Anno 16 | 11 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

L'Italia olivicola bella e vincente all'Ercole Olivario 2014

Ecco tutti i nomi dei vincitori della storica kermesse che porterà l'eccellenza olearia nazionale nel mondo. Eccellenza, consapevolezza e territorio le parole chiave che rendono l’olio extravergine d’oliva italiano un prodotto unico

La qualità mette tutti d’accordo e unisce. Questo è quanto emerso dal lavoro dei 16 degustatori della Giuria Nazionale selezionati dalle Unioni Regionali e nominati dal omitato Ercole Oivario per decretare i vincitori del più prestigioso concorso nazionale per la valorizzazione delle eccellenze olearie italiane.

Le regioni che hanno totalizzato i punteggi più elevati sono: Puglia, Sicilia ed Abruzzo con 3 premi assegnati, al secondo posto Umbria e Lazio con 2 premi. A terzo posto si collocano invece Sardegna e Lombardia con un premio assegnato.

“Sin dalle prime fasi della sessione di degustazione è emerso un giudizio pressoché unanime sulla qualità degli oli finalisti - afferma Aldo Mazzini, giudice in rappresentanza della Regione Liguria, che continua - Sono stati raggiunti punteggi molto elevati, ma soprattutto molto vicini tra loro, tanto che in alcuni casi abbiamo dovuto procedere a un secondo assaggio”.

Eppure quella del 2013-14 non è certo da annoverare tra le campagne olearie più memorabili. A fronte di condizioni climatiche complesse e del proliferare di pericolosi agenti patogeni la produzione ha registrato un calo dell’8%, con sensibili differenziazioni regione per regione.
La problematicità del contesto operativo non ha tuttavia impedito di raggiungere risultati d’eccellenza.

“Nonostante l'annata difficile non abbiamo riscontrato oli recanti difetti dovuti alle avversità fitopatologiche e climatiche o all'alta tempeatura della molitura, espediente spesso utilizzato per ottenere una resa maggiore in termini di produzione – commenta Laura Sotgiu, giudice in rappresentanza della Regione Sardegna che aggiunge - L’alta qualità generale degli oli degustati non è altro che la testimonianza di un vero cambiamento di percezione del prodotto extravergine da parte di produttori, operatori e consumatori, sempre più consapevoli delle caratteristiche che un olio deve avere per essere definito di qualità”.

Anche per quest’anno, dunque, l’Ercole Olivario, grazie al fondamentale contributo delle Camere di Commercio, è riuscito a intercettare il meglio delle produzioni regionali italiane di olio extravergine di oliva.

“Un prodotto che - come ribadisce Lello Cantagallo, giudice in rappresentanza della Regione Abruzzo - è uno dei pochi tesori agroalimentari italiani difficilmente replicabili. Le nostre meravigliose varietà di oliva e i nostri peculiari microclimi offrono infatti al settore olivicolo un vantaggio competitivo enorme di cui è necessario prendere definitivamente coscienza. In questo senso, l’opera dell’Ercole Olivario si rivela di cruciale importanza”.


E ora spazio ai vincitori:


VINCITORI XXII EDIZIONE CONCORSO NAZIONALE ERCOLE OLIVARIO 2014

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA FRUTTATO LEGGERO

2 Classificato
Olio extravergine “Barbara C” - Az. Agr. Barbara (TP) Sicilia

1 Classificato
Olio extravergine “L'olio Di Felice Garibaldi” - Az. Agr. De Carlo Srl (BA) Puglia


OLIO EXTRAVERGINE DOP FRUTTATO LEGGERO

2 Classificato
Olio extravergine DOP Colline Teatine - Vastese “La Selvotta”
Az. Agr. Selvotta (CH) Abruzzo


1 Classificato
Olio extravergine DOP Garda Bresciano - Soc. Agr. Rocca Pietro e Rita s.s. (BS) Lombardia


OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA FRUTTATO MEDIO

2 Classificato
Olio extravergine “Il Notturno di S. Francesco” - Az. Agr. Ciarletti (PG) Umbria

1 Classificato
Olio extravergine “Lucia Di Meo” - Az. Agr. Lorizzo Valentina (BAT) Puglia


OLIO EXTRAVERGINE DOP FRUTTATO MEDIO

2 Classificato
Olio extravergine DOP Valli Trapanesi “Titone” - Az. Agr. Biologica Titone (TP) Sicilia


1 Classificato
Olio extravergine DOP Umbria - Colli Assisi Spoleto “Principe di Mascio”
Soc. Agr. Mascio srl (PG) Umbria

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA FRUTTATO INTENSO

2 Classificato
Olio extravergine “Tenuta Piscoianni Fruttato Intenso” - Az. Agr. Tenuta Piscoianni (LT) Lazio


1 Classificato
Olio extravergine “Fruttato” - Az. Agr. Fois Giuseppe (SS) Sardegna

 
OLIO EXTRAVERGINE DOP FRUTTATO INTENSO

2 Classificato
Olio extravergine DOP Colline Teatine “Trappeto di Caprafico” - Az. Agr. Masciantonio Tommaso (CH) Abruzzo


1 Classificato
Olio Extravergine DOP Monti Iblei Gulfi “Letizia” - Azienda Rollo (RG) Sicilia

 

MENZIONI SPECIALI


MENZIONE SPECIALE PER L’OLIO BIOLOGICO

Olio extravergine biologico Dop Colline Teatine “Trappeto di Caprafico”
Az. Agr. Masciantonio Tommaso (CH) Abruzzo


PREMIO SPECIALE AMPHORA OLEARIA

Azienda Agricola Tenuta Piscoianni (LT) Lazio

 

PREMIO "IL CORAGGIO DI FARE NUOVE IMPRESE AGRICOLE"

Azienda Agricola Lorizzo Valentina (BAT) Puglia

di C. S.
pubblicato il 31 marzo 2014 in Tracce > Italia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!