Anno 15 | 17 Ottobre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

I giardini di Villa della Pergola ad Alassio si colorano di blu

Fino alla fine di ottobre i giardini di Villa della Pergola ad Alassio saranno aperti al pubblico per le visite guidate, che si tengono di sabato e domenica con inizio alle ore 9.30 - 11.30 - 15.00 - 17.00 e durante la settimana solo per gruppi (prenotazione obbligatoria, per informazioni www.giardinidivilladellapergola.it).

Realizzati alla fine del XIX secolo i Giardini di Villa della Pergola rappresentano uno dei rari esempi di giardino inglese in Italia e, grazie all’attento restauro curato dall’architetto paesaggista Paolo Pejrone, uniscono sapientemente la tipica vegetazione mediterranea con piante rare della flora esotica.

Gli agapanti: una collezione unica in fiore a giugno

A giugno i Giardini di Villa della Pergola si coloreranno di diverse sfumature di blu, azzurro e bianco grazie alle prime fioriture degli Agapanthus, i cui fiori si dispongono a formare pennellate ricche di colore simili alle onde del mare; una collezione unica in Europa per vastità e importanza che conta oggi oltre 400 varietà diverse. Anche le lavande e gli agrumi inizieranno a diffondere i loro profumi.

Originari dell’Africa meridionale, gli Agapanti furono introdotti a Villa della Pergola alla fine dell’Ottocento dai primi proprietari inglesi. Con il recupero dei 22.000 metri quadrati del parco ad opera di Paolo Pejrone, è stata creata una vasta collezione con nuove specie, nella logica di voler conservare le caratteristiche botaniche tipiche di questo giardino inglese.

12 giugno, “Una domenica in giardino”

Domenica 12 giugno si terrà l’ultimo laboratorio per famiglie e bambini “Una domenica in giardino” dal titolo “Agapanti, lavande e agrumi: aromi e sapori da giardino”, realizzato su un progetto di Nadia Nicoletti, esperta di didattica orticola. Il laboratorio sarà l’occasione per conoscere alcune caratteristiche di queste piante e scoprire come si sono diffuse in Europa. Inoltre, si imparerà a preparare un sale profumato alle erbe della Riviera e a coltivare una pianta portafortuna.

Il Laboratorio si terrà domenica 12 giugno alle ore 9.30-10.30-11.30-15.00-16.00-17.00. Durata 1h.

E durante l’estate…

Per tutta l’estate nei Giardini di Villa della Pergola saranno in fiore anche le Ortensie Annabelle, arbusti vigorosi dai grandi fiori bianchi, e le Ortensie Quercifoglie, caratterizzate da foglie simili a quelle della quercia americana e con infiorescenze di forma conica; le Lantane, i cui fiori tendono a cambiare colore nell’arco della fioritura; gli Oleandri, arbusti sempreverdi dalla fioritura rigogliosa; le Buccinatorie, piante rampicanti dai fiori a forma di trombetta e le bignonie - piante rampicanti vigorose e rigogliose che possono raggiungere anche i 10 metri d'altezza.

Tra luglio e agosto fioriranno invece le ninfee - accolte nelle fontane e nei laghetti rocciosi - e i fiori di Loto coltivati nelle vasche recuperate dalle antiche cisterne che servivano per la raccolta dell’acqua piovana destinata all’irrigazione del parco, sapientemente restaurate nel 2006 e rese di nuovo operative come tutta la rete idrica del giardino.

Le visite guidate si tengono tutti i sabati e le domeniche con visite guidate su prenotazione (9.30, 11.30, 15.00 e 17.00. Per prenotare +39 0182/646130 o info@giardinidivilladellapergola.com).

Il biglietto d'ingresso è acquistabile sul posto ed è comprensivo di accompagnamento guidato.

Singolo: 12 euro

Soci FAI: 10 euro

Ragazzi da 6 a 14 anni: 6 euro, gratuito per i bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto.

Scolaresche (visita parco): 6 euro.

Agibilità: i Giardini sono visitabili in gran parte anche da persone disabili. Solo alcune zone non sono accessibili a causa della morfologia del terreno e per la presenza di brevi scale in pietra.

Gli animali non possono entrare.

 

di C. S.
pubblicato il 07 giugno 2016 in Tracce > Turismo

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva