Anno 16 | 21 Ottobre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Nasce in Italia il primo impianto di biogas bi-stadio in Europa

Sempre più innovazione nel funzionamento degli impianti biogas verso la sostenibilità. Grazie ai tempi ridotti di digestione della biomassa, l’impianto bi-stadio registra volumi inferiori e costi di realizzazione più contenuti rispetto agli impianti tradizionali

Il primo impianto bi-stadio in Europa è stato realizzato a Soliera (Modena) dall’azienda Biogas Italia Srl, licenziataria del brevetto relativo al procedimento di digestione bi-stadio depositato da Enea e da Crea. Vito Pignatelli, responsabile del Laboratorio Biomasse e Biotecnologie per l’Energia di
Enea e presidente itabia, ha constatato che l’impianto un esempio ottimo dei risultati che si possono ottenere dalla collaborazione tra mondo della ricerca e mondo dell’impresa sostenibile.

L’efficienza di questa tecnologia si misura in un’elevata produzione di biometano e di idrogeno: l’idrogeno può essere utilizzato nelle celle a combustibile, commercializzato come gas tecnico o usato per incrementare il tenore in metano del biogas, facilitandone il successivo upgrading a biometano.

Nel dettaglio, il processo che si verifica nell’impianto bi-stadio separa le fasi biologiche della digestione anaerobica e permette una più veloce degradazione della biomassa. All’interno dei digestori si osserva un aumento della produzione di idrogeno nel primo stadio del processo e della fase metanigena, con la produzione del metano nel secondo. A questo punto, l’idrogeno può essere utilizzato in loco in impianti a cella combustibile, venduto o usato per incrementare il tenore in metano del biogas, facilitandone il successivo processo di upgrading di biometano alla fine del ciclo . Grazie ai tempi ridotti di digestione della biomassa, l’impianto bi-stadio registra volumi inferiori e costi di realizzazione più contenuti rispetto agli impianti tradizionali. Oltre a questo il procedimento innovativo permette di utilizzare biomasse a elevato contenuto di zucchero,quali il siero di latte, sansa di olive, pastazzo di agrumi, evitando i problemi di stabilità biologica solitamente riscontrati nei sistemi tradizionali e favorendo un ciclo virtuoso di riutilizzo. Piero Gattoni, presidente Cib Consorzio Italiano Biogas ha evidenziato che il settore del biogas/biometano si dimostra in grado di trainare l’innovazione tecnologica, stimolando la ricerca di nuove soluzioni e favorendo l’instaurarsi di collaborazioni proficue tra soggetti pubblici e privati.

di Marcello Ortenzi
pubblicato il 10 novembre 2017 in Strettamente Tecnico > Energia verde

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!