Anno 16 | 16 Luglio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'inferno dei viventi? Non è qualcosa che sarà

Lo viviamo tutti i giorni. Italo Calvino annuncia i due modi per non soffrirne. Il primo più facile, il secondo più rischioso



L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

Italo Calvino



Testo tratto da: Italo Calvino, Le città invisibili, Mondadori: link esterno

di L. C.
pubblicato il 04 aprile 2009 in Pensieri e Parole > Massime e memorie

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

L'ultima fake news nel mondo dell'extra vergine d'oliva: le api fanno l'olio

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Tocca a voi, a nessun altro