Anno 15 | 27 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Olio d'oliva a sostenibilità totale, si parte dall'Italia per raggiungere il mondo

L'extra vergine sarà firmato dall'Oleificio Zucchi ma è prodotto dai soci Aipo, Cno, Confoliva, Unapol, Unaprol e Unasco con la benedizione di Fai, Symbola, La Scuola de La Cucina Italiana e l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo

Sostenibilità totale, è questo il primo risultato della neonata Interprofessione olio d'oliva, anche se il progetto è partito già da un paio d'anni. La nascita del Tavolo olivicolo prima e della Fooi dopo hanno infatti contribuito in maniera decisiva a riannodare i fili del dialogo tra i vari attori della filiera, svelenendo un clima quantomai acceso, permettendo di avviare anche progetti tra privati come quello tra la Zucchi Spa e le organizzazioni dei produttori coinvolte.

Grazie al lavoro dell'ente di certificazione CSQA e Ambiente Italia, società di consulenza tecnico-scientifico sui temi della sostenibilità ambientale in Italia e in Europa, è nato uno strumento aperto a tutti i player sul mercato olivicolo per un olio extravergine di oliva buono, salutare, rispettoso dell’ambiente e del territorio e giusto nel riconoscimento economico del lavoro. 

La sostenibilità totale prevede il coinvolgimento di tutti gli attori della filiera e oltre 150 requisiti che ogni singolo componente della filiera deve soddisfare perché l’olio prodotto possa ottenere la Certificazione di Sostenibilità, con verifiche dalla fase agricola fino al confezionamento.

Quattro sono i pilastri alla base della Certificazione di Sostenibilità:

- Ambientale: agricoltura a produzione integrata, ciclo di vita, impatto ambientale, biodiversità

- Sociale: rispetto dei lavoratori e della comunità, lotta al caporalato, formazione

- Economico: prezzo equo, generazione e distribuzione della ricchezza, redditività, efficienza

- Nutrizionale per portare sulle tavole un olio con specifici parametri merceologici, nutrizionali e salutistici.

Oggi l'olio a sostenibilità totale sarà firmato da Oleificio Zucchi.

“Si tratta per noi di un investimento di grande respiro – commenta Alessia Zucchi, Amministratore Delegato di Oleificio Zucchi – per il quale ci auguriamo di essere precursori di un nuovo corso. Il nostro obiettivo è, infatti, incoraggiare il comparto dell’olio di oliva italiano a intraprendere un percorso di sostenibilità e trasparenza e portare al consumatore un olio extravergine di oliva di più alta qualità, giusto, sostenibile e tracciabile dall’oliva al piatto”. Un investimento che non si ferma al traguardo raggiunto, ricorda Giovanni Zucchi, Vice Presidente, Public Affairs & Corporate Development dell’azienda: “I prossimi passi per noi saranno estendere questa Certificazione anche alle nostre filiere comunitarie e, soprattutto, costruire un virtuoso percorso di valorizzazione del prodotto sostenibile italiano dentro e fuori i nostri confini. L’ambizione di aprire la strada a un reciproco scambio di competenze e investire sulla promozione della cultura del gusto, è giustificata dal sostegno forte e reciproco dei nostri partner quali il FAI – Fondo Ambiente Italiano, Symbola – Fondazione per le qualità italiane, La Scuola de La Cucina Italiana e l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo."

Soddisfazione anche da parte di CSQA: “Il confronto con gli stakeholder è stato fondamentale per lo sviluppo di questa certificazione che per prima ha introdotto l’asset nutrizionale come pilastro della sostenibilità oggetto di certificazione – dichiara Maria Chiara Ferrarese Business Assurance di CSQA Certificazioni. È per noi un grande onore aver lavorato in sinergia con tutti gli attori di una filiera così importante per il Made in Italy italiano e con Oleificio Zucchi. Siamo convinti che questa esperienza di condivisione e certificazione rappresenti un’opportunità anche per le altre filiere italiane che sentono l’esigenza di migliorare il proprio posizionamento sul tema della sostenibilità”.

di T N
pubblicato il 19 aprile 2017 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva