Anno 15 | 23 Agosto 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Intossicazioni alimentari durante le vacanze, i consigli utili per evitare sorprese

La malattia più conosciuta è la “diarrea del viaggiatore”, detta anche “vendetta di Montezuma”. Le destinazioni a rischio più elevato sono i paesi in via di sviluppo dell’America Latina, dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Asia. Attenzione alle gastroenteriti nei paesi più caldi

Virus e batteri non vanno in vacanza. E anche il cibo in viaggio può giocare brutti scherzi ai viaggiatori che potrebbero rimanere vittima di infezioni, intossicazioni e infezioni. Lo sa bene il Movimento Difesa del Cittadino da giorni già alle prese con i reclami dei viaggiatori. La malattia più conosciuta è la “diarrea del viaggiatore” (DDV) detta anche “vendetta di Montezuma”): secondo quanto riportato dall’Istituto Superiore di Sanità colpisce ogni anno fra il 20 e il 30 % dei viaggiatori internazionali, qualcosa come 10 milioni di persone. Le destinazioni a rischio più elevato sono i paesi in via di sviluppo dell’America Latina, dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Asia. La fonte primaria di infezione è l’ingestione di acqua e cibi contaminati dalle feci. Ma ci sono molte altre tossinfezioni che possono derivare dalla contaminazione del cibo come le gastroenteriti

L’ondata di calore di questi giorni non aiuta di certo anzi rischia di aumentare i problemi di conservazione dei cibi e non è un caso che in alcune località turistiche della Spagna (Costa del Sol, Costa Blanca, Costa Dorada e Benidorm) vi sia stato una impennata di denunce di gastroenteriti del 700% in più dello scorso anno da parte dei turisti inglesi.

Ma è solo il caldo o la qualità sempre minore per spuntare guadagni più alti e soprattutto come è possibile difendersi? Il Movimento Difesa del Cittadino ricorda che i cibi cucinati e confezionati sono generalmente sicuri, quindi è bene evitare di consumare carne, pesce e uova poco cotti e verdure crude non sbucciate da voi stessi. Bere solo acqua e bevande in bottiglie sigillate. A rischio anche ghiaccio, tè e caffè.

Ma i pericoli si annidano anche nelle mete italiane: viaggiare significa mangiare presso bar e ristoranti, è possibile fidarsi?

Innanzitutto, controllate pulizia e condizioni igieniche del locale: sono il primo biglietto da visita per un pubblico esercizio a norma. Controllate lo stato di conservazione del cibo a partire dai frigoriferi ai buffet.

I cibi freschi o ad alta deperibilità devono essere esposti in banchi frigo con temperature basse: molti batteri si sviluppano infatti a temperatura medio alte, come il temuto Stafilococco aureus che trova le sue condizioni favorevoli tra i 10 e i 40°C.

I cibi caldi devono essere esposti separatamente e a temperature adeguate. In generale i banchi espositori non devono essere troppo pieni di pietanze e cibo.
E’ importante conservare sempre la ricevuta fiscale, in caso di spiacevoli sorprese per la vostra salute potrete far valere i vostri diritti!

Infine un consiglio valido sempre, non solo in vacanza: lavarsi le mani prima di consumare o trattare alimenti.

di C. S.
pubblicato il 03 agosto 2017 in Tracce > Salute

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva