Anno 15 | 27 Giugno 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

TRACCE > SALUTE

Le diete low fat possono essere pericolose per cervello e metabolismo

Pochi grassi significa più zuccheri che in eccesso fanno male al metabolismo e aumentano il rischio diabete. Una dieta low fat porta a mangiare di più proprio perché i cibi sono meno calorici

C. S.

Una dieta ricca di grassi monoinsaturi può allungare la vita

Una ricerca dell'Università di Stanford dimostra come i grassi monoinsaturi, di cui è ricco l'olio extra vergine di oliva, sarebbero responsabili di modificare una via metabolica e complessi proteici epigenetici tanto da aumentare la sopravvivenza fino al 30%

T N

Le bibite fanno male al cervello, anche quelle diet

Secondo i ricercatori della Boston University vi è un rapporto causa-effetto tra il consumo di bibite zuccherate, comprese quelle diet, e la demenza. Maggiori anche i rischi per l'Alzheimer e l'ictus

C. S.

Il cioccolato fondente fa bene al cuore

Uno studio dell’Osservatorio Grana Padano ha rilevato che 60 grammi di cioccolato a settimana riducono il rischio cardiovascolare. Il cioccolato va però consumato con moderazione nei soggetti che soffrono di gastrite e reflusso gastro-esofageo, poiché può causare un peggioramento dei sintomi

C. S.

I superfood sono una medicina per tre italiani su dieci

Si seguono le mode, e non sempre le informazioni scientifiche. Italia leader nel consumo di bacche di Goji. Sette italiani su dieci sono convinti infatti che questa bacca possa essere utilizzata a scopo curativo. Molta amata anche la curcuma

T N

L'olio extra vergine d'oliva, un grasso che combatte i grassi

L'idrossitirosolo contenuto nell'extra vergine sarebbe in grado di contrastare la steatosi epatica. Un olio di ottima qualità sarebbe quindi in grado di combattere gli effetti negativi di una dieta squilibrata, troppo ricca di grassi saturi, riattivando gli enzimi buoni per cervello, cuore e fegato. Gli effetti non sarebbero solo protettivi ma anche curativi

T N

Arricchire di fenoli l'olio d'oliva, utile ma non troppo

L'extra vergine naturalmente ricco di composti fenolici avrebbe maggiori benefici per il nostro apparato cardiocircolatorio di un olio arricchito con fenoli di altra provenienza. L'amaro e il piccante aiutano a proteggere le vitamine liposolubili nel plasma, riducendo i rischi di ipertensione, aterosclerosi, insufficienza renale, diabete

C. S.

No al fai da te nell'uso terapeutico di zenzero e curcuma

Gli errori dovuti alla mancanza di educazione alimentare influiscono sulla gestione del dolore. Zenzero, curcuma e frutta sono molto utili ma deve essere un medico a suggerire le dosi. Diffidate dunque dei suggerimenti on line

C. S.

Due kiwi al giorno per aiutare a prevenire la parodontite

Mangiare un paio di kiwi al giorno porta a una riduzione significativa del sanguinamento gengivale. L’assunzione di questi frutti aiuta a ridurre l’infiammazione e il distacco di gengive e denti

C. S.

Olio extra vergine di oliva e bergamotto utili per la terapia del dolore

La protezione antiossidante fornita dai polifenoli di frutta e verdura potrebbe svolgere un ruolo di supporto. Un’attenzione particolare è stata rivolta ai polifenoli contenuti nel bergamotto e nell’olio di oliva che potrebbero contrastare il fenomeno della tolleranza ai farmaci oppiacei

C. S.

Più prevenzione delle malattie cardiovascolari col pomodoro

Non tutte le proprietà del pomodoro sarebbero riconduciubili al solo licopene. Gli integratori al licopene agiscono sulla pressione ma altri composti del pomodoro contribuiscono a mantenere basso il livello del colesterolo

C. S.

L'olio extra vergine d'oliva può prevenire molti tipi di cancro

In presenza di sostanze cancerogene, come il dimetilbenzenantranzene, la dieta gioca un ruolo essenziale nella prevenzione della formazione di tumori. L'olio extra vergine d'oliva riuscirebbe a inibire fino all'80% delle neoplasie

R. T.

Un tè al giorno per tenere lontano la demenza senile

L'azione benefica del tè sarebbe dovuto all'azione delle catechine e dei flavonoidi presenti nelle foglie. Si tratta di sostanze antinfiammatorie che proteggono il cervello, dimezzando i rischi di demenza senile

C. S.

L'olio d'oliva aumenta l'assorbimento di sostanze bioattive

Non tutti i composti potenzialmente utili per il nostro corpo sono idrofili. Alcune sostanze idrofobe hanno bisogno di un mezzo per poter passare le barriere intestinali e poi poter diventare biodisponibili per il nostro corpo. E' il caso dei triterpenoidi pentaciclici della calendula

R. T.

La Dieta Mediterranea protegge dal cancro al seno

Sempre più donne si ammalano di tumore al seno dopo la menopausa. Tutta colpa del cancro ER/PR negativo, ma seguendo la Dieta Mediterranea potrebbero essere evitati circa un terzo dei casi

C. S.

Più frutta e verdura per stare in salute

Cinque porzioni di frutta e verdura al giorno sono il minimo consigliato dall'Organizzazione mondiale della sanotà ma secondo scienziati inglesi sarebbe meglio raggiungere le dieci porzioni per avere reali effetti benefici

C. S.

Burro, olio d'oliva ed extra vergine. Quale è meglio per il nostro intestino?

E' noto che il microbiota intestinale gioca un ruolo fondamentale per la nostra salute e, quindi, è necessario che sia sempre in equilibrio. L'utilizzo di differenti grassi nella dieta può influenzare significativamente la composizione batterica intestinale

R. T.

L'olio extra vergine d'oliva protegge il cuore

Una ricerca iberica ha evidenziato come mangiare quattro cucchiai di olio extra vergine di oliva al giorno, nell'ambito della Dieta Mediterranea, porta a contrasto alla formazione di placche nelle arterie e a un miglioramento della capacità vasodilatatoria

T N

<< | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | >>

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Il Mastro Oleario, un treno da non perdere assolutamente

Il superintensivo spagnolo conviene davvero agli olivicoltori italiani?

Prepariamoci a un gran cambiamento per i consumi di olio extra vergine di oliva al ristorante

La rovina dell'olio extra vergine d'oliva italiano

Quando il valore aggiunto non è l'olio extra vergine d'oliva