Energia verde 20/06/2024

Olio di semi per biocarburanti e biodiesel, in crescita la domanda mondiale

Olio di semi per biocarburanti e biodiesel, in crescita la domanda mondiale

In forte crescita la richiesta di olio di semi per biocarburanti, superando i livelli osservati nel 2019 prima della pandemia di Covid-19. La sfida è avere colture no food altamente produttive


I biocarburanti svolgono un ruolo particolarmente importante nella decarbonizzazione dei trasporti fornendo una soluzione a basse emissioni di carbonio per le tecnologie esistenti, come i veicoli leggeri a breve termine e i camion pesanti, le navi e gli aeromobili con poche soluzioni alternative ed economiche a lungo termine. La domanda di biocarburanti nel 2022 ha raggiunto un livello record di 4,3 EJ (70 miliardi di litri), superando i livelli osservati nel 2019 prima della pandemia di Covid-19.

Tuttavia, è necessario un aumento significativo della produzione di biocarburanti per arrivare allo scenario Net Zero Emissions entro il 2050 (NZE) e fornire le riduzioni delle emissioni associate. Per arrivare ai risultati richiesti la produzione di biocarburanti dovrebbe superare i 10 EJ entro il 2030, richiedendo una crescita media di circa l’11% all’anno.

I paesi e le regioni che compiono notevoli progressi per aumentare i biocarburanti includono:

- L’India ha raggiunto il 10% di miscelazione di etanolo nel 2022, in anticipo rispetto al previsto, nella sua ricerca di un obiettivo di miscelazione del 20% entro il 2025.
- Il Brasile sta pianificando di aumentare la miscelazione di biodiesel al 15% entro il 2026, in aumento dal 10% nel 2022.
- Lo United States Inflation Reduction Act (IRA) fornisce produzione e sostegno agli investimenti per i biocarburanti stimati in 9,4 miliardi di dollari al 2031.
- Il Canada sta implementando il suo regolamento sui carburanti puliti nel 2023, che richiede una riduzione del 13% dell’intensità delle emissioni di gas serra per i carburanti per il trasporto entro il 2030.
- L'Unione europea si sta avvicinando all'accordo sulla sua direttiva aggiornata sulle energie rinnovabili (RED III), che raddoppierebbe i requisiti per il contenuto di energie rinnovabili nei carburanti per i trasporti, compresi i biocarburanti, rispetto agli obiettivi esistenti.
Nonostante i grandi investimenti per l’uso di sottoprodotti per la produzione di biocarburanti, la stragrande maggioranza della produzione utilizza attualmente le cosiddette materie prime convenzionali, come canna da zucchero, mais e soia.

Il Dipartimento Agricoltura del governo statunitense (USDA) attualmente prevede che l’uso di olio di soia nella produzione di biocarburanti aumenterà di 1 miliardo di euro per il 2024-25, raggiungendo i 14 miliardi di euro, secondo l’ultimo rapporto sull’offerta e le stime della domanda agricola mondiale dell’agenzia, pubblicato il 10 maggio 2024.

Attualmente, quindi, parte della produzione alimentare viene destinata a soddisfare un altro mercato, tra l’altro occupando suolo agricolo fertile, utile per la sicurezza alimentare mondiale. La sfida, oltre che aumentare la produzione di biocarburanti e biodiesel da scarti, è quella di avere colture no food altamente produttive che permettano di soddisfare il bisogno di olio di semi per biocarburanti consumando la minor estensione possibile di suolo agricolo.

Ricercatori del Laboratorio nazionale del DOE di Brookhaven hanno usato gli strumenti della genetica moderna per produrre una varietà di semi gialli di Camelina sativa, un parente stretto di canola, che accumula il 21,4% in più di olio rispetto alla camelina ordinaria.

di T N