Anno 15 | 27 Luglio 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Boom dei consumi di cibo bio e a Km0

Solo in Italia i prodotti alimentari organici e locali valgono orami un miliardo di euro. La Grande distribuzione organizzata tiene conto di questo e sta allargando gli spazi dedicati. Negli Usa il 70% dei consumatori ha provato cibo bio o a Km0

I cosiddetti consumi responsabili, che comprendono cibo bio, organico, a km 0, e senza ingredienti che possono causare intolleranze sono gli unici a crescere nel carrello della spesa.

Fanno boom in mercati evoluti come gli Usa (valgono 15 miliardi), e anche in Italia sono in decollo da qualche anno, a un tasso dell'8-9% all'anno, per un valore di 1 miliardo. La Grande distribuzione organizzata tiene conto di questo e sta allargando gli spazi dedicati a questi prodotti. E' quanto emerge da un'analisi di The Boston Consulting Group illustrata nel workshop "la responsabilità di essere impresa e l'impresa di essere responsabili" svoltosi a Cibus Connect.

"Non è vero che negli Usa si mangia solo l'hamburger - osserva Lamberto Biscarini, senior partner e managing director di The Boston Consulting Group - almeno il 70% dei consumatori americani ha provato uno o più prodotti di consumo responsabile, c'è un grande interesse. La categoria più sviluppata è il cibo per bambini ma anche carne, ortofrutta e carta. Anche in Italia la domanda è in forte crescita e la Grande distribuzione organizzata ne tiene conto".

"I cosiddetti prodotti responsabili sono oggi il principale interesse del consumatore, che è più attento, informato e va in cerca della qualità - osserva Nicola Mastromartino, presidente Vegè - Le nostre aree dedicate a queste proposte rappresentano un 10-15% e sono in crescita" "La Gdo per essere responsabile deve comunque ridurre la pressione promozionale - afferma Mario Gasbarrino, presidente e ad Unes -- Non si può puntare solo sul low cost".

"L'impresa deve andare dalla parte del consumatore, come facciamo noi - dice Francesco Pugliese, ad e direttore generale Conad - Abbiamo lanciato la linea 'verso natura' con 300 prodotti che vanno incontro alle nuove esigenze dei clienti".

di C. S.
pubblicato il 13 aprile 2017 in Tracce > Economia

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva

Dop e Igp: serve una nuova strategia per le denominazioni d'origine dell'olio d'oliva