Anno 16 | 22 Febbraio 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > SALUTE

Due kiwi al giorno per aiutare a prevenire la parodontite

Mangiare un paio di kiwi al giorno porta a una riduzione significativa del sanguinamento gengivale. L’assunzione di questi frutti aiuta a ridurre l’infiammazione e il distacco di gengive e denti

C. S.

Olio extra vergine di oliva e bergamotto utili per la terapia del dolore

La protezione antiossidante fornita dai polifenoli di frutta e verdura potrebbe svolgere un ruolo di supporto. Un’attenzione particolare è stata rivolta ai polifenoli contenuti nel bergamotto e nell’olio di oliva che potrebbero contrastare il fenomeno della tolleranza ai farmaci oppiacei

C. S.

Più prevenzione delle malattie cardiovascolari col pomodoro

Non tutte le proprietà del pomodoro sarebbero riconduciubili al solo licopene. Gli integratori al licopene agiscono sulla pressione ma altri composti del pomodoro contribuiscono a mantenere basso il livello del colesterolo

C. S.

L'olio extra vergine d'oliva può prevenire molti tipi di cancro

In presenza di sostanze cancerogene, come il dimetilbenzenantranzene, la dieta gioca un ruolo essenziale nella prevenzione della formazione di tumori. L'olio extra vergine d'oliva riuscirebbe a inibire fino all'80% delle neoplasie

R. T.

Un tè al giorno per tenere lontano la demenza senile

L'azione benefica del tè sarebbe dovuto all'azione delle catechine e dei flavonoidi presenti nelle foglie. Si tratta di sostanze antinfiammatorie che proteggono il cervello, dimezzando i rischi di demenza senile

C. S.

L'olio d'oliva aumenta l'assorbimento di sostanze bioattive

Non tutti i composti potenzialmente utili per il nostro corpo sono idrofili. Alcune sostanze idrofobe hanno bisogno di un mezzo per poter passare le barriere intestinali e poi poter diventare biodisponibili per il nostro corpo. E' il caso dei triterpenoidi pentaciclici della calendula

R. T.

La Dieta Mediterranea protegge dal cancro al seno

Sempre più donne si ammalano di tumore al seno dopo la menopausa. Tutta colpa del cancro ER/PR negativo, ma seguendo la Dieta Mediterranea potrebbero essere evitati circa un terzo dei casi

C. S.

Più frutta e verdura per stare in salute

Cinque porzioni di frutta e verdura al giorno sono il minimo consigliato dall'Organizzazione mondiale della sanotà ma secondo scienziati inglesi sarebbe meglio raggiungere le dieci porzioni per avere reali effetti benefici

C. S.

Burro, olio d'oliva ed extra vergine. Quale è meglio per il nostro intestino?

E' noto che il microbiota intestinale gioca un ruolo fondamentale per la nostra salute e, quindi, è necessario che sia sempre in equilibrio. L'utilizzo di differenti grassi nella dieta può influenzare significativamente la composizione batterica intestinale

R. T.

L'olio extra vergine d'oliva protegge il cuore

Una ricerca iberica ha evidenziato come mangiare quattro cucchiai di olio extra vergine di oliva al giorno, nell'ambito della Dieta Mediterranea, porta a contrasto alla formazione di placche nelle arterie e a un miglioramento della capacità vasodilatatoria

T N

Dagli insetti l’integratore del futuro contro le malattie cardiovascolari

Dalla camola della farina e dalla camola del miele un parterre di composti utili, sostanze molto efficaci nella terapia dell'ipertensione arteriosa, del post-infarto del miocardio e dell'insufficienza cardiaca cronica. Ambedue le specie presentano, poi, un basso valore di colesterolo

C. S.

Troppo fruttosio ai bambini aumenta rischio di malattie al fegato

Una lattina di bevanda zuccherata o 100 grammi di marmellata contengono già la dose massima cconsigliata di fruttosio per un bimbo in età pediatrica. Ogni grammo in eccesso accresce di una volta e mezza il rischio di sviluppare malattie epatiche gravi

T N

I cereali integrali sono dietetici, oltre a far bene al nostro corpo

Sostituire i cereali raffinati con quelli integrali significa anche perdere 100 calorie al giorno. L'effetto non è dovuto al maggiore senso di sazientà, da sempre attribuito ai cereali integrali, ma all'attivazione del metabolismo basale e all'interazione con altri alimenti

T N

L'idrossitirosolo contenuto nell'olio extra vergine di oliva migliora l'elasticità delle arterie

La rigidità arteriosa è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, al pari della quantità di trigliceridi nel sangue. L'utilizzo di un estratto di idrossitirosolo, somministrato giornalmente, migliora gli indicatori arteriosi

T N

L'uva può aiutare a combattere la demenza senile

I polifenoli contenuti nell'uva sarebbero in gradi di contrastare l'invecchiamento celebrale e anche il morbo di Alzheimer. A scoprirlo l’università della Califoria di Los Angeles che suggerisce di consumare almeno un grappolo d'uva al giorno

C. S.

La liquirizia in gravidanza potrebbe essere pericolosa

Alcune sostanze contenute nella liquirizia possono trasferirsi dalla madre in attesa al feto, con effetti nocivi a lungo termine sullo sviluppo delle facoltà intellettive, portando a eventuali problemi di memoria

C. S.

L'olio extra vergine di oliva fa bene alle nostre ossa

L'osteoporosi provoca fratture ossee con maggiore frequenza, limitando la libertà e peggiorando la qualità della vita di chi ne soffre. Bastano 4-5 cucchiai di ottimo olio extra vergine di oliva al giorno per dimezzare i rischi

T N

Una dieta ricca di ferro per un buon successo scolastico

Una ricerca americana ha dimostrato che gli studenti con riserve più alte di ferro avevano voti mediamente più elevati di quelli con tenori più bassi. Per avere un buon successo scolastico, quindi, è necessario nutrirsi con verdure, cereali e un po' di cioccolato

C. S.

<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

L'olio extra vergine di oliva non ha alcun valore

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Aceto di oliva: un possibile nuovo prodotto dalle acque di vegetazione

Lavorare gratis per la pubblica amministrazione e pagare le tasse. E' questo il destino dei professionisti italiani?