Anno 16 | 24 Settembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Una melata di bosco è il miglior miele del 2018

Il Premio assegnato a Montalcino in occasione della tradizionale Settimana del Miele. Premiato un apicoltore di La Spezia. La produzione di mieli di melata è più ristretta, legata esclusivamente agli alberi di bosco o alle diverse tipologie di conifere

E’ una melata di bosco il miele del Sindaco 2018 presentato dalla Città del Miele di Calice al Cornoviglio (La Spezia) e prodotto dall’apicoltura Ribaditi.

Colore ambra scura, consistenza asciutta perfetta, classico odore vegetale, ma –soprattutto- uno straordinario bouquet fruttato e caramellato, con un leggero retrogusto salino.

Se i mieli di nettare spaziano in numerose tipologie, a seconda delle diverse fioriture, la produzione di mieli di melata è più ristretta, legata esclusivamente agli alberi di bosco o alle diverse tipologie di conifere.

Le melate non sono mieli di nettare, ma derivati dalle secrezioni degli insetti che succhiano la linfa delle piante di bosco rilasciando sulle foglie una sostanza zuccherina che le api raccolgono e tramutano in ‘in miele di bosco’: particolarmente ricco di sostanze nutritive come zuccheri e sali minerali.

Come noto il “Miele del Sindaco”, unico nel suo genere, si propone di evidenziare ogni anno quel particolare miele che, più di altri, esalta il suo legame con il territorio d’origine. Più che un premio di qualità è il riconoscimento dell’identità territoriale, per rimarcare il valore della biodiversità ambientale che originano le tante e diverse fioriture italiane, che consentono all’Italia di essere l’unico Paese al mondo a vantare oltre 60 diverse tipilogie di mieli.

di C. S.
pubblicato il 10 settembre 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!