggiunto del prodotto mediante l'identità "cultivar-territorio" è una scelta strategica per l'Italia olivicola

0

Aleandro Ottanelli

L'estratto di foglie di olivo può essere uno scudo contro il diabete

Già a bassa dose, l'estratto di foglie di olivo ha mostrato una riduzione dei danni da diabete, proteggendo da alterazioni fisiologiche e istopatologiche. Ma come ottenere un estratto con il massimo potenziale antiossidante?

R. T.

L'ozono può essere un valido alleato contro lebbra e mosca delle olive

Lo studio del Crea ha dimostrato che il liquido vegetale ozonizzato è una sostanza di origine naturale, non classificabile come fertilizzante, potenzialmente in grado di migliorare le risposte delle piante sottoposte a stress di natura biotica e abiotica

0

Rita Ricci

I bambini ci insegnano la visione romantica dell'olivo e dell'olio d'oliva

Le immagini più suggestive ed evocative le scopriamo quando i bambini si spingono nel mondo delle metafore, evocando le dimensioni della grandezza e della maestosità, le forme e il tempo. L'olivo? Un vecchietto antico e con tante rughe

0

Gabriella Falcicchio

Bisogna dare un futuro all'oliveto Italia

La quantità non può essere l'unico obiettivo da raggiungere ad ogni costo. Da popolo con scarsa autostima dobbiamo anche capire che l'olio Siciliano, Pugliese o Toscano, solo per fare alcuni esempi, lo possiamo fare solo noi, e nel mondo sono nomi che suonano bene, sono copiati perchè fanno vendere

0

Angelo Bo

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

C'erano una volta gli olivicoltori

L'autogol dell'olivicoltura italiana