Anno 15 | 19 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Agricoltura pilastro dello Stato. Ma lo è ancora?

Nei secoli è cambiato il rapporto tra potere politico e istituzionale e il settore primario, l'agricoltura. In alcuni aforismi di Napoleone Bonaparte un concetto quantomai attuale dei rapporti tra i comparti economici

Ogni albero produce il suo frutto, e si raccoglie solo ciò che venne seminato.

L'agricoltura è l'anima e la base essenzial degli imperi; l'industria costituisce la ricchezza e la felicità delle popolazioni; il commercio esterno rappresenta la sovrabbondanza e il buon uso di ambedue le cose.

L'agricoltura, come le altre arti, si perfeziona coll'esperienza e cogli studi comparativi.

 

Napoleone Bonaparte (Ajaccio, 15 agosto 1769 – Isola di Sant'Elena, 5 maggio 1821) è stato un politico e militare francese, fondatore del Primo Impero francese. E' ricordato soprattutto per le sue campagne militari. La sua riforma del sistema giuridico (confluita nel Codice Napoleonico), introdusse chiarezza e semplicità delle norme e pose le basi per la moderna giurisdizione civile. Fu il primo regnante della dinastia dei Bonaparte. Sposò Giuseppina di Beauharnais nel 1796, e in seconde nozze l'arciduchessa Maria Luisa d'Austria, l'11 marzo 1810, dalla quale ebbe l'unico figlio legittimo, Napoleone Francesco, detto il re di Roma (1811-1832). La sua figura ha ispirato artisti, letterati, musicisti, politici e storici, dall'Ottocento ai giorni nostri.

di T N
pubblicato il 12 dicembre 2013 in Pensieri e Parole > Massime e memorie

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva