Anno 16 | 24 Settembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Vendemmia 2018: l'Italia ha la leadership mondiale

La produzione enologica nazionale dovrebbe attestarsi a 49 milioni di ettolitri, con un recupero del 15% sulla scorsa annata, tra le più scarse di sempre. Il Sud ha registrato le maggiori criticità legate all'andamento meteo che ha reso faticosa la gestione del vigneto e influito sulle operazioni vendemmiali, soprattutto per le varietà rosse

Sarà una vendemmia più abbondante rispetto al 2017 che dovrebbe riportare la produzione di vino in linea con il dato medio degli ultimi anni. In base alle stime effettuate da Ismea e Uiv e presentate a Roma, alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo Gian Marco Centinaio, la produzione enologica nazionale dovrebbe attestarsi a 49 milioni di ettolitri, con un recupero del 15% sulla scorsa annata, tra le più scarse di sempre.

Questi gli elementi principali emersi nel corso della conferenza stampa, organizzata presso il Mipaaft, nella quale sono stati presentati i risultati delle previsioni vendemmiali 2019.

La stima, come di consueto, è sintesi di una forbice che va da un minimo di 48 milioni e un massimo di 50 milioni di ettolitri e che, se confermata, permetterebbe all'Italia di mantenere la leadership mondiale nonostante i notevoli incrementi produttivi stimati anche per Francia e Spagna. Le ultime stime transalpine, infatti, fermerebbero la produzione a 46,1 milioni di ettolitri, mentre in Spagna sembra attendibile un tetto di 43 milioni di ettolitri.

Dal punto di vista qualitativo, lo sviluppo dei vigneti, iniziato sotto i migliori auspici, è stato condizionato dal clima bizzarro che ha alternato gelate, piogge e umidità e che ha fortemente ridimensionato le attese più rosse di inizio anno. Il risultato finale comunque dipenderà come di consueto dal periodo immediatamente precedente la vendemmia, fondamentale per la maturazione delle uve e il raggiungimento del giusto sviluppo del grado zuccherino. È stato soprattutto il Sud ad aver registrato le maggiori criticità legate all'andamento meteo che ha reso faticosa la gestione del vigneto e influito sulle operazioni vendemmiali, soprattutto per le varietà rosse. In generale comunque, sull'intero territorio italiano, nella campagna in corso più che in altre annate, sarà la capacità del viticoltore e l'attenzione posta al monitoraggio e alla cura tempestiva dei vigneti a fare la differenza sul prodotto finale, in un finale di stagione che ha richiesto un numero più elevato di trattamenti rispetto alla media.

"L'incremento produttivo della campagna in corso è un'importante notizia per le cantine italiane e consentirà di recuperare gli effetti negativi derivati dalla forte riduzione registrata nel 2017, soprattutto sul fronte delle esportazioni - afferma il Direttore Generale dell'ISMEA Raffaele Borriello - La minore disponibilità di prodotto dell'anno passato, associata ad un aumento consistente dei prezzi, ha determinato infatti nei primi 5 mesi del 2018 una riduzione del 10% dei volumi di vino esportati in tutto il mondo. Di rilievo il calo di prodotto italiano importato dalla Germania e dal Regno Unito e la conferma, a meno di clamorose sorprese, del sorpasso da parte della Francia nel mercato statunitense. Riteniamo comunque che l'incremento di produzione del 2018 avrà un effetto positivo sulla ripresa delle esportazioni italiane nei mercati internazionali, con la prospettiva di superare la soglia dei 6 miliardi di euro a fine anno."

“Siamo il paese europeo che produce più vino, ma sui mercati esteri non riusciamo ad essere i primi. La Francia ha una grande capacità di fare sistema ed un migliore e più efficiente sistema di promozione dei suoi prodotti.” Così il ministro Gian Marco Centinaio osservando i dati e il dossier dell’Osservatorio del vino.

“In Cina la Francia ha già acquisito importanti quote di mercato mentre noi ci troviamo ancora nella posizione di dover rincorrere. Serve essere più coordinati e fare sistema se vogliamo trovare le soluzioni, dobbiamo capire i nostri punti di debolezza per migliorare. È necessario migliorare in Italia per poter migliorare nel mondo e rilanciare una economia senza più campanilismi, puntando su innovazione, ricerca e semplificazione.

È stato fondamentale aver costituito il Comitato nazionale vini e aver fatto partire subito l’Ocm vino in modo da non dare vantaggi ai nostri competitors. Abbiamo inoltre accelerato i pagamenti per l’assicurazione, ha proseguito il ministro Centinaio, perché non è possibile che lo stato ritardi i pagamenti, tanto più se vogliamo essere efficienti. Abbiamo inoltre reintrodotto i voucher in agricoltura, ce lo chiedevano, agricoltori, imprenditori e l’intera filiera, si tratta di una risposta al settore vino per questa vendemmia e rappresenta un ulteriore strumento di lavoro e legalità.

Fondamentale rimane lo sviluppo del turismo legato all’agricoltura. Dobbiamo far conoscere maggiormente i nostri territori e i nostri prodotti, entrambe eccellenze italiane. Il turismo serve come aiuto a sviluppare le aree agricole, nonostante quanto dicano gli onorevoli Franceschini e Martina, e ciò è stato confermato anche al G20 di Buenos Aires durante il quale tutti i ministri dell’agricoltura hanno sottolineato questo intimo legame.”

di C. S.
pubblicato il 04 settembre 2018 in Strettamente Tecnico > Mondo Enoico

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!