Anno 16 | 11 Dicembre 2018 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

Crolla l'export di olive nere spagnole negli Stati Uniti

L'applicazione dei dazi voluti da Trump mette in ginocchio i produttori spagnoli. L'export diminuisce del 72% nei mesi di agosto-settembre, primi due mesi di applicazione delle tariffe definitive. I dati disponibili indicano già l'industria californiana come il grande beneficiario della misure

Le esportazioni spagnole di olive nere verso gli Stati Uniti sono diminuite del 72% nei mesi di agosto-settembre, primi due mesi di applicazione dei dazi definitivi imposti sulle importazioni dalla Spagna che, secondo i dati del Dipartimento delle dogane degli Stati Uniti, ammontano complessivamente al 35%.

In volume, le esportazioni di olive nere dalla Spagna verso gli Stati Uniti sono passate da 5,5 milioni di chili a 1,5, il 71,8% in meno e in valore da 12,5 milioni di dollari a 4,1 milioni di dollari, il 66,7% in meno.

In contrasto con il calo della Spagna, il resto dei paesi che esportano olive nere negli Stati Uniti è cresciuto del 46,8% - da 1,8 a 2,6 milioni di chili - e il Marocco si è distinto per averlo fatto del 76,3%, anche se non riescono a compensare il calo di 4 milioni di chili delle importazioni dalla Spagna, con un calo totale delle importazioni del 42,5%.

Come previsto, i dati disponibili indicano già l'industria californiana come il principale beneficiario delle tariffe. Così, nonostante il calo del consumo apparente di olive nere negli Stati Uniti nel periodo analizzato agosto-settembre di quasi il 19%, le vendite in California sono cresciute del 2,3% mostrando una chiara tendenza al rialzo poiché solo nel mese di settembre, l'ultimo mese disponibile, ha fatto così 10,5% rispetto ad un calo delle esportazioni dalla Spagna del 76,5%.

Il confronto dell'ultimo mese disponibile, settembre 2018, contro settembre 2017, rispecchia perfettamente quanto sta accadendo: le esportazioni di olive nere dalla Spagna sono scese da 2,3 milioni di chili a 0,5, passando dal 78% delle importazioni al 30% e dal 34,5% dei consumi neri statunitensi al 9%.

di C. S.
pubblicato il 13 novembre 2018 in Tracce > Mondo

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Caratteristiche chimiche e annata di raccolta sull'etichetta dell'olio d'oliva, più dubbi che certezze

Evviva, sono tornate le truffe olearie! Ecco cosa accadrà all'olio d'oliva italiano

Evitare di filtrare l'olio extra vergine di oliva si può, ma a precise condizioni

Gli olivi devono produrre a costi accettabili: analisi di quelli fissi e variabili

Il tappo antirabbocco per l'olio extra vergine d'oliva va vietato: è pericoloso!