Gastronomia 23/11/2018

Italiani severi con i ristoranti nazionali, statunitensi entusiasti

La regione con il miglior indice di gradimento è l'Umbria, con la Calabria sorpresa dell'anno che si piazza al quarto posto nell'indice di gradimento. Entra in classifica il Molise ed esce l'Abruzzo


La cucina italiana piace.

I critici più severi sono proprio gli italiani mentre i fan più sfegatati sono gli statunitensi secondo una ricerca Tripadvisor sulle recensioni degli utenti.

La proposta culinaria regionale più apprezzata, sia dagli italiani che da un pubblico internazionale, è quella della regione Umbria che si conferma leader dopo il successo dello scorso anno.

Il report, elaborato sul 2018, ha messo in particolare in evidenza un compiacimento maggiore degli stranieri verso la proposta culinaria nostrana rispetto agli italiani che confermano la loro severità nei confronti della propria offerta gastronomica, sorpassata solo dai finlandesi e seguita dagli spagnoli.

Per il 2018 Gli Stati Uniti, con un punteggio medio delle recensioni di 4.33, subentrano invece alla Russia come leader nella classifica dei Paesi che più amano i piatti e le pietanze italiane, mentre le novità sono Slovacchia (4.32), Albania (4.28) e Bulgaria (4.27) che prendono il posto di Israele, Cile e Ungheria, quest'anno fuori dalla classifica.

Nella classifica per regioni la new entry è invece la Calabria quarta per gli italiani (punteggio medio: 4.10), che prende il posto della Valle d'Aosta, e il Molise, terzo per gli stranieri (punteggio medio: 4.28), che rimpiazza l'Abruzzo. Analizzando infine i punteggi medi dati dai viaggiatori italiani ai ristoranti nel mondo una maggiore preferenza, rispetto al 2017, è data ai Paesi orientali: 8 dei 10 Paesi più apprezzati dagli italiani per la loro offerta ristorativa sono infatti in Asia (l'anno scorso erano 6). Le sole nazioni al di fuori del continente asiatico sono in Europa: Islanda (ottava) e Irlanda (decima).

di C. S.