Anno 16 | 12 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

In frutta e verdura i segreti della longevità

L'idea, dimostrata con successo per ora in studi su animali, è che, eliminando le cellule senescenti somministrando senolitici, le malattie cronico-degenerative degli anziani possano essere tenute a bada quando non addirittura guarite

In frutta e verdura si nascondono i segreti della longevità, molecole promettenti che ad alte dosi sembrano capaci di rallentare l'invecchiamento e contrastare le malattie correlate, dalla demenza all'osteoporosi: sono i 'senolitici', protagonisti di un progetto di ricerca tutto italiano per isolare quelli più efficaci e sicuri da testare sull'uomo.

Condotto dai ricercatori Marco Malavolta e coordinato da Mauro Provinciali dell'Istituto Nazionale Riposo e Cura Anziani di Ancona è uno dei molti progetti di ricerca in corso presso l'IRCCS.

I senolitici - molecole presenti principalmente in fragole, mele, agrumi, uva rossa, mirtilli, cachi; verdura, come pomodori, asparagi, cipolle e cetrioli; olii vegetali e cereali, sono risultati capaci di eliminare le cosiddette cellule senescenti, che si accumulano nell'organismo con l'età e che recenti studi hanno dimostrato giocare un ruolo di primo piano in molte malattie dell'invecchiamento, ad esempio l'Alzheimer.

L'idea, dimostrata con successo per ora in studi su animali, è che, eliminando le cellule senescenti somministrando senolitici, le malattie cronico-degenerative degli anziani possano essere tenute a bada quando non addirittura guarite.

"Lo studio INRCA prevede in questa fase di selezionare nuovi senolitici, concentrando la nostra attenzione su composti precedentemente studiati come anti-tumorali e in grado di riattivare alcuni meccanismi di morte cellulare "spenti" nelle cellule senescenti", spiega Malavolta. "Il nostro sogno - conclude - è scoprire i senolitici migliori, efficaci ad ampio spettro e contemporaneamente su più malattie della terza età, e sicuri per il paziente".

di C. S.
pubblicato il 19 ottobre 2018 in Tracce > Salute

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!