Anno 16 | 12 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Italia o Spagna, purchè se magna... olio extra vergine di oliva di qualità

In occasione di Mercato Mediterraneo, alla Fiera di Roma, un momento di confronto tra i due player del mercato oleario mondiale, con un accento particolare sui modelli colturali e culturali che uniscono e differenziano i due mondi. Per la prima volta in Italia Antonio Luque, presidente di Dcoop

Mercato Mediterraneo non è solo una fiera ma un'occasione di incontro e dibattito intorno al mondo agricolo e rurale del Mediterraneo.

Focus di questa edizione è la Dieta Mediterranea e, ovviamente, non poteva mancare un momento dedicato al re dei grassi: l'olio extra vergine di oliva.

Domenica 25 novembre, dalle ore 16, presso il Teatro Eventi della manifestazione ci sarà un tavolo aperto composto di due sezioni, una propriamente tecnica e l'altra con un occhio al mercato e al consumatore.

Sarà un confronto, non uno scontro, tra Italia e Spagna per cercare di capire cosa unisce e cosa divide i due player principali dell'olio di oliva.

Sotti il titolo: extra vergine del Mediterraneo, opportunità di scambio, sviluppo e benessere, ci sarà ampio spazio al tema dell'identità, che si declina dal campo alla tavola.

In una prima sessione, dalla 16.00 alle 16.30, Alberto Grimelli, direttore di Teatro Naturale, animerà il dibattito su "modelli agronomici: tradizionale, intensivo o superintensivo?" con la partecipazione di Rafael Romero, agronomo e capo area tecnica di Dcoop e Angelo Bo, agronomo e membro Cda del Consorzio Igp Toscano.

A seguire una tavola rotonda per approfondire i modelli culturali e agronomici che sottostanno al poliedrico mondo dell’olio extra vergine di oliva. A tale scopo si creerà un momento di confronto e dibattito tra le diverse anime del settore e i relativi rappresentanti. L’intento sarà quello di far discutere tra loro i big del mercato e i portatori di nuovi approcci quale quello della sostenibilità.

Relatori della tavola rotonda saranno:

Antonio Luque, Presidente DCOOP, Spagna

Giovanni Zucchi, V.Presidente Oleificio Zucchi, Cremona

David Granieri, Presidente Unaprol

Francesca Rocchi Barbaria, Slow Food Italia Progetto Slowolive

Giuseppe Mazzocolin, Oleologo Az. Vitivinioleicola Fèlsina

Modererà i lavori Klaus Davi, lavori che saranno conclusi dal sottosegretario al Ministero Politiche Agricole, con delega alle Politiche Olivicole, Alessandra Pesce.

di C. S.
pubblicato il 20 novembre 2018 in Strettamente Tecnico > Eventi

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!