Anno 15 | 20 Ottobre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > SALUTE

La Dieta Mediterranea fa bene al cervello

Con l'avanzare dell'età perdiamo cellule celebrali. La dieta può assumere un peso determinante nel rallentare questo processo di invecchiamento. Differenti consumi di carne o di pesce non sono stati correlati a cambiamenti del cervello

T N

Il peperoncino contro malattie cardiache e ictus

Non solo modulazione del flusso sanguigno nelle coronarie ma anche un'azione antibatterica utile a regolare la flora intestinale. Il peperoncino è poi ricco di vitamina B, C e pro-vitamina A che proteggono il nostro corpo

T N

Un bicchiere di vino stimola l'appetito

Secondo uno studio condotto dal Francis Crick Institute di Londra, l’alcol arriva ai neuroni del cervello e attiva la sensazione di fame, spingendoci anche a mangiare più del dovuto. E' l'effetto aperitivo

T N

Ridurre il consumo di sale, per salvare anni di vita

Ricercatori inglesi hanno applicato a 183 Paesi un modello statistico sviluppato per analizzare l'apporto di sodio, i livelli di pressione sanguigna e gli effetti sulle malattie cardiovascolari, scoprendo che si potrebbero salvare fino a 6 milioni di anni di vita

C. S.

Troppo zucchero nella dieta accorcia la vita

Una dieta troppo ricca di zuccheri influenzerebbe il gene della longevità. Anche se le cattive abitudini alimentari vengono abbandonate, gli effetti negativi possono durare a lungo, accelerando i processi di invecchiamento

T N

Il magnesio, composto chiave per il benessere delle nostre coronarie

Il magnesio è indispensabile per il nostro benessere: 100 mg in più al giorno nella dieta potrebbero ridurre il rischio di ictus del 7% e diabete di tipo 2 del 19%. Il magnesio è contenuto nelle noci, in alcune verdure a foglia verde, nel pesce e nella carne

C. S.

L'olio extra vergine d'oliva, base di una sana dieta vegetariana

Il vegetarismo è alla base del nostro modello alimentare mediterraneo per l’80%, come emerso durante il Congresso Nazionale della Società Italiana di Nutrizione Vegetariana che ha visto anche la partecipazione delle signore dell'olio di Pandolea

Martina Montecchia

Il beta glucano dell'orzo protegge il nostro ippocampo

Pasta, pane, biscotti o altri preparati a base di orzo sarebbero in grado di rendere l'organismo più resistente allo stress, all'obesità e ai rischi correlati. Il beta glucano idrosolubile sarebbe infatti in grado di proteggere il DNA dai danni ossidativi

C. S.

I grassi saturi sono pericolosi per cuore e arterie

I grassi saturi, tra cui l'olio di palma e l'olio di cocco, aumentano considerevolmente il rischio di infarto. Sostituire l’1% delle calorie derivanti dall’assunzione di acido palmitico con altri nutrienti può ridurre i danni all'apparato cardiocircolatorio

T N

Il vino bianco aumenta il rischio di tumore alla pelle

Circa il 3.6% dei casi di cancro nel mondo, sono stati attribuiti all’uso di alcool, inclusi il cancro del fegato, del pancreas, del colon, del retto e al seno. I ricercatori hanno scoperto che la relazione tra melanoma e alcool affliggeva principalmente le parti del corpo meno esposte alla luce

R. T.

Le insalate in busta più esposte al rischio di salmonella

Dopo la preparazione e il taglio delle foglie si possono sviluppare colonie batteriche che, grazie al liquido xylematico rilasciato dopo il taglio, possono propagarsi. Per non incorrere in rischi occorre consumare il prima possibile l'insalata in busta dopo l'acquisto

C. S.

E' autunno, tempo anche di frutta secca, per migliorare l'umore

Cresce il mercato della frutta secca e disidratata in Italia mentre si moltiplicano gli studi sulle proprietà benefiche di un consumo moderato di noci, nocciole e mandorle. Una manciata di noci al giorno, per esempio, migliora l'umore

T N

Liquirizia pericolosa per la fertilità delle donne

L’isoliquiritigenina contenuta nella liquirizia possiede delle proprietà antitumorali, benefiche in particolare per alcuni tipi di carcinomi della mammella, della prostata e del colon. Però può provocare un problema ormonale nelle ovaie

C. S.

Panettone e pandoro, quanto ci fanno davvero ingrassare?

Attenzione in particolare all'assunzione di zuccheri semplici, che già oggi consumiamo più della dose giornaliera suggerita dall'organizzazione mondiale della sanità. Qualche calorie ci apporta una fetta di penettone e un pezzo di torrone?

C. S.

L'extra vergine e l'olio d'oliva nelle parole dei nutrizionisti

Secondo Manuela Mapelli l'extra vergine è sconsigliabile in frittura. Tesi smentita dalla collega Tiziana Stallone. E quanto extrra vergine consumare? 10 grammi secondo Franco Berrino mentre Federico Ferrero ritiene gli altri oli di oliva "non commestibili"

T N

Bambini a rischio con consumo elevato di oli vegetali

L’acido erucico, un contaminante naturale presente negli oli vegetali, non costituisce un problema di sicurezza per la maggior parte dei consumatori. Può tuttavia costituire un rischio a lungo termine per la salute di bambini di età fino a 10 anni 

C. S.

Ora gli americani si inventano l'olio dimagrante

Secondo ricercatori della PennState University l'olio di colza farebbe perdere peso, specie nella zona addominale, in virtù del ridotto contenuto in grassi saturi e per l'alto contenuto di grassi monoinsaturi

R. T.

Un uovo al giorno leva il medico di torno

Contro l'ictus le uova possono essere delle utili alleate. Fino a un uovo al giorno non ci sono conseguenze per l'apparato cardiocircolatorio ma si può ridurre il rischio di ictus fino al 12%, grazie ad antiossidanti, vitamine E, D, e A

C. S.

<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva