Anno 15 | 20 Ottobre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Più di cento varietà di olivi certificati Cac

Richieste sempre più consistenti di cultiavar italiane sane, selezionate per le eccellenti caratteristiche sanitarie e produttive. Il principale campo di piante madri è stato costituito nel 2007 presso l'Azienda di Santa Paolina del CNR-Ivalsa

In merito a notizie apparse recentemente sulla stampa, ci preme precisare che il CORIPRO-OLIVI DI PESCIA, Consorzio per la Certificazione Volontaria delle Piante di Olivo, è proprietario dal 2009 di piante madri Virus Esente delle principali varietà di olivo toscane (frantoio, leccino, maurino, moraiolo, pendolino), che conserva in un proprio campo di piante madri costituito nel 2007, in Toscana, presso l'Azienda di Santa Paolina del CNR-Ivalsa (Follonica-GR).

Conseguite tutte le autorizzazioni di legge, dal 2009 le aziende di Pescia aderenti al CORIPRO vi prelevano stagionalmente le marze che vengono allevate direttamente nei rispettivi vivai.

Grazie a una convenzione con l'Istituto Tecnico Agrario Statale Dionisio Anzilotti di Pescia, il CORIPRO dispone inoltre di un nuovo campo di circa 1500mq, dove ha in previsione di collocare le piante madri Virus Esente di altre otto varietà toscane (Correggiolo, Grappolo, Leccio del Corno, Olivastra seggianese, Piangente, Rossellino cerretano, San Francesco, Madremignola). Essenziali anch'esse per la produzione di olio extravergine toscano DOP e IGP.

Tutte le piante madri Virus Esente del CORIPRO sono il risultato di un progetto (Olviva) realizzato in collaborazione con Regione Toscana (Arsia) e CNR-Ivalsa, utilizzando materiale selezionato per le eccellenti caratteristiche sanitarie e produttive e soprattutto perchè riscontrato adatto ai terreni e al clima della Toscana, grazie alla competenza di funzionari ed esperti, a cui si è aggiunta l'esperienza di quei vivaisti che hanno creduto e credono nell'attività del Consorzio.

Il CORIPRO, infine, ha già dato il via ai preliminari per la costituzione nel territorio pesciatino di un altro campo di piante madri Virus Esente, ben più ampio, per far fronte alle richieste che si preannunciano consistenti.

Come è noto, il CORIPRO si adopera da sempre per la valorizzazione della produzione olivicola pesciatina. Dal 2014 dispone del Marchio Registrato OLIVI DI PESCIA, a cui è collegato un disciplinare interno per garantire l'originalità del prodotto con certificazione CAC (Esente dalle principali malattie dell'olivo), proveniente dalle piante madri conservate nelle rispettive aziende aderenti, mediamente in produzione da una trentina d'anni almeno, fra cui si annoverano oltre un centinaio di cultivar, (vedi http://coriprolivi.it/varieta- prodotte-da-piante-madri- presenti-nelle-nelle-aziende- associate/) gran parte delle quali costituenti il germoplasma toscano, oltre alle principali varietà regionali italiane e mediterranee.

di C. S.
pubblicato il 05 ottobre 2017 in Pensieri e Parole > Associazioni di idee

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva