Anno 16 | 26 Aprile 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Amarone e Brunello di Montalcino i più cliccati on line

Tra i vini di lusso on line spopolano Amarone e Brunello di Montalcino. Il consumatore di questi vini è evoluto e spende circa 500 euro all'anno in etichette premium, tra cui anche Champagne e Franciacorta 

Sono l'Amarone e il Brunello di Montalcino i vini più acquistati online dagli italiani. La tendenza emerge dal focus realizzato dal player del settore e-commerce-vino Tannico per il Consorzio Vini Valpolicella su dati consuntivi 2017.

Dall'analisi di mercato emerge in particolare che è l'Amarone, con il Brunello di Montalcino, il vino rosso più venduto online nei segmenti di vini ultra-premium e luxury (oltre 25 euro).

Insieme le due produzioni enologiche raggiungono una quota di mercato pari al 27,5 % (Amarone 13,72%, Brunello 13,78%).

Secondo l'indagine, l'Amarone è inoltre il vino preferito nel 'bouquet Valpolicella' con un'incidenza del 71% sulle vendite.
Seguono il Valpolicella Ripasso Doc (18%) e il Valpolicella Doc (9%).

"A differenza degli altri vini della Doc come Valpolicella e Ripasso, che non presentano un preciso trend stagionale d'acquisto - spiega Olga Bussinello, direttore del Consorzio Vini Valpolicella - l'Amarone raggiunge il suo picco massimo in dicembre, nel periodo natalizio, dove le vendite si impennano raggiungendo picchi di crescita anche del 70%. Un dato importante che fa dell'Amarone il regalo per eccellenza e che, nel contempo, permette alle aziende vitivinicole di indirizzare le proprie strategie di marketing sul prodotto".

Il consumatore online di Amarone ha circa 40 anni e un'elevata capacità di spesa. Ama i vini rossi ultra premium e le bollicine raffinate come Champagne e Franciacorta e spende annualmente 500 euro per i migliori rossi.

di C. S.
pubblicato il 10 aprile 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

L'ultima fake news nel mondo dell'extra vergine d'oliva: le api fanno l'olio

Tocca a voi, a nessun altro

Dai super esperti alle fake news sull'olio d'oliva, il passo è breve

L'olivicoltura toscana non esiste