Anno 16 | 21 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Il nuovo decreto rinnovabili quasi pronto all'emanazione

Atteso da due anni, il Ministero dello sviluppo economico e quello all'ambiente giungono a un'intesa. Ora spetta alle associazioni e ai portatori di interesse, chiamati a esprimersi sugli impianti da realizzare su siti inquinati, l’obbligo di bonifica dei terreni e la salvaguardia per singola tecnologia

Il nuovo governo sta lavorando sul nuovo decreto rinnovabili e i Ministeri dello sviluppo econoico e dell'ambiente hanno già raggiunto un'intesa di massima che verrà presentata ad associazioni e portatori di interesse, per arrivare quanto prima all'emanazione del provvedimento, atteso da due anni.

Il sottosegretario Davide Crippa, nel presentare la bozza, ha sottolineato che “il decreto non è chiuso. C’è da definire una serie di questioni quali, ad esempio, gli impianti da realizzare su siti inquinati, l’obbligo di bonifica dei terreni e la salvaguardia per singola tecnologia, all’interno di gruppi di tecnologie concorrenti, per evitare eventuali penalizzazioni. Ma questo vogliamo farlo insieme alle associazioni, pertanto immaginiamo un incontro operativo – ha aggiunto il Sottosegretario – per illustrare e condividere il decreto ma, soprattutto, per costruire una comunità di intenti senza la quale non riusciremmo a raggiungere nessuno degli obiettivi che ci siamo posti insieme all’UE. Ci auguriamo che le nostre proposte si concretizzino in un dibattito e un confronto costruttivo e che i partecipanti si facciano parte attiva di questo dibattito, contribuendo con proposte fattive ed in linea con gli obiettivi del governo”.

Significative, però, le novità introdotte dal nuovo governo:
- una potenza incentivata e un premio aggiuntivo riservati ai soli impianti fotovoltaici realizzati in sostituzione di coperture/tetti in eternit o amianto (il “premio amianto” per il fotovoltaico sarebbe pari a 12 euro per MWh);

- la possibilità che gruppi di impianti con diverse tecnologie, rientranti nello stesso gruppo di incentivazione, possano partecipare alle procedure di registro e asta come se fossero un unico impianto (“promuovere procedure competitive per gruppi di tecnologie o di tipi di impianti, caratterizzati da costi comparabili”);
- per le aste, una riduzione del contingente dedicato a idroelettrico, geotermico e biogas (Gruppo B) da 245 MW a 140 MW [per il Gruppo A (fotovoltaico ed eolico) rimarrebbero a disposizione 4.800 MW e per il Gruppo C (rifacimenti) 490 MW];

- il potenziamento dell’utilizzo di contratti a lungo termine (PPA) per il finanziamento degli impianti e l’inserimento di un criterio di priorità per tutti gli impianti inferiori a 1 MW, connessi in parallelo con la rete elettrica e con colonnine di ricarica di auto elettriche (sul punto, spetterebbe a un decreto interministeriale la definizione di misure specifiche e procedure dedicate agli acquisti di PA e alle gare Consip);

- uno slittamento dei bandi al 2019 e una riduzione tariffaria per l’eolico rigenerato

- l'apertura delle procedure di bando per le aste a gennaio 2019

- la possibilità che si presentino al bando impianti piccoli ma aggregati

Il provvedimento mira a sostenere la produzione di energia elettrica dagli impianti alimentati a fonti rinnovabili, attraverso la definizione di incentivi e modalità di accesso che promuovano l'efficacia, l'efficienza e la sostenibilità, sia ambientale sia degli oneri di incentivazione, in misura adeguata al perseguimento degli obiettivi nazionali.

 

 

di T N
pubblicato il 21 settembre 2018 in Strettamente Tecnico > Energia verde

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!