Anno 15 | 25 Maggio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

STRETTAMENTE TECNICO > L'ARCA OLEARIA

La memoria degli olivi per superare indenni la carenza idrica

L'olivo può superare più facilmente un'estate siccitosa se anche la primavera è stata tale. Gli olivi riescono a mantenere infatti “memoria”, una sorta di impronta, dello stress subito, anche dopo un lungo periodo di tempo, mettendo in atto più velocemente ed efficacemente misure di contrasto al danno ossidativo

R. T.

85 centesimi di euro per ogni chilo di sansa: la promessa del biometano

Lo sfruttamento completo della sansa è reso difficoltoso dall'alta percentuale di fenoli presenti ma grazie a un pre-trattamento termico a bassa temperatura è possibile separare efficacemente le due fasi, con miglioramenti sensibili dell'efficienza della biometanizzazione

R. T.

Limiti e prospettive del metodo degli isotopi in olivicoltura

La provenienza sta diventando sempre più strategica in un'ottica di differenziazione, anche in olivicoltura. Il metodo degli isotopi stabili è una seria prospettiva ma occorre ben ponderare l'influenza delle pratiche agronomiche sui risultati analitici

R. T.

L'oliva è una fabbrica d'olio multilivello e l'inolizione comincia già a luglio

La carenza idrica può indurre un'indurimento precoce dell'endocarpo, con la produzione di un nocciolo più piccolo, carattere desiderabile per aumentare il rapporto tra polpa e nocciolo. Tuttavia, la lignificazione è un processo energeticamente dispendioso che avviene a scapito dell'accrescimento della polpa

0

Hava Rapoport

Il pericolo nascosto: residui di fitofarmaci nell'olio di oliva e nelle olive da mensa

L'entità del residuo dipende, oltre che dalla dose utilizzata, anche dalla sue velocità di scomparsa. La maggior parte dei principi attivi ha tempi di semivita compresi tra uno e due settimane. La maggior parte dei fitofarmaci, però, è lipofila, per cui tende a concentrarsi nell'olio

R. T.

La guerra della Taggiasca senza esclusione di colpi

Dopo la battaglia per il cambio del nome Taggiasca in Giuggiolina, il Comitato SalvaTaggiasca ora propone una Dop che viene bollata come “un’iniziativa di scarsa efficacia e di difficile realizzazione.” dal Comitato avverso. Nel frattempo circolano messaggi minatori: “essere contro la Dop della Taggiasca è come essere contro i vaccini!”

0

Alberto Grimelli

Vendite di olio di oliva in affanno in Europa

L'Italia maglia nera nel 2016, subito dietro la Grecia, per vendite di oli di oliva. Calo del 10%, per 800 milioni di fatturato, ormai superati dal miliardo di euro iberico sul mercato interno che tiene, nonostante i rincari dei prezzi

T N

Positiva la resa in biometano del paté della tecnologia Dmf Pieralisi

Gli incentivi sulla produzione del carburante verde diventano una interessante opportunità per i sottoprodotti della filiera olivicola. Il nuovo decreto previsto entro la prossima estate, potrebbe incentivare lo sviluppo di una produzione di biometano per 8,5 miliardi di metri cubi fino al 2030

Francesco Cherubini

Il fascino del racconto che nobilita la regina di Foggia: la Peranzana

Per dare valore aggiunto all'olio extra vergine d'oliva si deve passare dal territorio e dalla storia ma anche in maniera romanzata. La storia della Provenzale, alias Peranzana, in un singolare intreccio fra il romanzo, la cronaca, la storia e la verosimile fantasia

0

Antonello Coletta

Nuovi controlli bloccanti sul portale Sian per l'olio d'oliva

La Repressione Frodi annuncia nuovi controlli bloccanti nella gestione dei prodotti in conto terzi dalla prossima campagna olearia. Riguarderà sia le olive sia l'olio per evitare giacenze “anomale” dei conto terzisti

T N

Fertilizzazione fogliare dell'olivo, prima che sia troppo tardi

Alla manifestazione dei sintomi sulle foglie, il livello di carenza può essere già molto accentuato ma soprattutto la carenza nutrizionale può essere cominciata settimane prima, a danno della produttività e della capacità vegetativa. In condizioni di perdurante siccità si può utilizzare la fertilizzazione fogliare, con qualche cautela

2

R. T.

Occorre più ricerca scientifica per battere Xylella fastidiosa

Gli studi, ancora in corso, stanno fornendo sempre maggiori conoscenze anche sulla stabilità e utilità di eventuali varietà resistenti. L'FS17 è tollearante al batterio e il CNR ha il 10% di royalty sul prezzo delle piante commercializzate

C. S.

Sempre più formazione e informazione nel futuro dell'Accademia dell'Olivo e dell'Olio

Il 2016 è stato ricco di appuntamenti, nonostante il terremoto che ha colpito Palazzo Ancaiani. Il 2017 si preannuncia un'altra annata con molti corsi di aggiornamento, tornate e momenti di formazione e informazione

Riccardo Gucci

Una Rassegna degli oli monovarietali nel segno della Rinascita

Due giorni molto intensi per l'evento che valorizza e premia i migliori extra vergini. A San Severino Marche, comune terremotato, si guarda al futuro e l'olio diventa un momento di riscatto e di festa. Molti eventi, buone vendite e momenti di confronto interessanti

T N

La soluzione contro le paste difficili in frantoio? Microtalco in frangitura

E' noto che alcune varietà e in alcune condizioni, le paste di olive diventino difficili da lavorare in frantoio, creando emulsioni e causando notevoli perdite di olio. Identificati i componenti responsabili, si sperimenta la soluzione

R. T.

Il controllo dell'ossigeno in gramola per produrre un olio extra vergine di oliva nutraceutico

Controllare, istante per istante, il livello di ossigeno per migliorare le caratteristiche organolettiche e anche la composizione fenolica. Controproducenti inertizzazioni iniziali che riducono la presenza di ossigeno, motore del biochimismo in gramola

0

Pierluigi Crescimanno

L'analisi del DNA sempre più protagonista nel combattere le frodi olearie

L'Università di Burgos ha validato il metodo qPCR. Il sistema ha permesso di individuare, con elevata sensibilità e specificità, il DNA di olivo anche da oli di oliva trasformati in modi diversi

R. T.

Record delle quotazioni dell'extra vergine a livello mondiale

Il calo a due cifre della produzione mondiale di olio d'oliva spinge in alto i prezzi. I 4,15 euro al chilo raggiunti ad aprile, per esempio, segnano un record per l’extravergine tunisino,
almeno degli ultimi dieci anni

C. S.

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

L'autogol dell'olivicoltura italiana

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano