Anno 15 | 11 Dicembre 2017 | redazione@teatronaturale.it ACCEDI | REGISTRATI

La Germania dà il via libera al glifosato per altri cinque anni

Decisivo il voto tedesco per autorizzare il diserbante. Italia e Francia hanno espresso voto contrario. 18 i Paesi favorevoli al rinnovo, contro 9 che hanno espresso parere negativo. Soddisfazione della Commissione europea

Il Comitato d'appello dell'Unione europea ha deciso di dare il via libera al glifosato per altri cinque anni.

L'autorizzazione alla commercializzazione e all'uso, in scadenza ai primi di dicembre, viene così prolungata.

A sostare gli equilibri del vito la Germania che nelle precedenti sessioni si era sempre astenuta e che invece in questa occasione ha deciso di esprimere parere favorevole, portando a 18 il numero di nazioni che hanno votato sì, contro le nove che hanno espresso parere contrario, tra cui Italia, Belgio, Grecia, Francia, Ungheria, Cipro, Malta, Lussemburgo e Lettonia. 

Il voto solleva la Commissione dalla pesante responsabilità di assumere una decisione senza un accordo politico tra i Paesi membri.

Palese la soddisfazione per Commissario alla salute Vytenis Andriukaitis che afferma che la decisione assunta dal Comitato d'appello "dimostra che quando tutti vogliamo, siamo in grado di condividere e accettare la responsabilità collettiva nel processo decisionale".

Italia e Francia, intanto, si preparano a ergere le barricate.

"Abbiamo votato contro il rinnovo perché siamo convinti che l'utilizzo di questa sostanza vada limitato. L'Italia già adotta disciplinari produttivi che limitano l'uso del glifosato a soglie inferiori del 25% rispetto a quelle definite in Europa al fine di portare il nostro Paese all'utilizzo zero del glifosato entro il 2020" ha detto all'Ansa il ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina.

"Il glifosato è un prodotto potenzialmente a rischio per la salute dei francesi e per l'ambiente e la biodiversità", ha dichiarato la segretaria di Stato francese presso il ministero dell'Ambiente, Brune Poirson. Molto più decisa la posizione del Presidente Macron: "La Francia proibirà l’uso del glifosato nel giro di tre anni al massimo” ha dichiarato in un tweet accompagnato dall'hastag #MakeOurPlanetGreatAgain. Questo mentre il Ministro all'agricoltura transalpino si reallegrava del rinnovo all'autorizzazione del glifosato.

 

 

di C. S.
pubblicato il 28 novembre 2017 in Tracce > Mondo

ARTICOLI PIÙ COMMENTATI

Olio extra vergine di oliva italiano: la rabbia e l'orgoglio

Il terribile prezzo della globalizzazione: la perdita della ruralità

Dalla competenza nasce la garanzia per i consumatori, l'esempio del Mastro Oleario

Un bagno d'umiltà per gli assaggiatori d'olio d'oliva

Il sommelier, l'evoluzione culturale di una professione