Anno 15 | 20 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Custodire il creato è parte del progetto di Dio

Papa Francesco: "il verbo "coltivare" mi richiama alla mente la cura che l'agricoltore ha per la sua terra"

Durante la giornata mondiale dell'ambiente uno degli appuntamenti più attesi è stata l'udienza generale in Vaticano.

In questa occasione Papa Francesco ha voluto lanciare "un forte richiamo alla necessita' di eliminare gli sprechi e la distruzione di alimenti. Quando parliamo di ambiente, del creato - ha aggiunto il santo padre - il mio pensiero va alle prime pagine della bibbia, al libro della genesi, dove si afferma che Dio pose l'uomo e la donna sulla terra perchè la coltivassero e la custodissero (cfr 2,15). e mi sorgono le domande: che cosa vuol dire coltivare e custodire la terra? Noi stiamo veramente coltivando e custodendo il creato? Oppure lo stiamo sfruttando e trascurando? Il verbo 'coltivare' mi richiama alla mente la cura che l'agricoltore ha per la sua terra perchè dia frutto ed esso sia condiviso: quanta attenzione, passione e dedizione! Coltivare e custodire il creato è un'indicazione di Dio data non solo all'inizio della storia, ma a ciascuno di noi; è parte del suo progetto; vuol dire far crescere il mondo con responsabilità, trasformarlo perchè sia un giardino, un luogo abitabile per tutti".

di C. S.
pubblicato il 08 giugno 2013 in Pensieri e Parole > Massime e memorie

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva