Anno 16 | 12 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Scomparso il Presidente dell'Accademia dei Georgofili, Giampiero Maracchi

Climatologo di fama mondiale, è stato professore emerito di Climatologia all'Università di Firenze e presidente della Fondazione Cr Firenze per poco più di un anno dal febbraio 2013 al maggio 2014

E' morto Giampiero Maracchi, noto climatologo di fama internazionale, nonchè Presidente dell'Accademia dei Georgofili.

Tra gli incarichi prestigiosi, è stato professore emerito di Climatologia all'Università di Firenze e presidente della Fondazione Cr Firenze per poco più di un anno dal febbraio 2013 al maggio 2014.

Avrebbe compiuto 75 anni a maggio.

"Da oggi siamo tutti un po' più soli: ci mancherà un grande scienziato, un professore colto e illuminato, un fiorentino vero e appassionato". Lo afferma il sindaco di Firenze Dario Nardella. "Apprezzavo soprattutto del professor Maracchi - prosegue Nardella - la grande capacità divulgativa, il saper spiegare con parole semplici e comprensibili a tutti temi complessi come la climatologia e la meteorologia, scienze che proprio negli ultimi anni hanno assunto sempre più importanza nella nostra vita quotidiana". "Auspico -aggiunge - che d'intesa con i familiari e con l'Università troveremo un modo per ricordare la sua autorevole figura". "Alla famiglia - conclude - vadano le condoglianze mie personali e della città di Firenze".

Per il presidente di Confagricoltura Toscana, Francesco Miari Fulcis, “il mondo agricolo perde un amico e un grande alleato”, “l’agricoltura perde nel professor Maracchi un amico e un alleato fedele che mai ha fatto mancare il suo supporto negli anni trascorsi in qualita’ di presidente dell’Accademia dei Georgofili. Scompare un uomo di grande valore che lascia in eredita’ a tutti noi importanti insegnamenti”.

Alessandro Sorani, presidente di Confartigianato Firenze, sottolinea che “perdiamo un grande uomo che ha fatto tanto per la citta’ e per tutto il mondo dell’artigianato verso cui da sempre ha dimostrato grande sensibilita’. Da parte di tutta Confartigianato l’abbraccio alla famiglia e agli amici di Oma”.

Cordoglio anche dai Consorzi di Bonifica della Toscana. “Ci uniamo al dolore di familiari e amici per la perdita del professor Maracchi – hanno detto il presidente e il direttore di Anbi Toscana, rispettivamente Marco Bottino e Fabio Zappalorti – Con lui perdiamo uno scienziato di primo piano che, pur avendo raggiunto una fama nazionale e internazionale, non ha mai perso il rapporto con il territorio e non ha mai fatto mancare l’impegno per la sua difesa. Siamo vicini anche all’Accademia dei Georgofili per la scomparsa del suo presidente”, “uno scienziato che non ha mai perso il rapporto con il territorio e non ha mai fatto mancare l’impegno per la sua difesa”.

"Esprimo il mio cordoglio personale e della Cia-Agricoltori Italiani per la scomparsa di Giampiero Maracchi, Presidente dell’Accademia dei Georgofili di Firenze." Cosi Dino Scanavino, presidente nazionale della Cia ricorda Maracchi: "dall’osservatorio privilegiato che ho potuto avere da accademico -dice Scanavino- mi permette di testimoniare sul valore di Giampiero Maracchi come uomo, scienziato, intellettuale e profondo conoscitore dell’agricoltura. Nelle tante occasioni –prosegue Scanavino- di relazioni che ho avuto con il Professor Maracchi, emergeva la sua straordinaria passione in ciò che faceva, la sua visione sempre innovativa e proiettata al futuro. L’intuizione che ebbe circa l’introduzione applicata dell’informatica in agricoltura ha aperto la strada a quello che si sta realizzando nel settore. Perdiamo un punto di riferimento importante. Intendo -conclude il Presidente della Cia- far giungere la vicinanza della mia organizzazione ai familiari e ai suoi cari."

di C. S.
pubblicato il 12 marzo 2018 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!